29 Mar 2021

Quanto ha influito il lockdown sul consumo di droghe?

Scritto da: Redazione

Il Centro europeo per il monitoraggio sulle droghe e sulle dipendenze lancia l'edizione 2021 di un sondaggio volto a fotografare la situazione attuale sul tema. Il lavoro di quest'anno sarà particolarmente importante perché consentirà di capire quali sono stati gli effetti delle restrizioni dettati dalla pandemia sul consumo di droghe.

Uno strumento semplice, un sondaggio online, per raccogliere informazioni su come si stanno modificando i pattern di utilizzo delle sostanze psicoattive in Europa.Quanto spesso se ne fa uso, in che modo e in quali quantità? Sono queste le domande a cui vuole dare risposta il sondaggio anonimo e volontario European Web Survey on Drugs, un’iniziativa promossa dall’Osservatorio europeo delle droghe (EMCDDA) che, alla sua terza edizione, viene lanciata da oggi sul web e alla quale l’Italia partecipa insieme ad altri 29 paesi.

Chiunque abbia compiuto 18 anni e fatto uso di droghe negli ultimi 12 mesi, anche solo occasionalmente, è invitato a contribuire alla ricerca, in modo semplice, intuitivo e totalmente anonimo. Per partecipare basta collegarsi a questo link, attivo fino a giovedì 29 aprile e dedicare qualche minuto alla compilazione del questionario. «Le risposte sono completamente anonime e non verrà raccolto alcun dato che possa permettere l’identificazione dei partecipanti», assicura la dottoressa Sabrina Molinaro, Dirigente di ricerca del laboratorio di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari (CNR-Istituto di Fisiologia Clinica) che si occupa dello studio per l’Italia e che da anni coordina ricerche incentrate sul monitoraggio dei consumi nel nostro paese. «L’obiettivo è quello di stimare le dimensioni reali del mercato e di poter dipingere un quadro dettagliato dell’uso di sostanze psicoattive in Europa, che potrà essere utile per plasmare le future politiche europee e gli interventi di prevenzione».

I dati ricavati dalla scorsa edizione della Web Survey EWSD, presentati nella “Relazione Europea sulla Droga. Tendenze e sviluppi 2019”, hanno fornito informazioni complementari a quelle ricavate dagli studi sulla popolazione generale e indicazioni più approfondite sull’uso delle droghe in Europa. Tali indagini, pur non essendo rappresentative della popolazione generale, sono in grado di raggiungere grandi campioni di consumatori. La web survey europea ha raccolto informazioni sui modelli di uso e gli acquisti delle sostanze illecite più comunemente utilizzate presso 40.000 persone che fanno uso di droghe (circa 3.000 in Italia), reclutate principalmente tramite i social media. I risultati indicano ad esempio che la cannabis è la sostanza più comune e che quella in foglie e infiorescenze è stata più utilizzata della resina di cannabis. Tuttavia, molte delle persone che hanno partecipato all’indagine hanno dichiarato di usare entrambi i tipi, in particolare in Italia, Francia, e Paesi Bassi. L’uso della sola resina di cannabis è stato invece riportato raramente.

I dati hanno fornito indicazioni sui modelli di consumo di cocaina nei diversi gruppi e sul modo in cui possono variare da un paese all’altro. Confrontando la quantità usata nei vari paesi, è stato possibile osservare che tanto il prezzo quanto la purezza della cocaina sul mercato variano da paese a paese e ciò può avere un impatto sulla quantità consumata. Tra gli intervistati che hanno riportato l’uso di cocaina, la percentuale che ne ha fatto uso frequentemente (più di 50 giorni nell’ultimo anno) è stata da zero in Repubblica Ceca a oltre il 10 % in Italia, Belgio, Cipro, Francia e Lussemburgo. Il consumo di cocaina è variato da paese a paese ed è andato da una media di 1,3 grammi al giorno di consumo in Austria, Belgio e Francia a 3,5 grammi a Cipro. In generale, gli utilizzatori frequenti hanno consumato quantità più elevate di droga ogni giorno di consumo rispetto agli utilizzatori meno frequenti.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

droghe

L’MDMA è stata spesso consumata insieme ad altre sostanze, tra cui l’alcol. Le indicazioni hanno suggerito che, nei paesi a più alta prevalenza, l’MDMA non sia più una droga di nicchia o circoscritta alla sottocultura delle discoteche e delle feste, ma sia stata utilizzata da un ampio bacino di giovani in contesti tradizionali di vita notturna, tra cui bar e feste in casa. Lo studio del 2018 ha rilevato che, tra le persone che hanno utilizzato MDMA nel corso dell’anno precedente, la percentuale di chi ne ha fatto un uso frequente (più di 50 giorni) è variata dallo zero a Cipro a circa l’8 % in Austria e Croazia.

Sarà particolarmente interessante poter confrontare questi e altri dati con quelli attuali e verificare attraverso un’apposita sezione della survey gli effetti della pandemia da Covid-19 e dei prolungati lockdown sui pattern di consumo di sostanze psicoattive. Anche per questo è molto importante partecipare e invitare gli amici e i conoscenti a contribuire alla ricerca.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Il Teatro del Fiume 2016
Il Teatro del Fiume 2016

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta
Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

Bosco Medicina: a contatto con la natura per ritrovare il benessere
Bosco Medicina: a contatto con la natura per ritrovare il benessere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa