Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Lug 2020

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

Scritto da: Valentina D'Amora

La storia di Gennaro Acampora, che ha trasformato il suo bar a tema miele in uno shop di prodotti contadini per creare e sostenere i produttori del territorio.

A Genova, l’Honey bar era conosciuto come primo locale “miele-centrico” dei vicoli, noto per i cocktail rivisitati in chiave giallo-nera, come il gettonato Negroney, le più “classiche” birre al miele o il gin tonic aromatizzato col propoli. L’obiettivo con cui è stato aperto era diffondere la cultura dei mieli e dei prodotti dell’alveare, impiegandoli come principale ingrediente di tutti i cocktail sul menu. Le raccolte dimensioni del bar, però, che prima lo rendevano familiare e accogliente, oggi non danno scampo alle norme di distanziamento sociale. Così Gennaro Acampora, apicultore, oltre che bartender, è riuscito a reinventarsi, dando una nuova veste al suo bar “mielato”.

Gennaro Acampora, nel suo locale

«Durante la quarantena, le attività del settore primario erano consentite: io, oltre che essere titolare del bar, gestisco anche l’azienda agricola che produce il miele, così ho deciso di dedicarmi al “servizio di impollinazione”, che mi ha permesso di instaurare alcune partnership con le aziende con cui oggi collaboro». Come funziona? Gli apicoltori portano i propri alveari nei campi per la produzione del miele e svolgono, allo stesso tempo, un servizio di impollinazione per quelle colture. L’opera svolta dalle api è preziosissima, oggi troppo spesso sostituita dalla chimica, e porta a una produzione più ricca, aumentando da circa il 20% al 70%. In più, gli ortaggi sono più gustosi e i frutti più grossi e regolari, proprio grazie alle api.

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

ATTIVATI

«Questi mesi di chiusura forzata sono stati durissimi, anche dal punto di vista burocratico (per fare una pratica ci ho messo settimane!), ma sono riuscito a creare una rete agricola». Per questo, nel frattempo Gennaro ha deciso di trasformare il locale in un negozio di specialità alimentari del territorio: così appende, letteralmente, le sedie al chiodo, facendole diventare gli scaffali del nuovo negozietto che ha ufficialmente alzato la saracinesca il 5 giugno.

Le sedie dell’Honey bar, ora originali scaffali

Anche se in versione shop, venerdì e sabato sera, su prenotazione, c’è la possibilità di bere gli originali cocktail di Gennaro, tutti preparati con ingredienti contadini, naturalmente di stagione. La lista dei cocktail a tema miele adesso s’è ridotta, ma è stata integrata con le erbe aromatiche di un’azienda agricola di Prà: si spazia dal basilico al rosmarino, passando per la maggiorana e il prezzemolo. In più, è nato anche “l’aperispesa”, una nuova formula di aperitivo di coppia che prevede, oltre al menu di bevande e piattini preparati con verdure freschissime, una cassa di prodotti dell’orto da portare a casa.

I cocktail, rigorosamente serviti in barattoli di miele

Un bell’esempio di resilienza, in questa fase difficilissima dal punto di vista commerciale. «Il mestiere dell’imprenditore – conclude – è quello di saper leggere la situazione del momento, trovando i punti migliori su cui fare leva. Anche se non sembra, è questo il momento di osare».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale

|

Un’altra politica esiste già. Incontro con Marco Boschini ed i Comuni Virtuosi – Dove eravamo rimasti #1

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio