3 Set 2021

Connessioni Corpo Mente Spirito: Un metodo per affrontare le difficoltà della vita

Scritto da: Lorena Di Maria

In che modo possiamo affrontare gli eventi inaspettati o negativi della vita ed essere più felici e consapevoli? Ne abbiamo parlato con la dottoressa, counselor e docente Marie Noelle Urech, ideatrice del metodo CCMS – Connessioni Corpo Mente Spirito, che a partire da settembre avvierà un corso online per formare nuovi facilitatori che, dal personale al sociale, dal sanitario all’aziendale, acquisiranno le competenze per poter accompagnare coloro che vorranno avvalersi delle loro capacità in un percorso di crescita personale.

Roma, Lazio - “Quando pensi di avere tutte le risposte, la vita ti cambia tutte le domande”, diceva Charlie Brown.

Davanti agli eventi strani o difficili della vita ci chiediamo spesso “perché?”.  Vogliamo una spiegazione, sapere da quale buco nero ha preso origine una determinata batosta, un’ingiustizia o un incidente a cui non sappiamo dare risposta. E solitamente le risposte razionali e logiche, se le troviamo, finiscono per non portare molto conforto né rassicurazioni.  “Perché?” diventa una domanda che dovremmo imparare ad abbandonare per concentrarci su quelle che Marie Noelle Urech, dottoressa e docente della formazione, chiama “le buone domande”.

«Spesso un evento sgradevole ha lo scopo di farci cambiare strada o idea. Le buone domande da farsi potrebbero essere in questo caso: dove vuole portarmi la vita con questo evento? Cosa devo lasciare? Cosa devo apprendere? Sono in accordo con me stessa? Oppure: mi costringo a rimanere in una situazione che non tollero più?». Come ci viene spiegato, le buone domande seguono il principio della maieutica, cara a Socrate, e ci aiutano a prendere coscienza di noi stessi, facendoci evolvere e cambiare il punto di osservazione su ciò che ci accade, aprendoci a nuovi scenari.

Maieutica2
Foto di Vladistav Babienko tratta da Unsplash

La maieutica e la connessione con lo spirito, in una dimensione transpersonale, sono due elementi centrali del Metodo CCMS – Connessioni Corpo Mente Spirito, inventato da Marie Noelle Urech, ovvero un percorso di vita che si basa sulla crescita personale dell’individuo. A settembre partirà il nuovo corso che, attraverso questo metodo, formerà nuovi facilitatori accompagnandoli in un nuovo percorso di crescita professionale.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

«Davanti alle difficoltà della vita ci perdiamo troppo spesso nello sconforto, nel sentirci vittime. Le buone domande ci aiutano invece a riconnetterci con noi stessi e a sviluppare la capacità psichica e spirituale che ci permette di stare bene. Per questo, durante il corso impareremo a lavorare sugli ostacoli che sono prodotti dalla mente e che sono diventati parte di noi sin dall’infanzia. Ne sono esempio le nostre credenze, le paure sulla vita, sulla morte, le convinzioni disfunzionali come pensare di non meritarci le cose o di non essere all’altezza. Lavorando su questi aspetti è come se avessimo un’antenna molto potente che ci permette di muoverci nella vita e di acquisire nuova fiducia per andare nella giusta direzione».

Maieutica
Marie Noelle Urech

La maieutica, elemento centrale all’interno del corso, diventa così uno strumento formidabile per aumentare la propria consapevolezza, comprendere quali sono i nostri desideri e vedere all’orizzonte ciò che non riusciamo ancora a vedere. «In questo momento particolare che stiamo attraversando, dettato dalla pandemia, è molto importante connetterci con la dimensione spirituale del nostro essere». Durante il primo lockdown Marie Noelle Urech e l’associazione Viriditas hanno aperto uno sportello per aiutare gratuitamente le persone a uscire dall’ansia, dalla paura del futuro e della morte e hanno raccolto decine di testimonianze di persone che, grazie al loro sostegno, hanno ricevuto un aiuto concreto. Così il lavoro del facilitatore che si forma con il metodo CCMS diventa fondamentale nell’aiuto alle altre persone e può trovare applicazione in un vasto campo, dal personale al sociale, dal sanitario all’aziendale.

Per via delle recenti direttive, il corso per diventare facilitatori con il metodo Connessioni Corpo Mente Spirito (CCMS), pensato inizialmente per essere svolto nella sede dell’associazione Viriditas, verrà proposto attraverso un format online della durata di un anno per non precludere l’accesso a coloro che non potranno partecipare in presenza. Mantenendo l’attenzione rivolta agli aspetti pratici ed esperienziali della formazione e per alleggerire la didattica online, si strutturerà in un format di 2 giornate al mese intervallate da 15 giorni.

Al termine, il corso prevede un esame orale e scritto per mostrare la capacità professionale acquisita nella gestione di casi clinici e verrà rilasciato un certificato che attesta l’abilitazione professionale come facilitatore (il metodo rientra nelle professioni disciplinate dalla Legge 4/2013). «In questi anni abbiamo formato diversi facilitatori che lavorano in diverse parti di Italia e che stanno aiutando altre persone a risolvere i propri problemi, a prendere decisioni, a fare scelte, a credere nel proprio potenziale. Ci sono poi coloro che hanno deciso di seguire il corso come percorso di crescita personale, non avendo interessi professionali ma desiderosi di trovare una direzione, delle soluzioni personali per stare meglio con loro stesse».

Maieutica1
Foto di Ivan Aleksic tratta da Unsplash

Meditazioni, esercitazioni a gruppi, esercizi di respirazione cosciente e consapevole, pratiche per allenare la presenza anche attraverso tecniche di origine buddista e tibetana. Il corso è pensato per creare uno spazio di condivisione basato sull’esperienza: «Quello che vive una singola persona è utile per tutti gli altri membri del gruppo perché nella maggior parte dei casi rispecchia le loro esperienze di vita. Così ci rendiamo conto che siamo meno soli e che è necessario uscire dalla convinzione che un evento negativo o sfavorevole “succede solo a me” per ritrovare finalmente il nostro benessere».

Per conoscere le date del corso è possibile rivolgersi alla segreteria scrivendo a centroviriditas@gmail.com, oppure contattando il numero 07611711794 o consultando la pagina dedicata alla formazione CCMS sulla pagina di Viriditas.

Articoli simili
Marie Noelle Urech: “Vi racconto il metodo Connessioni Corpo Mente Spirito”
Marie Noelle Urech: “Vi racconto il metodo Connessioni Corpo Mente Spirito”

Il desiderio di cambiamento e le convinzioni limitanti

Lunghissimi, ispiratissimi giorni pre-operatori. BB e l’ospedale
Lunghissimi, ispiratissimi giorni pre-operatori. BB e l’ospedale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25

|

I detenuti scrivono una lettera aperta ai cittadini: “Investite su di noi”

|

Susflo: economia circolare per combattere la plastica e l’usa-e-getta

|

IT.A.CÀ fa tappa a Palermo, fra lotta alla mafia, inclusione sociale e mobilità dolce

|

Ulivi malati e biodiversità in pericolo: la Puglia non si avvelena!

|

Stagione di caccia: nessuno stop nonostante gli incendi abbiano decimato gli animali

|

La Foresta in Testa: musica e natura per far emergere i talenti