Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
25 Feb 2020

Clima e sicurezza: ecco cosa dicono i militari

Scritto da: Redazione

Quali sono le conseguenze dei cambiamenti climatici sulla sicurezza internazionale? Lo svela uno studio del Consiglio Militare su Clima e Sicurezza, un gruppo di esperti del settore che affronta temi come stabilità politica, alimentazione, accesso all'acqua e sicurezza militare.

Il Gruppo di Esperti del Consiglio Militare su Clima e Sicurezza (IMCCS) ha presentato l’edizione 2020 del consueto “Rapporto Mondiale su Clima e Sicurezza” alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco, l’importante incontro annuale dei dirigenti del settore militare.

L’IMCCS è un gruppo che riunisce leader militari di lungo corso, esperti di sicurezza e istituzioni deputate alla difesa di tutto il mondo e ha l’obiettivo di anticipare, analizzare e indirizzare i rischi per la sicurezza legati al clima. Questa istituzione è stata fondata ed è coordinata dal Centro per il Clima e la Sicurezza, che a sua volta fa parte del Consiglio sui Rischi Strategici […].

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

ATTIVATI

Il rapporto è stato realizzato sfruttando il punto di vista privilegiato degli esperti militari e di sicurezza e fornisce una panoramica sui rischi correlati al cambiamento climatico, ma anche uno sguardo a come questi rischi possono essere gestiti. Raccomanda una sicurezza internazionale “a prova di clima”, a partire dalle infrastrutture, dalle istituzioni e dalle politiche, ma auspica anche una riduzione delle emissioni per evitare minacce alla sicurezza che possono essere da significative fino a catastrofiche. È uno studio unico nel suo genere.

Mentre abbiamo assistito a un progresso costante nelle ultime decadi – con le istituzioni militari e deputate alla sicurezza che hanno analizzato con sempre maggior attenzione i cambiamenti climatici e li hanno inseriti nelle loro valutazioni, nei piani e nelle politiche –, il “Rapporto Mondiale su Clima e Sicurezza” mostra che i rischi sono sempre più impellenti e bisogna fare di più per fronteggiarli.

Rischi-chiave: rischi significativi o molto gravi alla sicurezza globale nelle condizioni attuali

L’incertezza delle fonti idriche è un rischio per la sicurezza globale: l’insicurezza esacerbata dai cambiamenti climatici è già una causa significativa di instabilità e, secondo il 93% degli esperti di clima e sicurezza interpellati, entro il 2030 potrebbe arrivare a costituire una minaccia molto grave per la stabilità politica e militare mondiale. Tutte le regioni, non solo quelle fragili o povere, stanno fronteggiando problemi sempre maggiori legati al riscaldamento globale: anche se i paesi più deboli sono quelli che rischiano di subire le conseguenze più disastrose del clima che cambia, questa criticità non risparmia neanche le nazioni più avanzate. Per esempio, l’80% degli esperti intervistati ritiene che gli effetti dei cambiamenti climatici giocheranno un ruolo rispetto alle guerre in atto classificabile da significativo a molto rilevante per la sicurezza globale nei prossimi due decenni.

Le istituzioni militari sono sempre più preoccupate sui rischi legati al clima: come sottolineato dai 31 paesi che fanno parte dell’IMCCS, è in aumento il numero dei Governi e delle istituzioni militari che si preoccupano per il cambiamenti climatici e mettono in campo azioni incentrate sulle infrastrutture, sulle forze a disposizione, sulle politiche ambientali e sulla pianificazione di azioni militari.

La mitigazione del clima e gli sforzi verso l’adattamento e la resilienza sono sempre più urgenti per evitare le conseguenze del riscaldamento globale, anche se soluzioni come la geoingegneria, se non condotte correttamente, potrebbero presentare conseguenze negative per la sicurezza globale. Inoltre, l’insorgere di autoritarismi, l’inasprimento della competizione e le politiche governative stanno ostacolando le alleanze fra paesi finalizzate a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

Opportunità-chiave: un percorso verso la cooperazione sulla sicurezza globale

Le istituzioni militari nazionali, continentali e internazionali di tutto il mondo dovrebbero attuare solide strategie di resilienza climatica, programmi e investimenti, rivolti specialmente verso le implicazioni riguardanti acqua e cibo e gli effetti sulla stabilità politica, su quella militare e sulle migrazioni.

Dovrebbero anche dimostrarsi capaci di fronteggiare i rischi legati al clima e di spingere i Governi ad attuare politiche di riduzione delle emissioni e investimenti finalizzati a contenere i disagi in termini di sicurezza. Le organizzazioni militari possono anche mostrare con azioni concrete come trarre vantaggio dalle significative opportunità offerte dalle fonti energetiche pulite e come fare dei passi avanti nella riduzione di tutti i gas serra, oltre al biossido di carbonio.

In cima alla lista delle priorità nell’ottica di prevenzione dei conflitti dovrebbe esserci l’assistenza ai paesi più deboli nell’attuazione di politiche di mitigazione non solo del clima, ma anche di altri effetti negativi che gravano sulle aree più povere del mondo.

La comunità internazionale dovrebbe mettere in piedi una struttura di previsione e prevenzione del rischio, dimostrando la capacità di anticipare gli impronosticabili rischi determinati dai cambiamenti climatici. Questo comprende assicurarsi che tutti i livelli della società civile e delle istituzioni siano pronti a fronteggiare i rischi per la sicurezza legati ai cambiamenti climatici. Le istituzioni deputate alla sicurezza di tutto il mondo dovrebbero unire le competenze sul clima con la preparazione militare, al fine di fronteggiare le minacce portate dalla crisi climatica. Per esempio, bisognerebbe includere nei programmi di addestramento e nell’educazione militare competenze sulla sicurezza climatica, che dovrebbe essere ampiamente trattata anche nei dibattiti e negli incontri riguardanti la sicurezza internazionale.

Articolo tratto da The World Climate and Security Report 2020.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Cina-Usa, è svolta sul clima? – Io Non Mi Rassegno #350

|

“Gli asini ci insegnano la calma e a vivere la vita ai ritmi della natura”

|

VocAMOlario: impariamo a parlare di amore e sessualità – Amore Che Cambia #2

|

Proxima: una sartoria sociale dove ricucire tessuti e vite

|

Tribal Italia: portiamo etica e sostenibilità nel mondo degli integratori

|

Curare di più l’ambiente e lo stile di vita per aumentare la longevità sana

|

Dall’ufficio di una multinazionale al frutteto: la storia di Elisabetta e Corrado

|

Mentorship, il progetto che aiuta gli studenti che stanno ai margini