9 Apr 2020

[RI]Costruire l’Italia: associazioni e movimenti chiedono al Governo misure immediate e coraggiose

Scritto da: Redazione

Il Coordinamento Nazionale No Triv, in rappresentanza di numerose realtà del mondo associazionistico e movimentistico – fra cui anche Italia Che Cambia –, presenta un documento che chiede al Governo misure fondamentali come togliere ai petrolieri per investire nella Sanità Pubblica, cancellare le Grandi Opere, garantire il risanamento ambientale gestione dei servizi essenziali, rilanciare l'occupazione e accelerare la transizione energetica.

«Tutti sanno che nulla potrà tornare come prima, ma è adesso che dobbiamo, insieme, darci da fare perché lavoratori, disoccupati, associazioni, movimenti, organizzazioni sindacali, soggetti politici animati da autentica solidarietà democratica, sappiano invertire la rotta dello sfruttamento e del primato dei grandi monopoli», dichiara il portavoce del Coordinamento Nazionale No Triv, Francesco Masi.

«Covid-19 è la tragica lente di ingrandimento che ci consente di guardare nel profondo le crepe e le ingiustizie di un sistema che già prima dell’emergenza sanitaria aveva messo in pesante discussione il diritto alla salute, al lavoro giusto e a un’esistenza dignitosa».

no triv

Occorre ricostruire l’Italia su basi radicalmente nuove, ripartendo dalla completa attuazione della Costituzione, in netta discontinuità con le politiche dell’attuale e dei precedenti Governi: per ammissione dei suoi stessi fautori, l’ideologia del “meno Stato” ha creato intollerabili disuguaglianze ed ingiustizie: privilegi per pochi (quasi 20 miliardi di euro vanno ogni anno sotto forma di sgravi ed agevolazioni alle fonti fossili mentre negli ospedali mancano respiratori e posti letti in terapia intensiva) e immani sacrifici per tutti gli altri. I diritti inviolabili di tutti alla salute, all’abitare, al lavoro ed alla conoscenza, continuano ad essere violati, per assurdo, anche nel corso dell’emergenza sanitaria ed in piena crisi economica.

«Il Governo lascia aperte le fabbriche di armi; conferma le spese per l’acquisto di sofisticate macchine di morte», sottolinea Enrico Gagliano, cofondatore del Coordinamento. «Finanzia petrolieri e grandi opere inutili anziché mettere maggiori risorse dove invece servirebbero per davvero: per rafforzare la Sanità; realizzare le migliaia di piccole opere ferme da anni di cui il Paese ha bisogno; fare le bonifiche; rilanciare l’occupazione; garantire un reddito minimo e dignitoso a chi non ce l’ha; investire nella formazione e nella ricerca».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

In un momento così grave in cui il Parlamento non ha voce, l’Unione Europea rischia di sfaldarsi a causa degli egoismi nazionali; Stato e Regioni entrano spesso in conflitto; lavoratrici, lavoratori, partite Iva e piccole e medie imprese sono costretti a pagare il prezzo più pesante della crisi, Associazioni e Movimenti chiedono al Governo di recuperare risorse indispensabili, tagliando, fin dal prossimo provvedimento di Collegato Ambientale, i Sussidi Ambientalmente Dannosi (20 miliardi di Euro in tutto) per destinarli per intero, già a partire dal prossimo Documento di Economia e Finanza, a favore del rafforzamento strutturale della Sanità Pubblica (in particolare, i presìdi salvavita: unità di terapia intensiva e rianimazione), per progetti di risanamento ambientale, per realizzare centinaia di piccole opere utili, per la ripubblicizzazione della gestione dei servizi essenziali, per il “lavoro giusto e verde”, per accelerare la transizione energetica. Infine, resta imprescindibile il varo di una misura reddituale immediata e universale, per tutti, a prescindere da genere, settore produttivo, tipo di contratto.

Anche Italia Che Cambia aderisce a questa richiesta, unendosi alle realtà organizzate che hanno condiviso e sottoscritto il documento:

Coordinamento Nazionale No Triv • Campagna Stop TTIP Italia • Forum Italiano dei Movimento per l’Acqua • Movimento No Tav • Fairwatch • Fondazione Capta • No Scorie International • Disarmisti Esigenti • Italia che cambia • Ambiente e Salute • Coordinamento Comitati Sardi • Abruzzo Beni Comuni • Armonia degli Opposti • Associazione Bianca Guidetti Serra • Comune • Coordinamento Comitati No Triv del Val di Noto • Mamme di Marco No Tav • No Triv Lombardia • No Triv Sicilia • No Tunnel Tav Firenze • Consorzio Siciliano Le Galline Felici • Gruppo Ecologico El Muroon • Wwf Cremona • Legambiente Cremona-Circolo Verde Verde • Cittadini democrazie e partecipazione • Basta Veleni Brescia • Raspa (Rete Autonoma Sibaritide e Pollino per l’Autotutela) • Comitato No Sfratto-Diritto alla Casa di Bergamo e Brescia • Collettivo Linea Rossa Bassa Bresciana • Comitato No Autostrade Cr-Mn e Ti-Bre • No Gasarano Sergnano • Associazione Irene • Associazione Culturale Sciami • APS Amici della Ludoteca-Cassina de’ Pecchi • Rivista “Valori”

Clicca qui per scaricare il documento completo.

Articoli simili
A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste
A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste

Starts4water, quando l’acqua è la chiave di volta per la sostenibilità
Starts4water, quando l’acqua è la chiave di volta per la sostenibilità

Io faccio così #152 – Artigianato: se le piccole botteghe scelgono la sostenibilità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita