12 Apr 2021

“Paesaggi verticali” per invitare i giovani a scoprire la montagna

Come avvicinare i giovani al proprio territorio e rilanciare il welfare locale? A Biella la Fondazione Cassa di Risparmio, in collaborazione con la Fondazione Funivie di Oropa, ha dato vita al progetto "Paesaggi Verticali", che si rivolge ai giovani tra i 10 ed i 25 anni e alle persone in situazione di fragilità attraverso la fruizione della funivia e della cestovia, per favorire la riscoperta della montagna.

Incentivare l’utilizzo della funivia come strumento di scoperta del territorio: è questo l’obiettivo della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella che, in collaborazione con la Fondazione Funivie di Oropa, offrirà un importante contributo per promuovere il territorio caratteristico della Conca di Oropa. Il progetto, chiamato “Passaggi verticali”, è pensato per coinvolgere i giovani donando speciali abbonamenti a studenti e categorie fragili, al fine di valorizzare il welfare locale e permettere alle persone di scoprire le bellezze del territorio.

Le funivie d’Oropa si trovano nella Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Oropa, alle spalle della Basilica Nuova del Santuario. Qui è possibile imparare a conoscere la montagna e trovare un importante punto di riferimento per il turismo biellese. La conca di Oropa, preservata nei secoli da qualsiasi contaminazione urbanistica, costituisce, con le sue 800 specie floristiche la suggestiva cornice del complesso monumentale del Santuario di Oropa. Si tratta di un territorio caratteristico da valorizzare, specialmente attraverso le attività turistiche connesse alla natura e allo sport come passeggiate, trekking, alpinismo, mountain bike, sci alpino e sci di fondo.

Funivie Oropa

Attraverso l’acquisto e la donazione di tessere da utilizzare per l’accesso e l’utilizzo degli impianti, si vogliono coinvolgere le scuole biellesi, le società sportive e gli enti pubblici e del terzo settore che si occupano di welfare. Il progetto, come accennato, si rivolge soprattutto ai giovani tra i 10 ed i 25 anni e ai soggetti in condizioni di fragilità con i loro accompagnatori.

«Per realizzare il progetto – ha affermato il presidente della Fondazione CR Biella Franco Ferraris – abbiamo applicato una metodologia già consolidata da anni dalla Fondazione, ovvero la donazione di abbonamenti gratuiti come già fatto nel caso del progetto “Teatro + sociale”, una formula semplice ma efficace per stimolare l’utilizzo del servizio di risalita e far scoprire la bellezza della Conca di Oropa».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Funivie Oropa1

Il presidente della Fondazione Funivie Gionata Pirali ha poi sottolineato l’importanza dell’iniziativa, mettendo in luce la sinergia tra le due realtà: «La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, come sempre, si dimostra vicina alla Conca di Oropa e presente al momento del bisogno. Questo progetto è stato accolto con grande entusiasmo perché rappresenta esattamente la finalità del nostro servizio, ossia quello di portare più persone possibile, soprattutto i nostri giovani, a scoprire le bellezze paesaggistiche che la Conca di Oropa ha da offrire, ma che in tanti ancora non conoscono. Un mio personale ringraziamento – ha concluso – va ovviamente alla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella che in questo particolare momento di difficoltà economica delle Funivie di Oropa ci supporta anche con iniziative di questo genere».

Tutti gli enti che sono interessati al progetto sono invitati a compilare entro il 30 aprile 2020 l’apposito questionario cliccando qui.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Riforestiamo il mondo? – Io Non Mi Rassegno #367

|

Emilia Romagna prima regione italiana a bandire le gabbie dagli allevamenti

|

In un terreno confiscato alla mafia nasce la prima food forest della Sicilia

|

Il mutuo garantito al 100%? In realtà non è utile per i giovani

|

Ri-nascere cre-attivamente dalla sofferenza. BB, parole di dolore e resilienza

|

AAA cittadini cercasi per rivitalizzare piccolo borgo umbro

|

GasparOrto, l’orto urbano che sfida cemento e degrado

|

La prima volta che mi hanno chiesto il permesso