7 Feb 2020

Piero Pelù lancia da Sanremo il Clean Beach Tour

Scritto da: Chiara Gnocchi

Nella settimana della 70esima edizione dello storico Festival, Piero Pelù lancia da Sanremo il Clean Beach Tour, un'iniziativa ideata in collaborazione con Legambiente per promuovere l'azione di tutti per liberare le spiagge dai rifiuti.

«Abbiamo un pallino: che il 40ennale del Live Aid nel 2025 dovrà essere incentrato sul tema della crisi climatica e del marine litter; e magari questa maratona di cinque anni la lanciamo proprio da Sanremo». È Piero Pelù a lanciare la proposta dalla spiaggia di Bussana, a pochi passi da Sanremo, nella settimana più caotica per la città, mediaticamente parlando.

Può essere anche questo il Festival di Sanremo, il grande palco che per cinque giorni accentra l’attenzione nazionale ed internazionale sulla Musica.

piero pelu
Foto tratta dalla pagina Facebook di Piero Pelù

Nella 70esima edizione del Festival ci ha pensato Piero Pelù, alla sua prima partecipazione per i quarant’anni di carriera con il brano “Gigante” e primo artista a porre il tema sull’inquinamento ambientale e crisi climatica, fermando la prima tappa del Clean Beach Tour, nato dalla collaborazione con Legambiente, che accompagnerà ogni data del Tour estivo di quest’anno.

Un richiamo al volontariato ambientale per sensibilizzare e cooperare collettivamente alla sottrazione di plastica dalle nostre coste e di conseguenza dai mari, che ha preso il via con la tappa Zero dalla spiaggia della Feniglia – Orbetello, lo scorso 4 gennaio. «Togliere rifiuti alla Terra deve diventare un gesto di valore ognuno nella sua vita quotidiana può dare un contributo», ha sottolineato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Da “alfiere delle spiagge pulite” com’è stato definito, Piero Pelù anche in questo suo esordio sanremese ha trovato una risposta entusiasta anche dal Comune di Sanremo, già attivo da tempo in una serie di iniziative concrete. La scelta del luogo non è casuale come ha ricordato Santo Grammatico, presidente Legambiente Liguria: «Il mare che abbiamo davanti è l’area marina protetta Pelagos il santuario dei mammiferi marini. Sempre più spesso questi animali si spiaggiano e muoiono per l’ingestione di plastica. Siamo nell’ambito del Festival di Sanremo e voglio ricordare che proprio i mammiferi marini, le balene, le megattere in particolare, cantano, uno dei sistemi di comunicazione più complessi tra mammiferi».

piero pelu spiaggia
Foto tratta dalla pagina Facebook di Piero Pelù

Il sodalizio tra musica e impegno sociale ha segnato tappe importanti anche in avvenimenti mondiali. Pelù insieme ai primi Litfiba ha scritto senza dubbio un pezzo importante della storia new wave italiana. Non si può non citare il canto delle balene nell’intro di “Peste”, brano dell’88 contenuto nell’album Litfiba3: “Stanno uccidendo il mare e noi li lasciamo fare/ L’indifferenza è comoda/ L’ipocrisia, peste”.

Non c’è mezzo più diretto di una canzone per lanciare un messaggio, chissà che non possa essere la “Rievoluzione” che parte dalla prossima edizione di Festambiente e che condurrà a questa visione di un impegno globale di artisti per la salvaguardia del nostro Pianeta che ci ha, pazientemente, ospitato fino ad ora.

Articoli simili
#SOStenibilmente: A Torino parte la formazione per educatori ambientali

In Veneto i primi diplomati in bioedilizia e agricoltura biologica

A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città
A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti