6 Lug 2020

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

Scritto da: Valentina D'Amora

La storia di Gennaro Acampora, che ha trasformato il suo bar a tema miele in uno shop di prodotti contadini per creare e sostenere i produttori del territorio.

Genova - A Genova, l’Honey bar era conosciuto come primo locale “miele-centrico” dei vicoli, noto per i cocktail rivisitati in chiave giallo-nera, come il gettonato Negroney, le più “classiche” birre al miele o il gin tonic aromatizzato col propoli. L’obiettivo con cui è stato aperto era diffondere la cultura dei mieli e dei prodotti dell’alveare, impiegandoli come principale ingrediente di tutti i cocktail sul menu. Le raccolte dimensioni del bar, però, che prima lo rendevano familiare e accogliente, oggi non danno scampo alle norme di distanziamento sociale. Così Gennaro Acampora, apicultore, oltre che bartender, è riuscito a reinventarsi, dando una nuova veste al suo bar “mielato”.

fcbd59e3 c6e3 4806 81fe 6a91b3cd6dcc
Gennaro Acampora, nel suo locale

«Durante la quarantena, le attività del settore primario erano consentite: io, oltre che essere titolare del bar, gestisco anche l’azienda agricola che produce il miele, così ho deciso di dedicarmi al “servizio di impollinazione”, che mi ha permesso di instaurare alcune partnership con le aziende con cui oggi collaboro». Come funziona? Gli apicoltori portano i propri alveari nei campi per la produzione del miele e svolgono, allo stesso tempo, un servizio di impollinazione per quelle colture. L’opera svolta dalle api è preziosissima, oggi troppo spesso sostituita dalla chimica, e porta a una produzione più ricca, aumentando da circa il 20% al 70%. In più, gli ortaggi sono più gustosi e i frutti più grossi e regolari, proprio grazie alle api.

«Questi mesi di chiusura forzata sono stati durissimi, anche dal punto di vista burocratico (per fare una pratica ci ho messo settimane!), ma sono riuscito a creare una rete agricola». Per questo, nel frattempo Gennaro ha deciso di trasformare il locale in un negozio di specialità alimentari del territorio: così appende, letteralmente, le sedie al chiodo, facendole diventare gli scaffali del nuovo negozietto che ha ufficialmente alzato la saracinesca il 5 giugno.

101087556 1139839513040172 5145946492254552064 o
Le sedie dell’Honey bar, ora originali scaffali

Anche se in versione shop, venerdì e sabato sera, su prenotazione, c’è la possibilità di bere gli originali cocktail di Gennaro, tutti preparati con ingredienti contadini, naturalmente di stagione. La lista dei cocktail a tema miele adesso s’è ridotta, ma è stata integrata con le erbe aromatiche di un’azienda agricola di Prà: si spazia dal basilico al rosmarino, passando per la maggiorana e il prezzemolo. In più, è nato anche “l’aperispesa”, una nuova formula di aperitivo di coppia che prevede, oltre al menu di bevande e piattini preparati con verdure freschissime, una cassa di prodotti dell’orto da portare a casa.

89819824 1074719786218812 5361894673348558848 o
I cocktail, rigorosamente serviti in barattoli di miele

Un bell’esempio di resilienza, in questa fase difficilissima dal punto di vista commerciale. «Il mestiere dell’imprenditore – conclude – è quello di saper leggere la situazione del momento, trovando i punti migliori su cui fare leva. Anche se non sembra, è questo il momento di osare».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Villarè: a Messina la fattoria urbana che fa scuola di imprenditoria etica
Villarè: a Messina la fattoria urbana che fa scuola di imprenditoria etica

Boccia-cosi duci, dalla ricetta misteriosa di un panettone una passione si trasforma in progetto
Boccia-cosi duci, dalla ricetta misteriosa di un panettone una passione si trasforma in progetto

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”
Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

L’Italia è al primo posto in Europa per gli impatti sulla salute delle centrali elettriche a gas

|

Hangar Piemonte e Italia che Cambia insieme per raccontare la trasformazione culturale

|

Arte per combattere il decadimento cognitivo: una figlia racconta la storia di sua madre malata di Alzheimer

|

La storia di Francesca Mazzara, fra volontariato, attivismo, solidarietà e antispecismo

|

Istruzione, merito, umiliazione… Che futuro per la scuola italiana? – A tu per tu + #3

|

Mouloud, la bottega tessile nata sulle isole Eolie tra tradizione e sostenibilità ambientale e sociale

|

Baskin, il basket più bello e più inclusivo in cui atleti disabili e non giocano insieme