8 Lug 2021

Occhio all’etichetta: 6 volte su 10 non aiuta a fare bene la differenziata

Scritto da: Redazione

Da un'indagine di Junker app e del magazine EconomiaCircolare.com emerge che la maggior parte delle etichette che dovrebbero aiutare le persone a fare una corretta differenziazione dei rifiuti in realtà non svolge questo compito. La normativa si sta adeguando, ma come fare perché anche il mercato compia questi primi, irrinunciabili passi per ridurre l'impatto ambientale dei nostri acquisti?

E questo dove lo butto? Quante volte ci siamo fatti questa domanda di fronte ai bidoncini domestici della raccolta differenziata. Con materiali sempre nuovi e complessi e imballaggi che contengono diverse componenti, districarsi è sempre più difficile. Non sempre poi ci vengono in aiuto le informazioni riportate sugli involucri dei prodotti, perché spesso le etichette più che chiarire confondono; altre volte parlano, ma in maniera sbagliata.

È quello che hanno riscontrato il web magazine EconomiaCircolare.com e la app Junker con un piccolo ma significativo esperimento: hanno raccolto gli imballaggi di 90 prodotti analizzando le informazioni su composizione e riciclabilità riportate in etichetta. Qui è disponibile il dossier integrale, intitolato “Occhio all’etichetta”.

L’indagine ha dato vita a un breve report esemplificativo delle buone pratiche e delle (ancora troppe) criticità. Delle 90 etichette esaminate, 10 sono risultate non corrette, 37 incomplete, 7 non riportano alcuna indicazione e 36 sono corrette. Solo il 40% delle indicazioni, quindi, può considerarsi pienamente efficace e facilmente comprensibile dagli utenti. Il dettaglio degli “orrori” e delle imprecisioni è riportato nel dossier “Riciclabilità degli imballaggi: occhio all’etichetta!”: a ogni imballaggio è associato un semaforo che si illumina di rosso, giallo e verde a seconda che ci sia un errore grave, una imprecisione o tutte le informazioni corrette, mentre il semaforo resta spento nei 7 casi in cui al consumatore non viene offerta alcuna indicazione su come conferire l’imballaggio.

etichetta
Copyright: ©Halfpoint – stock.adobe.com

«I risultati di questo dossier – commenta Noemi De Santis, co-fondatrice e responsabile comunicazione di Junker app, l’applicazione per la raccolta differenziata più evoluta d’Italia – dimostrano che c’è ancora tanta strada da fare per centrare la sfida lanciata dal decreto 116/2020 in materia di etichettatura ambientale. Sappiamo che non è facile maneggiare la complessità che si cela dietro un imballaggio, ma le aziende hanno il dovere di fare chiarezza sui packaging dei prodotti che mettono in commercio».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Dall’indagine non sono emerse categorie merceologiche più a rischio di altre. Etichette non corrette, incomplete o mancanti si trovano infatti nei generi alimentari così come nei cosmetici, nei prodotti per l’igiene della casa e in quelli destinati alla cottura o la conservazione del cibo.

Analizzando i 90 imballaggi, in molti casi si riscontra l’uso di grafiche e simboli diversi per indicare lo stesso tipo di materiale da differenziare. Per indicare il conferimento nella carta, ad esempio, sui casi presi in esame sono state individuate ben quattro tipologie di etichette diverse, ma tra termini impropri e colori non ufficiali, le problematiche individuate dal dossier non finiscono qui.

Dall’indagine “Occhio all’etichetta” emergono anche altre strane diciture come, ad esempio, quella di chi suggerisce in etichetta di rivolgersi “al proprio Comune per conoscere la modalità di smaltimento”. «I Comuni non hanno il personale, le conoscenze e nemmeno l’obbligo di scendere così nel dettaglio. Rimanderebbero probabilmente al numero verde dei gestori della raccolta, ma anche questi ultimi non sono tenuti né a conoscere né a trasmettere tutte quelle informazioni», precisa Noemi De Santis di Junker.

Il caos attuale dovrebbe durare ancora pochi mesi, perché nel 2022 entrerà in vigore la norma del decreto legislativo 116/2020 che introduce la cosiddetta “etichetta ambientale”, alla cui messa a punto ha lavorato alacremente il Conai con l’Istituto Italiano Imballaggio, UNI, Confindustria e Federdistribuzione, mettendo peraltro a punto specifiche linee guida.

junker app ti aiuta fare raccolta differenziata 4
Il team di Junker

«Proprio in attesa della norma si siamo messi nei panni dei consumatori e abbiamo evidenziato le maggiori criticità affinché il governo e gli organismi competenti intervengano efficacemente – afferma Raffaele Lupoli, direttore editoriale del web magazine EconomiaCircolare.com –: fornire informazioni chiare ai cittadini è un tassello imprescindibile del corretto trattamento dei rifiuti. Anche le aziende che dovranno confrontarsi ai nuovi obblighi sono in trepidante attesa e per quelle di loro che esportano in più Paesi il problema è ancora più complesso, perché già solo a livello europeo non ci sono regole uniche su cosa riportare su etichette e imballaggi».

Dialogando con il magazine, la responsabile dell’Area prevenzione e del Centro studi Conai, Simona Fontana, ha spiegato: «Stiamo ricevendo davvero tantissime richieste di supporto e segnalazioni da parte delle aziende proprio per la realizzazione di un’etichetta che sia coerente con le linee guida, che di fatto rappresentano un’interpretazione del testo di legge. Se il nostro Paese sarà in grado di dimostrare che la sua è una buona pratica, sicuramente c’è la possibilità che quello italiano sia adottato come modello a livello europeo». E magari a quel punto, sia in Italia sia nel resto del Vecchio Continente, ci saranno finalmente meno facce perplesse davanti a un’etichetta e ai bidoni della differenziata.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Dal Giglio elle Eolie, buone pratiche e criticità delle isole minori italiane
Dal Giglio elle Eolie, buone pratiche e criticità delle isole minori italiane

In Alto Piemonte l’enoturismo promuove il territorio tramite tecnologia blockchain
In Alto Piemonte l’enoturismo promuove il territorio tramite tecnologia blockchain

CleaNap: i giovani napoletani scendono in piazza per pulire la loro città
CleaNap: i giovani napoletani scendono in piazza per pulire la loro città

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri

|

Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

|

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

|

Dal Giglio elle Eolie, buone pratiche e criticità delle isole minori italiane

|

Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?