Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
24 Dic 2020

Una famiglia dà vita ad una rete per sostenere le piccole aziende agricole colpite dalla crisi

Scritto da: Valentina D'Amora

BioTigullio5Terre è una rete che vuole valorizzare le realtà agricole del Tigullio e delle Cinque Terre e promuovere le specialità del territorio, a partire da ingredienti locali e coltivati in modo sostenibile, senza l’utilizzo della chimica. E in più, incentiva trekking e turismo lento. Ho voluto conoscerne gli ideatori per farmi raccontare com'è nato questo progetto.

A Zoagli vive “una famiglia per il clima”, attiva da anni per l’ambiente (e per la pace): mamma Barbara e papà Massimiliano, insieme ai figli Emanuele, classe 2008, e Gaia, classe 2004. Scrivono articoli, puliscono spiagge e fiumi, pubblicano libri e viaggiano lento. L’ultima destinazione? «Siamo arrivati a piedi a Sant’Anna di Stazzema – mi racconta Barbara – abbiamo percorso 150 km a piedi ed è stata un’esperienza in completa sintonia con ambiente, pensata per evitare di inquinare sì, ma anche per vivere la “vacanza” in famiglia più intensamente».

Il viaggio è stato un percorso in sette tappe, giornalmente documentato sui social: «Postavamo gli incontri, i pensieri e i vari momenti di riflessione». Proprio entrando in contatto con le persone che vivono in paesi al di fuori dei soliti circuiti turistici è nata la voglia di aiutare tutte quelle realtà agricole conosciute lungo il cammino.

LA NASCITA DELLA RETE

BioTigullio5Terre nasce proprio durante il lockdown per dare visibilità alle aziende agricole del territorio del Tigullio e delle Cinque Terre, in seria difficoltà in primavera. «Ci siamo resi conto che mancava un trait d’union che legasse i produttori locali, sia in costa che lungo l’entroterra tra Tigullio e spezzino, e così abbiamo creato BioTigullio5Terre».

La neonata rete ora è una vetrina per una cinquantina di realtà a conduzione familiare che hanno rischiato di chiudere: «Sono tutte piccole aziende che si sostentano con i mercatini, estivi o natalizi, e ora che è tutto sospeso stanno faticando a restare a galla. Per questo abbiamo voluto raccontare la loro attività e la loro vita, dedicando a ognuno una pagina che desse loro visibilità».

Il portale riporta alla luce anche antiche ricette locali e le proprietà medicali delle piante e delle spezie, il tutto condito con un po’ di storia e di cultura dei vari territori.

CHI HA ADERITO AL CIRCUITO

Si tratta di produttori che si trovano soprattutto in Val Graveglia, Val d’Aveto, Val Fontanabuona e Val di Vara, che coltivano in maniera ecosostenibile e a impatto zero. Tra loro ci sono anche molti giovani agricoltori che hanno fatto rinascere colture ormai perdute e dimenticate. «Un esempio? La mela rapallina, che è riuscita a ripartire grazie alla caparbietà di questa azienda agricola che ha recuperato la varietà tramite la “banca del seme”. Si tratta di varietà locali che però fanno fatica a farsi largo dal punto di vista commerciale».

Barbara mi racconta anche della famosa nocciola di Mezzanego, sulle alture di Chiavari, coltivata fino a cinquant’anni fa e molto rinomata in Liguria, che col tempo è andata persa, soprattutto per la difficoltà di coltivare sulle fasce. «Negli anni le aziende sono andate a cercare terreni più facili da coltivare e con rese decisamente maggiori, per poter offrire i prodotti a prezzi di vendita più bassi».

Mentre ci salutiamo, mi rivela quali progetti futuri bollono in pentola: «A breve l’idea è quella di aprire un punto vendita fisico a Rapallo, in modo da offrire anche un presidio fisico e una vetrina reale a tutte le aziende aderenti».

Un ulteriore passo per valorizzare la filiera corta ligure. Work in progress!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Riesplode la violenza in Darfur – Io Non Mi Rassegno #290

|

Riciclotto, la scuola di sartoria che cuce insieme tradizione e creatività

|

Dal turismo di massa alla deforestazione, ecco come la speculazione minaccia montagne e foreste italiane

|

Alice Montalto: “Vi racconto la mia esperienza di volontariato in carcere”

|

Luca Recchia, il giovane designer che ha inventato un gioco per stimolare l’apprendimento creativo

|

Come tutto ebbe inizio – Io rifaccio casa così #1

|

Irene e il suo forno di comunità: “Torno nella mia città per fare il pane e creare relazioni”

|

La comunità di Porto di Terra: vivere la montagna della Sicilia tra permacultura e transizione – Io faccio così #314