17 Giu 2021

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

Scritto da: Redazione

Nato in occasione di un flashmob durante la pandemia, torna il Cammino delle Panchine, un affascinante trekking esperienziale lungo sette tappe ideali e altrettante stazioni reali intorno al suggestivo lago montano di Scanno, sull'appennino abruzzese.

Abruzzo - Sette panchine, i sette colori dell’arcobaleno e sette parole relative a ciò che conta nella vita, per sperimentare il Cammino delle Panchine, il trekking esperienziale dell’Essere tra natura, storia e cultura, allo scopo di trasformarsi e rifiorire dopo la pandemia, vivendo l’estate in maniera piena e rigenerante, attraverso la riscoperta dei propri talenti e un proposito evolutivo, in connessione con gli altri. Dopo l’inaugurazione in terra materana a maggio, dal 25 al 27 giugno e dal 30 luglio al 1 agosto ritornerà sul Lago di Scanno (AQ), il lago a forma di cuore dove tutto è cominciato, l’iniziativa nata da un flash mob digitale della visionaria Caterina Schiappa durante la quarantena dello scorso anno.

cammino delle panchine 2

Dalla panchina madre di Scanno è nata Digital Bench, la panchina digitale per divulgare unicità e accelerare positività. E poi “so-stando” su quella panchina, è stato ideato il flash mob digitale che ha preso spunto dalle 7 parole relative a ciò che conta nella vita: Essere, Creare, Includere, Trasformare, Ascoltare, Divulgare, Donare. Un evento che si è poi concretizzato nel reale, lo scorso anno, con la prima edizione del Cammino delle Panchine intorno al Lago di Scanno, quindi cresciuto grazie alla collaborazione con Evolution Travel di Angela Rondinone, con l’inaugurazione, quest’anno, dell’edizione materana e delle successive date abruzzesi.

Il Cammino rappresenta non solo un tracciato di trekking sui sentieri del territorio, ma anche un percorso esperienziale dell’Essere, costruito su misura del partecipante da formatori professionisti e rivolto a tutti coloro – persone e liberi professionisti, studenti, famiglie, gruppi di amici, aziende – che vogliono mettere da parte il digitale per rimmergersi nella natura e ritrovare la propria autenticità e motivazione, in forte condivisione con gli altri, capaci di donare sé stessi e tornare così al punto di partenza trasformati. Perché, come accade alle lucciole nel miracolo delle mangrovie1, più impariamo a collaborare con gli altri, aiutandoli a trovare la loro luce, più brilleremo tutti.

Il cammino è composto da un totale di circa 15 chilometri da coprire in due giornate, seguendo un percorso di mobilità lenta e sette tappe-sessioni di consapevolezza intorno al Lago di Scanno, procedendo lungo la Strada dei Soldati, località Cullitto, la Stazione intermedia della Seggiovia, località Sturzitto, la Statua del Papa. Il tutto condito dall’imperdibile enogastronomia locale e dalla visita guidata al paese di Scanno, annoverato tra i “borghi più belli d’Italia” nonché tra i “borghi del respiro”.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

cammino delle panchine 1

«Dopo la felice inaugurazione in terra materana, sono piena di gioia per il ritorno del Cammino delle Panchine nel luogo dove tutto è cominciato e che ha per me un particolare significato personale», ha dichiarato Caterina Schiappa. «Dopo questo lungo anno di pandemia, quale miglior occasione per rimettersi in cammino in maniera consapevole, realmente e metaforicamente? Ma anche per abbandonare lo stato di “languishing”, il languire, quel senso di stagnazione di cui i media hanno tanto parlato, e ritrovare scopo e felicità? Grazie ad Angela Rondinone di Evolution Travel per la sua preziosa collaborazione, che ha reso possibile il perpetuarsi di questo percorso di forte rilevanza per l’intera comunità, coniugando la passione per il trekking all’interesse per il contesto storico-culturale locale e alla promozione turistica».

1 – Shawn Achor (2018). “Big Potential”, Cap 1 La forza delle connessioni nascoste. Ed Scuola di Palo Alto

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti
Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

La riviera ligure a piedi: rinasce il sentiero verdeazzurro
La riviera ligure a piedi: rinasce il sentiero verdeazzurro

La Foresteria dell’Oasi, da ex fienile a struttura ricettiva nella riserva naturale
La Foresteria dell’Oasi, da ex fienile a struttura ricettiva nella riserva naturale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri

|

Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

|

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

|

Dal Giglio elle Eolie, buone pratiche e criticità delle isole minori italiane

|

Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?