29 Gen 2021

Il Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri e l’Educazione Ambientale

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Oggi vi portiamo a conoscere il Parco Naturale delle Alpi Liguri, che si estende su di tre valli di due provincie: Savona e Imperia. Il Parco protegge e valorizza l’ambiente naturale, il paesaggio e le attività umane amiche dell’ambiente, per contribuire a costruire uno sviluppo umano sostenibile.

Nella Liguria di ponente vi è un’area che comprende circa 6.000 ettari di parco, distribuiti in tre valli: l’Alta Val Nervia, l’Alta Valle Argentina e l’Alta Valle Arroscia. È qui che sorge il Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri, istituito nel 2007, e include sia Zone Speciali di Conservazione che Zone di Protezione Speciale.

Capriolo Foto G. Cristiani
Capriolo – Foto di G. Cristiani

LE MACRO AREE DEL PARCO
«L’area protetta è composta da diverse macro-zone non contigue fra loro, ognuna con particolari caratteristiche geo-morfologiche e una specifica biodiversità vegetale e faunistica».

  • La zona di Piancavallo, al confine tra la Provincia di Imperia e quella di Cuneo, è una fra le più interessanti a livello naturalistico grazie all’estesa copertura boschiva, che consente di osservare un’eccezionale varietà di specie arboree; larici (famoso il Bosco delle Navette), pini silvestri, abeti e faggi nascondono inoltre aree carsiche di grande interesse geologico (tra cui la Gola delle Fascette di circa 600 metri). Qui nidificano i rapaci, il fagiano di monte, il picchio nero, il gracchio corallino, ma fra i mammiferi predominano anche le popolazioni di camosci;
  • la dorsale dei monti Saccarello (all’inizio dell’estate una delle più estese fioriture di rododendri in Europa) e Frontè, con il Monte Saccarello che raggiunge i 2.200 metri ed è la zona a più elevata altitudine dell’intera Liguria; sulla stessa dorsale, c’è il Monte Frontè (2.152 mt) e la cima del Monega (1.882 mt, con la suggestiva faggeta di Rezzo, la più grande di tutta la Liguria). Questo territorio si distingue per le ampie zone di pascolo e praterie alpine.
  • il comprensorio Gerbonte-Toraggio/Pietravecchia è l’area forse più imponente, a livello visivo, dell’intero Parco, con un altissimo grado di biodiversità e numerosi microclimi. La Foresta Demaniale di Gerbonte ospita nei suoi 622 ettari pini silvestri e abeti accanto ad aceri, faggi e larici, fra i quali volano il gufo e l’aquila reale, il biancone e il picchio nero. Qui si possono visitare la Gola dell’Incisa, cavità e canali carsici;
  • la foresta di Gouta-Testa d’Alpe è una foresta demaniale che si estende dal Comune di Rocchetta Nervina fino al confine francese. È una delle aree boscate più estese della Regione, con un’eccezionale biodiversità vegetale: qui clima mediterraneo e continentale si incontrano a pochi chilometri dal mare, offrendo la vista suggestiva di abeti bianchi, faggi e pini silvestri assieme a orchidee e gigli, oltre a cascate, canyon e piccoli laghi. La zona, suddivisa fra Italia e Francia nel 1947, attraverso il progetto Interreg ALCOTRA della Comunità Europea ha visto la collaborazione fra il Parco delle Alpi Liguri e il Dipartimento francese delle Alpi Marittime.
Aquila reale Foto G. Cristiani
Acquila reale – Foto di G. Cristiani

I PROGETTI
Il Parco delle Alpi Liguri gestisce internamente numerosi progetti finanziati con fondi europei del Programma Interreg Italia-Francia Alcotra. Tra questi il progetto CLIMA ha come obiettivo l’analisi delle risorse idriche, tenendo conto dei cambiamenti climatici, e MOBIL: progetto che ha lo scopo di mantenere la sostenibilità di flussi della mobilità nelle aree naturalistiche montane, e realizzazione una serie di infrastrutture per la mobilità elettrica. O il progetto PATRIM, che ha la finalità di aumentare l’attrattività turistica del territorio, ad esempio attraverso la segnaletica.

Il progetto BIODIVALP invece, con vari sotto-progetti, si occupa di sviluppare servizi a protezione degli habitat, sostenendo la pastorizia e coinvolgendo gli operatori attivi. Attraverso i progetti MITO e PACE, l’ente crea e promuove nuove proposte per prodotti turistici di qualità e supporta la creazione di un archivio di documenti digitalizzati e la messa in rete di una serie di offerte per prodotti turistici di qualità.

Tra le altre attività inoltre il Parco coordina il Centro Regionale per la prevenzione e il contrasto all’imenottero Vespa velutina, o Calabrone asiatico, attraverso il quale le segnalazioni e gli interventi per il contenimento di questa specie invasiva. Questa particolare specie infatti rappresenta una seria minaccia: attacca e uccide api, bombi e altri insetti impollinatori sia delle piante coltivate che di quelle spontanee.

Bosco di Rezzo Foto LiguriaWow 2
Bosco di Renzo – Foto di LiguriaWow

LO SVILUPPO SOSTENIBILE
Con la fine dell’anno si sono conclusi i primi due progetti del Centro di Educazione Ambientale (CEA) del Parco finanziati dalla Regione Liguria nell’ambito dell’accordo con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM).

Tutti i CEA del territorio regionale sono stati infatti incaricati per l’ideazione e la realizzazione di azioni sui temi e gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile e sui programmi regionali di educazione ambientale e gestione dei rifiuti.
Il primo progetto del CEA Alpi Liguri, avviato nell’autunno del 2019, ha previsto azioni di informazione alle istituzioni locali e di sensibilizzazione della società civile. Dopo un evento inaugurale di presentazione, sono stati organizzati incontri porta a porta con i Comuni e le associazioni dell’entroterra della Provincia di Imperia per individuare iniziative già in atto e/o proposte in tema di sviluppo sostenibile previste sui rispettivi territori di competenza.

Successivamente sono state avviate attività di comunicazione, con la preparazione di un reportage di video-interviste e scatti fotografici che hanno visto come protagonisti le figure professionali e ai soggetti più rappresentativi del territorio. Tutti i materiali del reportage sono poi confluiti in una ‘mostra virtuale’ permanente di testi, racconti video e audio, storie e immagini, dal titolo “Mettiamo MANO al nostro FUTURO: ognuno di noi PUÒ’”, visitabile sul sito internet dell’Ente Parco (sezione Educazione Ambientale – Sviluppo Sostenibile). La mostra virtuale è visitabile sul sito ufficiale del Parco.

Il secondo progetto, avviato a settembre, ha avuto come principale obiettivo la promozione di iniziative di mobilità sostenibile (pedibus e bicibus) e riduzione del consumo di plastica nel mondo scolastico.
Nel 2021 il CEA del Parco sarà impegnato in un nuovo progetto incentrato in particolare su attività di educazione e promozione di stili di vita sostenibili rivolte agli studenti delle scuole, e avrà così l’occasione di continuare la propria fondamentale missione: quella di proteggere (e valorizzare) l’ambiente naturale, il paesaggio e le attività umane ‘amiche dell’ambiente’, per contribuire nel suo piccolo a costruire uno sviluppo umano tollerabile per il Pianeta.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

“Questo ultimo anno – ha dichiarato l’ente di gestione del parco – ci ha dato l’opportunità di migliorare le risorse informatiche dell’Ente, ha rafforzato il senso di appartenenza al territorio e ha evidenziato l’importanza del nostro lavoro per le comunità locali, regionali e transfrontaliere.
In definitiva, ci ha reso più realisti nel valutare le priorità dei compiti istituzionali che svolgiamo e più consapevoli dell’immenso patrimonio naturale e culturale che abbiamo il privilegio di tutelare e valorizzare.”

Articoli simili
Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento
Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta
Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi fra i primi 50 al mondo
Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi fra i primi 50 al mondo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’incidente nucleare cinese, i missili su Gaza, il vertice Putin-Biden – Io Non Mi Rassegno 390

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce