17 Feb 2021

Viaggio nell’amore (e nel sesso) che cambia

Scritto da: Daniel Tarozzi

Sta per partire un nuovo viaggio – che durerà almeno un paio di anni – che nasce con l'intento di fotografare, comprendere, raccontare i mutamenti che stanno coinvolgendo tutte e tutti noi nella società contemporanea. Se da un lato, infatti, istituzioni storiche come il matrimonio, la famiglia, la sessualità, sembrano essere entrate in una crisi profonda, dall'altro il Paese è attraversato da nuove (antiche?) forme di relazione, famiglie monogenitoriali, famiglie allargate, coppie che scelgono la fecondazione assistita, aumenti di adozioni e così via. E contemporaneamente, nell'era della mercificazione dei corpi da parte dei media e dell'esplosione del porno, cosa sta succedendo alla nostra sessualità? In quanti riescono a viverla in modo sano ed equilibrato? E cosa si può fare per diffondere i diritti per l’affettività dei disabili? Daniel e Paolo stanno per salire in camper per aiutarci a scoprire cosa si nasconde dietro l'amore (e il sesso) che cambia.

Sono anni che mi interrogo. Forse fin dall’adolescenza. Sono cresciuto in un mondo “libero”, aperto, complesso e intrigante, ma l’amore e il sesso sono rimasti rispettivamente un mistero e un tabù.

Cosa si nasconde davvero dietro queste due parole? Siamo capaci di amare davvero? Perché diciamo “ti amo” a un partner e “ti voglio bene” a un genitore, mentre in inglese si dice “I Love You” a entrambe le categorie? Cosa intendiamo quando diciamo “ti amo”? Qual è la differenza tra innamoramento e amore? La coppia è in qualche modo un “fenomeno” naturale o un’invenzione puramente culturale? E la monogamia? E cosa succede alle coppie “miste” i cui partner provengono da tradizioni e religioni diverse?

amore che cambia

Come mai quasi tutti ancora oggi si vergognano di parlare della propria sessualità, mentre un cane o un gatto si accoppiano tranquillamente di fronte a noi? E la nudità? Perché un corpo completamente nudo in una spiaggia non ci fa quasi nessun effetto, ma un corpo “svelato” quasi di nascosto ci colpisce o ci spaventa? Lo sapevate che il 30% delle coppie sposate si può definire “coppia bianca” o asessuale? Quasi una su tre! E come mai sempre più coppie sono sterili o hanno problemi ad avere figli? E la prostituzione, a quale bisogno ancestrale risponde? Esiste un modo efficace per contrastare il fenomeno delle schiave del sesso?

Cosa sta succedendo alle famiglie? Ci sono bambini con un genitore, con due genitori separati, con quattro genitori (tra naturali e acquisiti). Famiglie omogenitoriali. Bambini con mamme di cuore e di pancia. Ci sono comunità in cui i figli vengono cresciuti un po’ da tutti. C’è gente che proclama di vivere con serenità il poliamore. Altri parlano di coppie aperte, relazioni aperte. Sarà vero? Si può distinguere l’amore dalla monogamia sessuale? E se sì, si può farlo senza essere davvero gelosi? E la gelosia è qualcosa di “buono”, come dicono alcuni, o è un chiaro carattere di possesso che poco ha che vedere con i sentimenti?

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Domande, tante domande. Forse voi avete la risposta ad alcune di queste, ma sono certo che avrete probabilmente altre domande ancora. Non sapete quanti progetti ho visto finire perché una coppia si è separata o perché due “membri” di due coppie diverse “si sono messi insieme”. Quanti si stupiscono quando racconti che sei “amico” della tua o del tuo ex. Ma se hai amato davvero, che fine fa l’amore quando ti lasci? Mica si può smettere di amare, se si ama davvero. O forse sì? Io non lo so.

Ho tante tante domande e pochissime risposte. Per questo qualche anno fa ho immaginato questo viaggio nell’amore che cambia. Ne ho parlato con Giulia Rosoni – socia di Italia che Cambia e carissima amica, nonché esperta di queste tematiche – e insieme abbiamo immaginato e progettato questo viaggio. Poi la Chiesa Valdese ci ha finanziato (la Chiesa?? Un viaggio nell’amore e nel sesso che cambia? Esatto…) e finalmente con Paolo Cignini ci accingiamo a compiere i primi passi di questo viaggio di ricerca, indagine, scoperta.

Partiremo da Lombardia e Veneto e poi – con calma – esploreremo tutte le regioni italiane. Non faremo un unico viaggio, ma una serie di viaggi mirati. Oltre al tema dell’amore inteso come relazione tra due o più esseri umani, nonché tra figlie/i e genitori più o meno “ufficiali”, affronteremo il tema della sessualità che – non a caso – abbiamo messo nel titolo tra parentesi.

Il sesso infatti, insieme alla morte, è il grande assente dal dibattito di questo momento storico. O meglio, se ne parla tanto a sproposito ma poco in modo maturo e consapevole. A scuola continua a mancare l’educazione sessuale, l’ignoranza sui propri corpi sta raggiungendo nuovi limiti inaspettati, la confusione regna sovrana e il tema delle sessualità “diverse” genera solo conflitti ideologici.

Intanto là fuori si stanno sviluppando comunità diverse e in alcuni casi divergenti e mentre da un lato – faticosamente – i portatori e le portatrici dei diritti LGBTQ+ cercano di emergere dall’anonimato, contemporaneamente la sessualità è sempre più mercificata, repressa, “idolizzata”.

Vuoi viaggiare con noi? Aiutaci, segnalandoci esperienze che dal tuo punto di vista meritano di essere incontrate e raccontate. Invia una segnalazione compilando questo modulo. E – se possibile – indicaci in modo chiaro dove si trova e come contattarlo. Che aspetti? Partiamo!

Il Viaggio nell’Amore che Cambia è realizzato con il sostegno della Chiesa Valdese

Articoli simili
Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18
Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina
Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso
Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza