4 Mar 2020

Gunter Pauli, fondatore della blue economy, nuovo consigliere economico di Conte

Il Primo Ministro Giuseppe Conte ha nominato due nuovi consiglieri economici. Uno di essi è Gunter Pauli, imprenditore e studioso dell'economia belga, che ha coniato i concetti di blue economy e di ZERI, proponendo di rifondare l'economia ispirandosi ai processi naturali.

Abbiamo intervistato Gunter Pauli circa tre anni fa, incuriositi dalle sue teorie per molti inedite e certamente rivoluzionarie sull’economia. «Abbiamo bisogno di eliminare del tutto il concetto di “rifiuto” e generare più di ciò che abbiamo in partenza», ci aveva detto descrivendo quella che ha definito ZERI, ovvero “Ricerche e Iniziative a Zero Emissioni”, una serie di iniziative volte a capire come utilizzare tutto ciò che è disponibile a livello locale e non gettare via nulla, creando valore senza tagliare i costi.

gunter pauli

Parlando di “economia blu”, il nuovo consigliere del premier va oltre l’idea di “green economy” – che oggi spesso non rappresenta altro che uno specchietto per le allodole –, ispirandosi ai principi che regolano il funzionamento dei cicli naturali e che non prevedono il concetto di rifiuto: tutto viene riutilizzato, gli scarti non esistono.

Pauli ha da tempo un rapporto privilegiato con l’Italia, soprattutto con quella delle buone pratiche. Uno degli esempi di blue economy – concetto molto vicino a quello dell’economia circolare – che fa più spesso è quello di Funghi Espresso, azienda toscana che coltiva dai fondi di caffè funghi edibili e compostabili.

L’imprenditore belga rappresenta certamente un elemento di forte rottura con il modello economico convenzionale; senza entrare nel merito delle implicazioni politiche di questa nomina, è indubbiamente incoraggiante rilevare che temi chi si batte per un deciso cambio di paradigma trova sempre più spazio anche nelle sedi istituzionali più elevate.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Allo stesso tempo, amareggia notare come diversi media italiani abbiano criticato fortemente il provvedimento di Palazzo Chigi, dimostrando poca dimestichezza con temi in realtà fondamentali per la costruzione di un modello economico capace di superare le diseguaglianze provocate dal capitalismo e la crisi ambientale alla creazione della quale esso ha dato un contributo determinante.

La sfida adesso, certamente non indifferente, sarà capire come indirizzare l’economia nazionale verso la sostenibilità, la circolarità e l’equità sociale e la figura di Pauli potrebbe dare un contributo importante al raggiungimento di questo obiettivo. Eventuali risultati positivi non saranno certo immediati, poiché il concetto stesso di transizione prevede tempi intermedi e modalità di passaggio graduali, ma già il fatto che si sia aperta una finestra su temi come blue economy, rifiuti zero ed economia circolare è un segnale che ci fa ben sperare.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Cile è pronto a rivoluzionare la costituzione! – Io Non Mi Rassegno #371

|

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

|

Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

|

La ‘ndrangheta non è un alibi, la Calabria può cambiare

|

Jonida Xherri e la sua arte partecipata che unisce i popoli

|

Il ciclo mestruale e il ciclo della vita. Un miracolo che si ripete ogni mese – Amore Che Cambia #5

|

Ammàno: “Torno in Calabria per fare il contadino”

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile