Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Gen 2020

Nasce la rete degli Eco-attori per tutelare la biosfera del Monviso

In Piemonte sta nascendo una rete di eco-attori, cittadini che si impegnano a promuovere le aree naturali montane facendosi “ambasciatori” dei valori ambientali e culturali nei territori del Monviso. In che modo? Creando servizi innovativi che permettano il rafforzamento delle comunità locali, favoriscano la nascita di green economies, promuovano il turismo e la riorganizzazione dei servizi socio-sanitari all’interno del programma MAB - Man and Biosphere.

Creare una rete trasversale e composta da cittadini provenienti dai diversi settori che rappresentino la molteplicità delle ricchezze del territorio. Così il Parco del Monviso e quello del Queyras invitano i cittadini a creare una rete di “Eco-Attori” nei territori piemontesi al confine tra Italia e Francia, in un percorso collettivo improntato allo sviluppo sostenibile e alla valorizzazione delle aree montane. Un percorso che permetterà agli abitanti di aumentare lo scambio di buone pratiche e di diventare veri e propri “ambasciatori” dei valori ambientali e culturali nelle terre montane.

Il progetto fa parte del programma MAB – Man and Biosphere (Uomo e Biosfera), un’iniziativa intergovernativa del settore scienze dell’UNESCO e si basa sul presupposto che la conservazione degli ecosistemi e lo sviluppo socio-economico debbano essere strettamente interconnessi, rafforzando in sintesi il concetto che oggi chiamiamo “Sviluppo Sostenibile”.

E sono proprio la sopravvivenza e lo sviluppo del territorio di montagna l’obiettivo del progetto. Per questo le comunità locali italiane e francesi che vivono ai piedi del Monviso sono invitate alla creazione di servizi innovativi per mantenere il territorio vivo e attrattivo, valorizzando la sua ricchezza nella diversità naturale e culturale.

L’obiettivo è costruire una strategia condivisa attraverso l’istituzione di una governance permanente, il sostegno alla nascita di green economies che valorizzino il territorio, la promozione di un turismo internazionale intorno al simbolo del Monviso, una politica di sostegno a domicilio o la riorganizzazione dei servizi socio-sanitari per gli anziani.

L’iniziativa è finanziata dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), Programma Interreg Alcotra 2014-2020, nel Progetto EcO del Piter Terres Monviso.

In Piemonte sta nascendo una rete di eco-attori, cittadini che si impegnano a promuovere le aree naturali montane facendosi “ambasciatori” dei valori ambientali e culturali nei territori del Monviso. In che modo? Creando servizi innovativi che permettano la creazione di comunità locali, favoriscano la nascita di green economies, promuovano il turismo e la riorganizzazione dei servizi socio-sanitari, all’interno del programma MAB - Man and Biosphere.

Chi sono gli «eco-attori»?

Sono associazioni, imprese, operatori del territorio, professionisti, cittadini invitati a partecipare a un percorso collettivo di sviluppo sostenibile, come si legge sulla descrizione del progetto.

Chiunque può aderire alla rete e diventare “eco-attore”: saranno coinvolti nel processo diversi settori come il turismo con le sue strutture ricettive, i ristoratori, gli agriturismi, le attività outdoor o i musei. Ma anche gli agricoltori e il settore agroalimentare, gli artisti e gli artigiani, il mondo associativo che promuove la cultura, la valorizzazione ambientale e l’aiuto alla persona.

L’ obiettivo è la redazione di una Carta d’Impegno che, sviluppata in forma partecipata, mira alla realizzazione di impegni concreti sul territorio italo-francese da parte dei suoi abitanti attraverso progetti collettivi.

E’ possibile consultare il materiale esplicativo e il formulario per candidarsi a diventare “eco-attore”. Inoltre, per prendere parte all’iniziativa, è possibile contattare il Parco del Monviso all’indirizzo email piter@parcomonviso.eu o telefonicamente al numero 0175.46505.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Natale col Covid – Io Non Mi Rassegno #266

|

LaCasaRotta: da cascina abbandonata ad ecovillaggio diffuso dove ritornare a essere comunità – Io faccio così #309

|

Boscopiano: un gruppo di giovani realizza il sogno di far rivivere la propria valle

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura