28 Dic 2020

Due sorelle coltivano la lavanda tramandando l’antico mestiere della valle

Scritto da: Lorena Di Maria

Si chiamano Rita e Patrizia Cugge e sono due sorelle che in Liguria stanno portando avanti un’antica tradizione di famiglia. Negli anni in cui molte aziende chiudevano, l’Antica Distilleria Cugge sopravviveva di generazione in generazione e ora diffonde, tramite la raccolta e la distillazione della lavanda e di altre piante officinali tipiche della zona, l’amore per la montagna e il rispetto per l’ambiente.

Imperia - Ci troviamo in Liguria, nell’estremo ponente ligure, in una valle che si chiama Valle Argentina, conosciuta dai molti per la sua famosa Oliva Taggiasca. Qui sorge l’Antica Distilleria Cugge, un’azienda agricola familiare avviata all’inizio del secolo scorso, che negli anni si è occupata della coltivazione e della distillazione della lavanda tramite il metodo artigianale. Una passione trasmessa da generazione in generazione, che ora è giunta fino a Rita e Patrizia, che stanno facendo sopravvivere la passione di questo antico mestiere che sta gradualmente scomparendo.

Come ci racconta Rita Cugge, «molti anni fa, quando nostro nonno iniziò ad occuparsi della lavanda, era un’attività molto fiorente ed erano numerose le distillerie nella valle, in quanto questa pianta cresceva in abbondanza nelle nostre colline e montagne. Durante il mese di luglio e agosto, quando la lavanda era in fiore, in tanti salivano ad alta quota per raccogliere questa profumata pianta e portarla ai distillatori. Tra questi c’era nostro nonno, che ha dato avvio a questa, ormai lunga, tradizione di famiglia e dopo di lui nostro padre, che ha deciso di portare avanti l’attività».

Col passare degli anni, però, è subentrata la chimica, la coltivazione della lavanda è passata di moda e pian piano sono state sempre più le aziende che hanno decidere di chiudere i battenti, come nel caso di Giuseppe, padre di Rita e Patrizia.

«All’epoca io lavoravo come impiegata alle poste e mia sorella come assistente in uno studio dentistico. Ricordo che nostro padre era rimasto ormai l’ultimo ad occuparsi di questo tipo di coltivazione nella valle, che iniziava a diventare un lavoro sempre meno conveniente. Io e mia sorella, che sin da piccole siamo cresciute in mezzo alla lavanda, non potevamo accettare l’idea di dover chiudere l’azienda di famiglia e così, per l’amore di questa attività e tradizione, abbiamo lasciato i nostri lavori sicuri e abbiamo scelto di rilevare l’attività. Non ci siamo mai pentite di questa scelta e oggi ne siamo fiere, più che mai».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ed è proprio a 1200 metri d’altitudine, tra i ripidi declivi della montagna, che Rita e Patrizia coltivano la lavanda. Nel periodo estivo si occupano della raccolta, che viene ancora eseguita manualmente. Lungo i campi coltivati il fiore viene tagliato con la falce e depositato su grandi teli, che vengono poi portati in valle con un trattore, per essere destinati alla distillazione. Da sempre la scelta dell’azienda è quella di orientarsi verso la green economy, infatti, grazie alla sua lavorazione basata su tradizioni secolari, artigianali e completamente naturali è stata riconosciuta “Impresa Green”.

«Il nostro modo di distillare si basa su un antico metodo di famiglia e i nostri prodotti non contengono parabeni, non sono testati sugli animali, sono ricchi di preziosi e sani estratti naturali». Durante il loro lavoro quotidiano, le nostre protagoniste realizzano oli essenziali e idrolati purissimi, in parte utilizzati per la preparazione di saponi, creme e shampoo.

Col passare del tempo Rita e Patrizia hanno sperimentato sempre più ricette e hanno creato una linea cosmetica di prodotti naturali, oltre che una linea di composte di frutta con infusi di fiori di lavanda dalle mille proprietà. «Per noi è importante produrre tutto in modo naturale e cerchiamo, con il nostro lavoro, di non inquinare il pianeta. Ad esempio, a seguito del processo di distillazione, la lavanda di “scarto” non viene buttata ma viene riutilizzata nei campi come pacciamatura e concime».

Nella loro azienda Rita e Patrizia si occupano di far conoscere le loro produzioni attraverso la vendita nei mercatini, sia locali che all’estero, nelle fiere, oltre che sul loro sito internet, dove è presente la loro bottega online.

«Negli anni abbiamo dato vita a una fattoria didattica e trasmettiamo questa antica arte non solo ai bambini ma anche agli adulti». Così dal 2010 l’Antica Distilleria Cugge è iscritta all’Albo delle Fattorie Didattiche della Liguria e in questi anni ha coinvolto studenti e studentesse dalle scuole materne alle superiori, dall’università della terza età alle associazioni e ai gruppi di persone curiose di apprendere questo antico mestiere.

«Vogliamo avvicinare grandi e piccoli a questo mondo, durante i nostri laboratori li portiamo a 1200 metri a visitare i campi di lavanda e successivamente organizziamo dimostrazioni nella nostra distilleria». In passato, quando l’azienda è diventata fattoria didattica, Rita e Patrizia hanno acquistato un piccolo distillatore, esempio della nuova tecnologia, per rendere partecipi i giovani al processo di distillazione.

Il nostro lavoro quotidiano più che un lavoro è una passione che ci impegniamo tutti i giorni a trasmettere ad altre persone. Amiamo molto il nostro territorio e siamo felici di vedere che, negli ultimi tempi, c’è stato un lento risveglio di questa antica arte, grazie a coloro che pian piano stanno riprendendo a distillare nella zona e nelle valli vicino, rendendo onore a questa antica arte che da sempre ci caratterizza».

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Fattoria del Risveglio, dove si pratica l’agricoltura ripartendo dalla terra
La Fattoria del Risveglio, dove si pratica l’agricoltura ripartendo dalla terra

Cura, rispetto e un mulino a pietra: i cereali della Fattoria di Selvoli
Cura, rispetto e un mulino a pietra: i cereali della Fattoria di Selvoli

Politica agricola europea: i cittadini chiedono una riforma profonda

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita