17 Feb 2020

Imparare facendo nella Libera Università del Bosco

Scritto da: Redazione

La Libera Università del Bosco, centro formativo e aggregativo aperto alla comunità, propone nella provincia di Lecco un corso sul campo rivolto ai giovani che abbiano voglia di acquisire, a contatto con la natura, competenze tecniche per la manutenzione e la salvaguardia di torrenti, sentieri e castagneti.

La Cooperativa Sociale Liberi Sogni Onlus nell’ambito del progetto Libera Università del Bosco propone un corso di formazione sul campo rivolto a ragazze/i dai 15 ai 25 anni che hanno voglia di imparare attraverso il contatto con la natura. La terza edizione del corso “Tra sentieri, torrenti e castagneti: facendo si impara” si terrà dal 10 marzo al 14 aprile 2020, in provincia di Lecco.

Durante il corso saranno forniti, con metodo esperienziale, i primi rudimenti teorici e tecnici per la manutenzione e la salvaguardia di torrenti, sentieri e castagneti.

Teoria e molta pratica: si andrà ad operare sul territorio dei comuni di Airuno, Valgreghentino e Colle Brianza, in un ecosistema fatto di luoghi, specie e persone, cercando un equilibrio resiliente e armonico fra uomo e natura.

libera universita bosco

Apprendimento, lavori in natura, convivialità, condivisione: il corso sarà un’occasione per sperimentarsi, acquisire fiducia in sé e negli altri, immaginare nuovi scenari e orizzonti professionali e non, rimettersi in cammino tracciando un nuovo sentiero.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il corso fornirà ai partecipanti:

  • competenze tecniche che potranno dare ai ragazzi maggiore fiducia e consapevolezza nell’approcciarsi al mondo del lavoro, per collaborare con aziende agricole o partecipare alla rigenerazione del territorio.
     
  • competenze relazionali che potranno influire positivamente sui rapporti con gli amici e in famiglia e sull’autostima.
     
  • contatto con la natura: lo stare in natura ha un effetto rigenerante sulla persona, allarga la prospettiva in merito agli stili di vita e permette di sviluppare sensibilità ecologica.
     
    Al termine del corso, a coloro che avranno frequentato almeno il 75% delle ore, verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Il corso é proposto all’interno del progetto Libera Università del Bosco della Cooperativa Sociale Liberi Sogni Onlus. In collaborazione con: Ambito distrettuale di Lecco, CFPP Lecco, PLIS del Monte di Brianza, Gruppo Amici Monte Ocone, ERSAF Lombardia. Con il sostegno di: Otto per Mille della Chiesa Valdese.
 
Info e iscrizioni (entro il 29.02.2020)
+39 3881996072
lub@liberisogni.org

I posti sono limitati. Contributo ridotto 30 € a partecipante.

Per maggiori informazioni clicca qui

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”