9 Ott 2020

A Bordighera una giornata dedicata all’educazione e alla prevenzione senologica

Scritto da: Emanuela Sabidussi

A Bordighera, nell'imperiese, in occasione del mese dedicato alla prevenzione e alla ricerca sul tumore al seno, si terrà il 10 ottobre una giornata gratuita in cui le protagoniste saranno l'educazione e la prevenzione senologica.

Imperia - Ottobre è il mese dedicato alla prevenzione e alla ricerca sul tumore al seno: mille sono le iniziative e i progetti che sono stati avviati in tutta Italia. Il trend di incidenza dei tumori al seno appare in leggero aumento negli ultimi dieci anni, mentre continua a calare, in maniera significativa, la mortalità (-0,8% per anno). L’aumento di incidenza è riferito soprattutto alle donne tra i 45 e i 49 anni: tale incremento coincide con la diffusione dello screening mammografico, che è stato ampliato anche a questa fascia di età. Il messaggio che arriva dai dati è che maggiori sono i controlli, più possibilità abbiamo di prendere in tempistiche adeguate la malattia e maggiori sono le possibilità di cura.

Bordighera prevenzione senologica

Tra le iniziative nel mese di ottobre a tal proposito vi segnaliamo quella del 10 ottobre a Bordighera, provincia di Imperia, organizzata dall’associazione di volontariato oncologico NonSiamoSoli onlus, col patrocinio dell’ASL 1 di Imperia: si tratta di una giornata gratuita in cui al centro vi saranno l’educazione e la prevenzione senologica. Sono previste gratuitamente visite specialistiche ed esami, se ritenuti necessari, di approfondimento, come mammografie ed ecografie.

La giornata si terrà presso lo studio Oggero in Via Romana 40, a Bordighera, dove le volontarie dell’associazione saranno a disposizione per fornire materiale illustrativo relativo alla prevenzione del cancro al seno e altre informazioni sulle attività della nostra organizzazione. Per consentire ad un maggior numero possibile di donne di partecipare, verrà data precedenza a chi non hanno mai partecipato a questa iniziativa.

Le attività di Nonsiamosoli

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

L’associazione da anni è attiva sul territorio imperiese ed offre servizi di vario genere a persone in uno stato di necessità e fragilità medica. In particolare, grazie al contributo di persone volontarie, si occupa di effettuare piccole commissioni quotidiane, che spesso per persone in stato di malattia è difficile fare. Inoltre, crea rete e relazioni tra chi si iscrive, per permettere di collaborare e ottimizzare gli spostamenti presso le sedi ospedaliere. Ma non solo. Per chi non è in grado per diversi motivi di recarsi da solo presso le strutture, offre la possibilità di essere accompagnato. Ha stipulato negli anni, inoltre, anche una serie di convenzioni con medici olistici ed allopatici ed una naturopata che mette a disposizione, per offrire supporti di varia natura alle persone interessate. Esiste poi anche una “Banca della parrucca”, con la quale Nonsiamosoli da in prestito parrucche di vario genere a donne che a causa di cure invasive hanno perso i capelli. Tra i servizi proposti vi è anche, non ultimo per importanza, il servizio di consulenza psicologica gratuita offerta sia alle persone malate oncologiche, che ai suoi famigliari.

Nasce Nonsiamosoli

L’associazione è nata nel 2007 dall’esperienza di Tiziana, che dovendo recarsi in diverse strutture ospedaliere, ha vissuto la difficoltà nel doversi muovere da sola in momenti di grande fragilità, e racconta: «In genere chi ha la necessità di recarsi fuori città per visite ospedaliere prende il treno oppure usa l’auto personale, magari accompagnato da un familiare. Piccoli gruppi di una, massimo due persone; ognuno porta un’auto nel parcheggio (in genere sempre molto affollato) dell’ospedale oppure affronta il disagio del treno che per un malato non è per niente pratico. A tutto ciò aggiungiamo la possibilità di fare nuove conoscenze, chiacchiere e scambio di informazioni come normalmente accade nelle sale d’aspetto di tutti gli ospedali. Ed ecco l’idea! Viaggiamo insieme! Se uniamo le forze e andiamo in compagnia sicuramente sarà tutto più facile».

Articoli simili
«Con “Gianna e i Maducò” insegno l’importanza dei piccoli gesti per il proprio territorio»
«Con “Gianna e i Maducò” insegno l’importanza dei piccoli gesti per il proprio territorio»

La Scuola senza pareti, dove i giovani fanno ripartire il territorio
La Scuola senza pareti, dove i giovani fanno ripartire il territorio

Pagelle di fine anno: i voti ai figli sono voti a noi genitori (prima parte)
Pagelle di fine anno: i voti ai figli sono voti a noi genitori (prima parte)

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Giornalista, un mestiere pericoloso – #523

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico

|

Quanto conta la salute? La storia di BB ce lo insegna

|

La morte di Shireen e un conflitto che sembra un labirinto senza vie d’uscita

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale