Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
10 Feb 2020

Re:Earth: una residenza artistica sul rapporto tra uomo e natura

È partita la call per selezionare, su tutto il territorio nazionale, musicisti, artisti e producer che potranno prendere parte all'iniziativa incentrata sul tema del cambiamento climatico e sulla relazione tra natura e artificio. Il progetto si terrà dal 15 al 30 aprile negli spazi di Cittadellarte-Fondazione Pistoletto.

Tradurre i suoni della natura in un codice musicale capace di rendere gli ascoltatori partecipi, attraverso un viaggio esperienziale che sensibilizzi sulla necessità di trovare un nuovo equilibrio: è questo l’obiettivo di Re:Earth, residenza che si svolgerà nell’arco di 15 giorni a Cittadellarte.

Dal 15 al 30 aprile, infatti, i 6 partecipanti selezionati potranno lavorare (e farsi ispirare) negli spazi della Fondazione Pistoletto, a Biella. L’iniziativa avrà come tema centrale il rapporto uomo/natura e le conseguenze di questo dualismo in termini di cambiamento climatico. L’arte, quindi, in relazione con altri ambiti del tessuto sociale, in una ricerca che indaga sul rapporto tra artificio e tematiche ambientali. Una delle finalità del progetto, infatti, sarà trovare una sintesi artistica e una declinazione poetica per esporre il topic in questione ad un pubblico potenziale di club, festival , musei e luoghi d’arte in generale.

La Call for artists
Per selezionare i partecipanti che prenderanno parte alla residenza è stata indetta una Call for artists, aperta dal primo al 29 febbraio 2020. Verranno scelti sul territorio nazionale musicisti, artisti e producer in grado di “maneggiare sia gli alfabeti colti dell’arte audiovisiva che i concetti sonori contemporanei”, come riportato nel documento ufficiale. I protagonisti selezionati saranno due musicisti, un produttore, due video-maker, uno scenografo ed un project manager.

I tutor
Durante i 15 giorni di residenza, gli artisti opzionati saranno seguiti da tutor esperti, professionisti del mondo della musica, della comunicazione, della produzione audio/video, da organizzatori di eventi culturali e artisti d’eccellenza nel campo della visual art. Queste figure di coordinamento non saranno le uniche “guide” dei partecipanti: per arricchire l’esperienza dei creativi di nuove contaminazioni artistiche, si terrà una serie di conferenze e workshop, tenuti da diversi professionisti in ambito nazionale ed internazionale.

I relatori, quindi, esploreranno i temi cardine della residenza partendo dai rispettivi campi di studio (ad esempio, dal design alle scienze, dalla geografia alla tecnologia…). “Oltre ai tutor, alle attrezzature tecniche ed alle conference – spiegano gli organizzatori – il gruppo di lavoro seguirà un percorso di approfondimento e field recordings del territorio, interfacciandosi con le strumentazioni e i dispositivi meccanici che misurano e prevedono il tempo, messo a disposizione dall’osservatorio metereologico”.

Il progetto e la fase finale
“Mediante la selezione di figure artistiche – si legge nel sito del progetto – si vuole creare un percorso formativo-creativo di alta qualità che vede l’interazione tra artisti, formatori ed ospiti selezionati. Uno degli obiettivi principali è quello di coinvolgere tutti gli attori della residenza che, per loro background lavorativo e culturale, hanno un approccio alla musica diverso tra di loro, al fine di creare una selezione eclettica sia nel metodo di lavoro, nel processo di produzione, che nella restituzione al pubblico”.

Gli artisti selezionati potranno inoltre avere, al termine dell’esperienza, una produzione musicale che potrà essere circuitata in vari ambiti e contesti di restituzione organizzati dai partner di progetto. Calerà il sipario sulla residenza con una performance artistica realizzata all’interno di un contesto installativo, anche questo ideato e progettato nei 15 giorni di residenza.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I “giganti dormienti” del ciclo del carbonio si stanno svegliando? – Io Non Mi Rassegno #240

|

Ragazzi irresponsabili: siamo davvero impotenti di fronte ai cambiamenti climatici? – A tu per tu #7

|

Bambini a contatto con la natura: tutti gli effetti benefici in 10 punti

|

Marco Cappato: “Questa iniziativa può fermare i cambiamenti climatici”

|

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno