Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
3 Set 2020

Yoga e sport nella natura per ritrovare se stessi: la storia di Agrilunassa

Scritto da: Chiara Gnocchi

Claudio e Federica hanno fatto del motto "Happiness is the way" il trampolino per il loro cambio vita: nel 2011 si sono trasferiti in Liguria, per dare vita ad Agrilunassa, una guesthouse di stampo ecologico, affacciata sul mare di Bordighera e immersa nel verde delle colline di Montenero. Yoga, mindfulness e sport nella natura sono alcune delle proposte della struttura.

«Io e Federica siamo un po’ un’Italia che cambia, lo siamo sempre stati. Veniamo da Milano e abbiamo abbandonato le nostre professioni: abbiamo avuto coraggio e abbiamo rischiato. Bisogna avere una visione a 360 gradi, anche nei massimi sistemi». Claudio Carbonera e Federica Novelli hanno fatto di un motto, Happiness is the way, la loro esperienza di vita e nel 2011 hanno seguito il desiderio di cambiamento trasferendosi con i loro due figli da Milano in Liguria, lasciandosi alle spalle due rispettive carriere di successo.

A Bordighera sulla collina di Montenero – la cui cima una credenza locale tramanda sia cratere di un vulcano spento – hanno costruito la loro casa immersa nella tipica macchia verde ligure che si apre verso mare e, con il recupero di un rustico, è nata Agrilunassa Eco Guesthouse and Cottage.

Un luogo dove combinare yoga, sport, attività in natura, corsi di Life Coaching e mindfulness, per dare a chi vi soggiorna un beneficio psico-fisico anche per la propria quotidianità.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

Prima del vostro cambiamento di vita, chi erano Claudio e Federica?
Claudio: Sono un ex imprenditore nel campo dei media, televisione e cinema, ho lasciato il mio lavoro il 31 luglio del 2017, chiudendo definitivamente la mia carriera. Agrilunassa è un progetto mio e di mia moglie che parte con un nome abbastanza nuovo ma anche attuale, che era il progetto Life style.

Mia moglie è un ex avvocato, coordinatrice e formatrice aziendale, abbiamo deciso di comprare un terreno e cambiare vita, di trovare qualcosa di differente per realizzare un progetto di vita sostenibile e in economia circolare.

Lo abbiamo trovato a Bordighera, in questo territorio. Lei si è trasferita in Liguria nel 2011, prima a Ospedaletti, dove avevamo una casa, poi definitivamente qui, seguendo i lavori della nostra casa familiare. Abbiamo avuto l’occasione tra il 2014 e il 2015 di comprare l’altro pezzo di un casolare e da lì abbiamo deciso di creare la guesthouse.

Nel 2017 abbiamo aperto con due stanze e quest’anno abbiamo aggiunto  un’altra stanza e un appartamento che è anche studio di Yoga&Coaching. Mia moglie è insegnante internazionale di yoga, io ho fatto un corso per diventare guida di mountain-bike elettrica. Avendo anche figli sportivi, abbiniamo lo yoga allo sport e lo facciamo principalmente con la bici, il surf, il golf, ma anche con altri sport.

La ristrutturazione del casolare è stata fatta con tecniche di recupero e di bioedilizia con una suddivisione armonica degli spazi. Come e con chi avete studiato il progetto?
Noi, insieme a Federica – che ha una sua arte particolare da interior designer – ci siamo affidati al geometra Claudio Ferrua che ci ha consigliati sia sulla parte tecnica che realizzativa con le varie componenti. Federica ha posizionato le stanze secondo il metodo Feng Shui, arredandole con il metodo giapponese di recupero Wabi Sabi, dove l’imperfezione diventa perfezione, arricchendola con la cultura italiana per il design.

Interviene Federica: Abbiamo tenuto molto al recupero, riuso e riciclo di materiali, tramite il riutilizzo di cose che abbiamo trovato nel rustico abbandonato, con acquisti presso il mercatino dell’usato. Abbiamo ridato vita ai cestini della pesca trasformandoli in lampadari, gli annaffiatoi sono diventati sifoni della doccia. Ho visto che si sposava molto con questa filosofia giapponese. Ci sono poi cose fatte fare appositamente da noi, come i letti o il riutilizzo delle travi del tetto per fare da appoggio ai lavabi del bagno. Nulla è lasciato al caso. Lo chiamo “il ritorno alle origini”, che fa apprezzare le cose semplici, i materiali grezzi, e “sentire” questi materiali per realizzare che tutto ciò che è superfluo non è necessario.

Ad esempio, la scelta di non mettere la tv in camera è stata contestata al momento della valutazione della struttura con i “soli”, assegnadocene uno. Beh, se quello è un servizio indispensabile per avere almeno due “soli”, non fa niente, un “sole” per scelta! Abbiamo notato anche con i primi ospiti con bambini che non si sono neanche accorti che mancava la tv, perché hanno giocato in giardino coi cani e i gatti.

Tra le altre attività che proponete ci sono anche le composizioni floreali e la Green Art, un’altra tua passione?
Una mia passione sono sempre state le erbe aromatiche e tutto ciò che riguarda le essenze. Nel nostro giardino sensoriale abbiamo alcune parti dedicate alle erbe aromatiche. Un’altra mia passione è la medicina ayurvedica, lo studio delle erbe. Abbiamo pensato di tenere dei piccoli corsi, magari anche giornalieri, di creazioni con le erbe, poi composizioni floreali. Desideriamo offrire la possibilità a tutti di dare il proprio contributo, insegnare e condividere la propria arte.

Avete realizzato delle collaborazioni?
Claudio: Organizziamo tutto l’anno laboratori, workshop yoga anche con altri maestri italiani e internazionali che ci raggiungono qui. Yoga Bike Experience è una soluzione tra yoga mountain bike, la meditazione e lo sport, il fisico e la capacità per poterlo misurare, non solo per ciclisti ma anche per persone che vengono dalle città.

Vista la nostra grande esperienza nelle precedenti attività lavorative, abbiamo preparato dei corsi insieme a dei coach di mindfulness e coaching. Con Elena Tonengo di Imperia, di On Coaching, abbiamo studiato il progetto Crescita vincente che mira ad una crescita personale, per tutte le persone, sia manager che non, che vogliono arrivare ad un cambiamento insieme allo yoga e alla mountain bike. Ora stiamo studiando un altro progetto, questo è internazionale, con un coach americano che vive a Bruxelles, più dedicato a manager di multinazionali. Insieme a lui faremo comunicazione, free time, yoga time, sport time e coaching time. Yoga è il pensiero di fondo a cui si abbinano tre sport differenti, il golf l’obiettivo, bici la forza e il sup l’equilibrio.

Ci possiamo distinguere per una crescita di team all’interno di quelle aziende e multinazionali che seguono progetti di aggregazione. Oltre a questo con una start up di Milano che ha vinto il premio Sole 24 Ore per Work your Way, abbiamo proposto tutti i nostri servizi per tutte quelle aziende che lavorano o continueranno a lavorare in smart working. Possiamo offrire agli smart workers la stanza dove possono lavorare, se vogliono attingere ai nostri servizi durante il giorno, la settimana o il mese che sono qui.

Mi avete accennato del giardino sensoriale, di cosa si tratta?
È studiato con l’architetto Giacomo Pallanca e i Giardini Esotici Pallanca di Bordighera, uno dei giardini più antichi di piante esotiche. Nei nostri 5000 mq di terreno abbiamo cinque punti dove possiamo andare a fare meditazione, esperienze yoga, solitarie solo rilassamento, utilizzando i 5 sensi, olfatto, udito, gusto, vista, tatto. Abbiamo iniziato quest’anno la realizzazione prima del lockdown, poi abbiamo finito la zona “udito” che è proprio di fronte la sala Yoga&Coaching e dopo settembre lo terminiamo perché sia pronto già per novembre/dicembre.

La mia professione è il Lifestyle Consulting, è una consulenza di stile di vita. Chi va via dopo questa esperienza può cambiare il suo modo di lavorare, avere più tempo: non esiste solo il denaro, esiste l’economia circolare, produrre ciò che si consuma. Questo vale per gli Stati, per le famiglie e per le singole persone. Bisogna avere visione, idee, coltivarle, anche modificarle. Solo così si arriva a degli obbiettivi. È quello che insegniamo ai nostri ospiti.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il punto sul reddito di cittadinanza – Io Non Mi Rassegno #119

|

Quanta co2 indossiamo? Moda sostenibile alla Fashion Revolution Week

|

Genova e “Il ponte silenzioso”. Riflessioni di due anni dopo

|

Banca Etica lancia i “cultura bond” per sostenere le imprese culturali in crisi

|

Tre amiche e un’idea nata “per caso” per valorizzare la Sicilia

|

“Ragazzi irresponsabili” e Italia che Cambia a Torino per il festival di Cinemambiente

|

Leila, la biblioteca degli oggetti apre alla condivisione dei saperi

|

Francesco Bernabei: dall’istruzione parentale alla finanza etica, storia di uno “sviluppatore del cambiamento”