23 Mar 2016

Natura e spiritualità: alla scoperta del Parco Cristallo

Scritto da: Lorraine di Puglia

Situato a Gesso, un piccolissimo paesino del comune di Sassofeltrio nella provincia di Pesaro-Urbino, Parco Cristallo coniuga spiritualità, divertimento e convivialità e durante tutto l'anno propone seminari e percorsi personali.

Milena aveva un sogno e lo ha realizzato quando ha dato vita a Parco Cristallo, un parco tematico a Gesso di Sassofeltrio, Borgo sorto nei pressi San Leo, Pennabilli e Urbino, Capitale del Montefeltro, alle pendici della Val Conca. Lo ha chiamato Parco Cristallo, sia perché si trova alla base di una Montagna di Selenite, sia per il “tono cristallo” del Calendario Maya, che riporta alla cooperazione.

 parco_cristallo1

È un luogo dove “il Mondo dell’Invisibile ha la massima visibilità”, di qualsiasi matrice esso sia.
Il Filo di Arianna che riconduce all’Essenza si dipana attraverso spazi meditativi, angoli dedicati a culti di popoli antichi, percorsi di crescita interiore, e ancora ambienti dedicati alle Energie Magiche di Angeli, Spiriti di Natura, ecc. Ognuno troverà, all’interno del Parco, la sintonia che più gli aggrada, la risonanza che più lo connette su un piano di spiritualità ed armonia.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

Molte sono le attività e i seminari che si svolgono al Parco Cristallo durante tutto il corso dell’anno, e molte le situazioni di raccoglimento e percorsi personali che questo luogo offre.

 

Sono presenti nel Parco:
-Un Giardino delle Fate: per entrare in contatto con gli Spiriti di Natura
-Un Labirinto di Chartres: riproduce esattamente il Labirinto sito all’interno della Cattedrale, da percorrere nel prato.
-Una Ruota dei Tarocchi: una ruota con i 22 arcani maggiori con relativa spiegazione ad ogni carta
-Un Cerchio Druidico: un cerchio Celtico di 13 alberi, uno per ogni lunazione, con al centro delle rune da consultare.
-Un Cerchio Sciamanico: una siepe a spirale con dentro uno spazio per  il fuoco per riti sciamanici, tamburi ecc.
-Un Orto degli Ulivi: spazio con un tronco di legno su cui sedersi a meditare sotto  4 ulivi secolari.
-Un Roseto Mariano:  con una statua della Madonna di Medjugorie
-Una  Posta degli Angeli: una cassetta postale dove leggere un Messaggio Angelico.
-Un  Viale degli Amici: un viale ai cui lati ognuno può piantare una pianta o un arbusto, curarlo e vederlo crescere come specchio della propria crescita interiore.
-Una rappresentazione  di Geometria Sacra: il Fiore della Vita
-Una  Croce Templare: simbolo dei Cavalieri dell’Ordine
-Un Tempio del Sole:  un gazebo dove sostare e prendere informazioni ed energia dal Sole in qualunque posizione si trovi
-Un Luogo del Silenzio: un Gazebo dove pregare e meditare in silenzio, ognuno il proprio Credo
– Uno Spazio Orto: ovvero un prato da coltivare per chiunque voglia cimentarsi nella cura di un orto e che offre la possibilità di riconoscere le molte erbe spontanee che crescono in grande quantità nei due ettari di terreno del parco.

 

Milena, assieme ai suoi collaboratori, ha anche ideato tre percorsi Esperienziali:

  • ”Il Percorso del  Risveglio”: la via dell’Adesso per vivere appieno il qui e ora.

  •  “Il Percorso Sensoriale’’: riscoprire i nostri 5 Sensi Fisici ed il Sesto Senso.

  •  “Il Percorso dei Sensi Psichici’’: riscoprire e affinare i Sensi Superiori .

 

Molti sono ancora gli angoli da svelare, in questo Parco che associa spiritualità, divertimento e convivialità.

 YURTA

 

Nel parco si trova una Yurta che può contenere fino a 35 persone sedute e al cui interno è possibile ascoltare (oltre che  in varie aree del Parco) una rilassante musica a 432 hertz.

 

Si trovano ancora ancora Il Cerchio d’Oriente, il Grande Menhir, il giardino dell’Energia del Colore del Cuore, L’Angolo della Dea e l’Angolo dello Specchio,  la cui ricerca risveglia il Tempo del gioco e della scoperta, ma anche quello della crescita e della riflessione.

 

Il Parco è dotato di una casetta in legno con l’attrezzatura per il giardinaggio, dispensa con frigorifero, lavello ed un gazebo con tavolo e sedie per fare pic nic con cibo portato da casa. Per chi desidera pernottare si può trovare alloggio nel Borgo di Gesso.

 parco_cristallo3

 

Come lo definisce Milena, il Parco Cristallo è un Universo Parallelo a questo Pianeta Terra situato in una felicissima posizione geografica visto che, nel raggio di una  trentina di chilometri, si possono visitare ben tre luoghi Patrimonio Unesco: l’alchemica San Leo, dove venne imprigionato Cagliostro; Urbino, capitale rinascimentale, città che diede i natali a Raffaello; e si può approfittare di un viaggetto all’estero nella Repubblica di San Marino, Terra della Libertà.

 

A meno di 50 km dal Parco si trova poi La Riserva Naturale di Sasso Simone. I più arditi possono anche andare a caccia delle varie vasche rupestri presenti nella Val Marecchia, circa dodici. È una valle limitrofa alla Val Conca, una delle “più belle Valli d’Italia” come affermava Tonino Guerra, che ne è stato Mentore per tutta la vita.

 

Per informazioni
Milena Alessandrini
brigit64@alice.it 333 4373371

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Così sentiamo il mondo che esploriamo”: i viaggiatori non udenti Allan e Chris

Vivere festival ed eventi condividendo camper e van

6 febbraio 2013 – Tra Etain e Jacopo Fo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora