31 Ago 2020

Bologna, comincia oggi lo sciopero della fame di Extinction Rebellion

Scritto da: Redazione

Un attivista bolognese di Extinction Rebellion inizia oggi uno sciopero della fame per chiedere alle istituzioni cittadine un impegno più efficace e concreto per fronteggiare la crisi climatica. Ecco il comunicato in cui il movimento descrive l'iniziativa.

Martedì 1° settembre comincia lo sciopero della fame di Daniele Quattrocchi, attivista di Extinction Rebellion. Ogni giorno, dalle 16 alle 20, l’attivista in sciopero della fame sarà in Piazza del Nettuno, supportato da altri attivisti e da un presidio medico, per chiedere che il comune di Bologna rispetti gli impegni presi con la Dichiarazione di Emergenza Climatica ed Ecologica, che sia istituita una Assemblea cittadina entro il 2020 e che sia abbandonato il progetto edilizio sui Prati di Caprara e sospeso quello del Passante di Mezzo.

sciopero della fame extinction rebellion
Extinction Rebellion in azione a Bologna

Extinction Rebellion è un movimento nato in risposta alla devastazione ecologica creata dall’uomo. Il nostro metodo è la disobbedienza civile nonviolenta affinché l’allarme lanciato dalla comunità scientifica possa essere ascoltato.

L’azione riprende lo sciopero della scorsa estate di un altro attivista di Extinction Rebellion, grazie al quale è stato possibile far firmare al Comune di Bologna la Dichiarazione di Emergenza Climatica ed Ecologica. Bologna è stato il primo comune italiano a darsi obiettivi così radicali, come l’azzeramento delle emissioni inquinanti entro il 2025 e la costituzione di assemblee cittadine con istituzioni e scienziati per proporre nuove politiche ambientali dal basso.

Tuttavia, non è stata rispettata la precisa scaletta di impegni, dal comunicare con chiarezza il valore delle emissioni di CO2 della città di Bologna, ad abbandonare i progetti non in linea con la Dichiarazione di Emergenza Climatica ed Ecologica. Ed è per questo che di nuovo portiamo in Piazza del Nettuno un’azione di impatto, per chiedere che il Comune di Bologna metta in atto gli impegni presi, e in particolare:

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

  1. Chiediamo che il Comune di Bologna porti a conoscenza dei cittadini la Dichiarazione di Emergenza Climatica ed Ecologica attraverso tutti i canali pubblici e istituzionali (sito del Comune, pagina facebook, newsletter, comunicati stampa, affissioni, striscione in piazza Maggiore). Chiediamo che sia organizzato a carico dell’amministrazione (con eventuali oneri) un incontro pubblico con la presenza di scienziati che permetta ai cittadini di conoscere i dati dell’emergenza e le azioni messe in atto dal Comune di Bologna, entro la fine di ottobre 2020.
  2. Chiediamo che sia abbandonato con decisione formale il progetto edilizio sui Prati di Caprara entro la fine di ottobre 2020 e sospeso quello sul Passante di mezzo in attesa di uno studio approfondito dell’impatto ambientale.
  3. Chiediamo che sia istituita un’assemblea cittadina entro il 2020 e che possa lavorare a partire da febbraio 2021.

Extinction Rebellion non intende avere un atteggiamento di ostilità verso le istituzioni cittadine: stiamo solo chiedendo al comune più radicalità nelle azioni, perché il mondo che vogliamo creare dopo la pandemia non sia un ritorno alla “normalità” tossica e distruttiva per il pianeta e per gli umani.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La questione del bacio non consensuale a Biancaneve – Io Non Mi Rassegno #363

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5

|

Futuro Sospeso: riattivare le vecchie ferrovie per rilanciare le aree interne

|

Tassare l’economia del distanziamento, per un mondo d’incontri

|

Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!

|

Santa Rosalia: a Palermo un festino alternativo per animare le periferie