Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Gen 2020

Toutcourt: “Dopo la malattia ho realizzato il sogno di aprire una casa editrice”

Aprire una casa editrice e vivere circondata dai libri. Questo il sogno che nutriva Stefania De Matola e che ha deciso di realizzare dopo la guarigione da una malattia. Nata poco più di un anno fa a Roma, la casa editrice indipendente Toutcourt propone nel suo catalogo classici e romanzi di autore emergenti e valorizza le relazioni fra editore, scrittori e lettori.

La casa editrice indipendente Toutcourt, nata a Roma dalla determinazione di Stefania De Matola, laureata in matematica e grafologa, compie un anno da quando ha iniziato a muovere i suoi primi passi. In un momento storico che vede le librerie chiudere e i lettori diminuire, verrebbe da chiedersi che cosa porti qualcuno – soprattutto una donna, in Italia, senza aiuti e sovvenzioni – ad imbarcarsi nel traballante mondo dell’editoria.

Stefania De Matola

La risposta di Stefania è una risposta personale, è la storia di una malattia che l’ha cambiata. Sebbene intorno alla malattia e alla guarigione venga spesso costruito un mito di rafforzamento, Stefania ci tiene a chiarire che «non è vero che dopo una malattia si diventa più forti, più coraggiosi. Io sono diventata più fragile e più consapevole di quanto sia effimera questa nostra vita. Quindi succede una cosa strana, l’orologio del tempo che passa comincia a diventare martellante e si sente il bisogno di fare qualcosa di importante per se stessi, senza poter più rimandare. In questo stato d’animo ho deciso di realizzare un progetto che avevo da tempo nel cassetto: aprire una casa editrice e vivere circondata dai libri».

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

ATTIVATI

Il primo passo, in quest’avventura, è stata la progettazione – «ho fatto un piano come quando gestivo i progetti informatici, perché i progetti sono tutti uguali anche se cambia il contesto» – che poi ha lasciato spazio al vero e proprio lavoro editoriale. Ad oggi il catalogo di Toutcourt comprende classici, saggi e romanzi di autori emergenti.

La selezione non è stata facile, un po’ perché il numero di richieste supera di gran lunga il numero di libri che la casa editrice può pubblicare, e un po’ perché quando si scrive ci si rende vulnerabili, e i no sono difficili da ricevere. Questa vulnerabilità dello scrittore, che Stefania conosce perché in passato è stata lei stessa autrice, apre tuttavia la porta alla costruzione di un rapporto speciale fra l’editore e lo scrittore. «Io leggo i loro testi, ma in realtà leggo dentro di loro. È un rapporto speciale, forse l’aspetto più bello del progetto editoriale, è quello che ti rimane: l’aver conosciuto degli autori, aver assistito al loro sorriso nel momento in cui hanno toccato con mano la loro opera realizzata o alla prima presentazione davanti a un pubblico amico», ha raccontato.

Ci sono poi i saggi, alcuni dei quali sono stati tradotti dal francese dalla stessa Stefania. Fra questi “Misteri di scrittori”, una raccolta di aneddoti e curiosità sulla vita dei grandi scrittori. “La martellata in testa al gatto”, una serie di articoli di cronaca dietro cui l’autore pone una spiegazione scientifica e al contempo scherzosa. Tra i saggi letterari, invece, ci sono “I luoghi della Londra vittoriana”, che accompagna l’autore in un viaggio fra le strade di Londra che sono state lo scenario di quasi tutta la letteratura dell’Ottocento, dove hanno camminato Sherlock Holmes, Oliver Twist o Jack lo Squartatore, e Pennywise che esamina l’opera IT di Stephen King.

Fra i libri raccontati da Stefania, tuttavia, emerge con particolare affetto “Matematica delle Parole”, in cui l’autore prende spunto da uno dei grandi problemi matematici irrisolti per riflettere sulla matematica della vita e sulle parole, ma soprattutto sull’amore e sulle relazioni fra le persone.

Perché «dietro a tutto quello che facciamo, dietro a tutto ciò di cui stiamo parlando ci sono le persone – ha raccontato Stefania – Ma non le persone ognuna per conto suo, persone che sono in relazione, che possono essere conoscenze occasionali oppure amicizie che durano una vita. Sono le persone che in ogni situazione fanno la differenza. E allora bisogna coltivare l’interazione positiva con gli altri, salvaguardare questi legami. Farlo attraverso i libri, la cultura e la condivisione di argomenti importanti, come per esempio la salvaguardia del nostro pianeta – argomento cui è dedicato il romanzo “La marcia dei frigoriferi”, ci consente di esprimere la parte migliore di noi».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Quando i leader battono i partiti – Io Non Mi Rassegno #215

|

Glori: The Place To be, il borgo dove rinasce la comunità e si recuperano le terre – Io faccio così #300

|

La Bargazzina, l’azienda dei contadini scienziati che promuovono la cultura delle piante – Piccoli produttori #5

|

Officina del Fare e del Sapere: la scuola che punta su esperienza diretta ed educazione diffusa

|

Rientro a scuola: come stanno i bambini? L’opinione della pedagogista

|

Abito: scambiare gli indumenti per ricreare vestiti e comunità

|

Linda Maggiori: “Una vita a impatto (quasi) zero con la mia famiglia? Ecco come ho fatto!”

|

Un albergo e museo d’arte contemporanea sul mare in un piccolo borgo della Sicilia