27 Mar 2020

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

Scritto da: Redazione

Restiamo a casa, ma non stiamo fermi! Prendendo spunto dalle pionieristiche intuizioni di Galileo, Ilaria Canali, coordinatrice della Rete Nazionale Donne in Cammino, riflette sulle opportunità offerte dall'emergenza Covid-19.

Eppùr si muòve e si muoveva la terra, non il sole, come diceva Galileo in sostegno dell’eliocentrismo e segnando il passaggio più grande della storia dalla nostra comfort zone di esseri umani.

E come allora, oggi siamo di fronte a una sfida – non una guerra. La vera sfida è nella nostra testa, prima ancora che sul lato pratico e logistico. Siamo tutti invitati a mettere alla prova il nostro stile di vita, le nostre credenze e capire che non siamo noi il centro del mondo e dobbiamo applicare la teoria di Galileo al nostro rapporto con la Terra mettendo lei al centro e finalmente imparare a rispettarla.

restiamo a casa
Ilaria Canali, coordinatrice della Rete Nazionale Donne in Cammino

È una nuova rivoluzione copernicana quella che stiamo attraversando e siamo completamente e profondamente impreparati. Anche se a livello scientifico ci avevano avvertito, siamo sguarniti di un piano B e senza un altrove dove ipotizzare una fuga, senza protezione se non quella che possiamo trovare dentro le nostre mura domestiche, a casa.

Restiamo quindi lì, a casa, eppure non stiamo fermi. Siamo i pionieri di una nuova dimensione antropologica, sperimentatori di una libertà imprigionata, di una prigionia liberata, dell’unione di sentimenti opposti che ci rendono tutti bipolari con una alternanza di sentimenti in contrasto da equilibrare ogni giorno. Siamo agli arresti domiciliari perché scontiamo una pena gravissima: quella di non aver voluto comprendere per troppo tempo il nostro compito e la nostra missione sulla Terra.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Ora ci aiuta Galileo e il suo invito a guardare il cielo, ci aiuta la filosofia, la psicologia, l’ecologia, l’antropologia, l’arte, la scienza, la musica e scopriamo la interrelazione necessaria dei saperi e delle discipline, delle dimensioni del pensiero e dei sentimenti.

Stanno crescendo proposte formative ovunque sui canali social e questa reazione a mio avviso dipende principalmente da ciò che sottolineavo prima, ossia il sentirsi impreparati. È la formazione la nostra esigenza principale, lo studio, l’impegno, la disciplina. Lo studio è un antidoto all’ansia, alla paura del futuro. Un bel cambio di passo rispetto alla tendenza di moda prima del Coronavirus che demonizzava la competenza, il merito, l’autorevolezza.

Pensando al “dopo Coronavirus” è proprio questo fermento intellettuale che darà ossigeno alla democrazia, che mi fa sperare in un cambio di rotta e credere che non ritorneremo come prima. Torneremo meglio!

“Dietro ogni problema c’è un’opportunità”.
GALILEO GALILEI

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk

Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno
Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno

Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società
Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk