8 Nov 2019

Parco Cristallo: cinque amiche gestiscono un centro olistico immerso nella natura

Improntato sull'olismo, sulla spiritualità e sull'esoterismo, Parco Cristallo è un sogno che vede protagoniste cinque amiche con l'obiettivo di condividere con il prossimo il loro approccio alla vita. È nato così, nel 2013, questo progetto immerso nel verde delle colline marchigiane.

Marche - Parco Cristallo è un un parco tematico che si trova a Gesso di Sassofeltrio, un borgo ubicato nei pressi San Leo, Pennabilli e Urbino, capitale del Montefeltro, alle pendici della Val Conca. Da poco al parco si è aggiunto un B&B. «L’approccio olistico qui è essenziale! L’energia che permea questi ambienti è limpida e vibrante, capace di armonizzare corpo, mente e anima», ci racconta Milena, che insieme ad altre quattro amiche gestisce la struttura e accoglie i visitatori

Ma com’è iniziato questo percorso? «All’inizio del 2013 sono iniziati  i lavori per realizzare una visione – risponde Milena –: un parco dove il mondo invisibile avesse la massima visibilità, cioè dove poter interagire con le energie e le vibrazioni  sottili». È così che a poco a poco sono arrivate le idee per creare spazi per la meditazione come l’Orto degli Ulivi, dove sedersi sotto quattro ulivi secolari in contatto con se stessi, il Luogo del Silenzio, un piccolo gazebo dove ritirarsi in preghiera o meditazione, e il Tempio del Sole, un gazebo che  permette di connettersi con l’energia del sole. 

Olismo - La Nuova Scienza
Dal pensiero unico alla visione sistemica
carrello

Ci sono poi luoghi dedicati alle energie “magiche” e alcune opere che sono state create per stimolare un percorso di crescita interiore, ma il posto d’onore nel parco ce l’ha il Labirinto di Chartres, costruito con le misure effettive di quello dell’omonima cattedrale in Francia, dove si percorrono centinaia di metri per arrivare al “centro di sé stessi”. 

Non poteva mancare un tributo alla Madre Terra, con una statua della Dea madre e la simbologia del femminino sacro, il tutto corredato di una dettagliata descrizione come lo sono tutte le opere realizzate, allo scopo di fornire informazioni e rendere così il parco un “libro a cielo aperto” e chissà, magari portare il visitatore a intraprendere un cammino di conoscenza più ampio. 

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

«Questo – spiega Milena – può essere definito l’intento visibile del parco, che ha la finalità di divulgare informazioni e favorire interazioni con le energie del Cielo e della Terra. Ma lo spirito interiore del parco è descritto nel suo motto: “cooperazione e condivisione”. Per questo motivo Parco Cristallo è sempre aperto ai visitatori, ma anche condiviso con chiunque voglia organizzare eventi privati o pubblici, manifestazioni, seminari e concerti, sia all’aperto che nello spazio magico di una yurta». 

La cooperazione è libera, con “gioia e senza sforzo” e in base al tempo, alle idee e ai mezzi che ognuno ha a disposizione: «Chiunque può portare un pezzetto di sé, che sia un oggetto, un’ora del proprio tempo o un’idea da realizzare, ciò che conta è avere uno spirito animato dalla voglia di cooperare per condividere». 

Dal 2018 il parco è affiancato da un nuovo progetto che nasce in amicizia dalla cooperazione di cinque magiche donne che hanno saputo modellare le risorse disponibili, facendole germogliare fino alla fioritura della Casa Cristallo, un B&B e associazione culturale che promuove il benessere olistico oltre al contatto con la natura attraverso escursioni, passeggiate erboristiche e raccolta di erbe spontanee.  

L’attività ricettiva è importante non solo per dare solidità e sostenibilità a tutto il progetto, ma anche per trasmettere agli ospiti la visione di Parco Cristallo: «Il servizio che cerchiamo di offrire è accurato, amorevole, empatico e sensibile. Le operatrici che camminano questo luogo sono su un percorso di consapevolezza e autoconoscenza da anni, al punto di riscoprire in loro talenti, che mettono a disposizione di chi richiede sostegno e supporto. Questa è una casa viva e invitiamo tutti a venirla a “sentire” con i propri sensi!».

Parco Cristallo si inserisce perfettamente nell’ecosistema del luogo. «Siamo parte della rete “Casa delle Erbe” creata da Maria Sonia Baldoni, detta la “Sibilla delle erbe”, e perciò nel parco promuoviamo passeggiate erboristiche e raccolta di erbe spontanee, oltre a curare i tramandi delle tradizioni antiche collegate ai cicli della natura».

Milena conclude confidandoci un altro, piccolo obiettivo: «Il futuro del B&B? Il sogno che condividiamo tutte e cinque è di trasformarlo, un domani, in Villa Arzilla, che sarà il luogo dove potremo invecchiare insieme!».

Guarire il Mondo con l'Anima
Soulution – Il manifesto della nuova spiritualità olistica
carrello


Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Due anni in viaggio con…Piemonte che Cambia!

Viaggio tra gli eremiti d’Italia #12 – Pregare e sporcarsi le mani
Viaggio tra gli eremiti d’Italia #12 – Pregare e sporcarsi le mani

Ciuco Raduno 2.0: uomini e asini insieme per condividere!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti