20 Set 2021

Crisi climatica: il WWF crea un fondo per combatterla in 4 mosse

Scritto da: WWF

Il Cimate Crisis Fund – fondo per la crisi climatica – è un'iniziativa lanciata dal WWF allo scopo di finanziare interventi in quattro ambiti chiave, i terreni principali in cui si gioca la sfida ecologica che deciderà, che lo vogliamo o meno, il destino del Pianeta e di chi ci abita.

La crisi climatica ormai è cronaca e nessuno si può sentire al sicuro. Se ancora qualcuno stentava a crederci, ci ha pensato la terribile estate appena trascorsa a mostrarglielo, senza mezzi termini. Temperature record in Artico, ondate di calore devastanti in Siberia, alluvioni violente in Cina, India, Germania e Belgio; per non parlare degli incendi che hanno devastato il bacino del Mediterraneo e delle siccità gravi e prolungate in diverse aree del globo.

Questi eventi meteorologici estremi in pochi attimi si sono portati via vite umane e animali, devastando territori naturali e centri urbani. La crisi climatica non conosce differenze, riguarda ognuno di noi e non possiamo stare fermi a guardare mentre tutto quello che abbiamo scompare.

Per questo, proprio nell’anno chiave degli impegni internazionali per il clima, il WWF ha deciso di creare il Climate Crisis Fund. Un grande fondo del WWF nato per contrastare la crisi climatica con azioni concrete in quattro principali e diverse aree di intervento, che vanno dall’Amazzonia all’Artico.

crisi climatica 4

Proteggere l’Amazzonia

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

La prima azione riguarda proprio la tutela del polmone verde della Terra, la foresta amazzonica, che assorbe carbonio dall’atmosfera giocando un ruolo fondamentale nella lotta al cambiamento climatico. Deforestazione e incendi però, ogni minuto ci stanno portando via un territorio di Amazzonia equivalente a 27 campi di calcio. Attraverso il Climate Crisis Fund, il WWF fornirà alle comunità locali formazione e attrezzature – come droni – per sorvegliare questo habitat. Il fondo permetterà poi di continuare a lavorare per contrastare attivamente incendi e deforestazione, agendo sulle cause e limitandone gli impatti.

Ripristinare gli habitat

Ricostruire, rigenerare, riportare alla natura è la seconda azione del fondo per il Clima. Una corretta gestione degli ecosistemi, la nostra miglior difesa naturale contro l’impatto del cambiamento climatico, potrebbe far risparmiare ogni anno l’equivalente delle emissioni attuali degli Stati Uniti e dell’Unione Europea insieme.

In Italia, Il WWF opera per la rinaturazione delle sue 100 Oasi e di un ampio tratto del fiume Po, attraverso la riduzione del rischio idrologico, la depurazione dell’acqua, il controllo dell’erosione, il recupero del fiume come importante corridoio ecologico. Il Climate Crisis Fund può diventare una risorsa cruciale anche per il nostro Paese.

Salvaguardare le regioni polari

L’Artico si sta riscaldando a una velocità più che doppia rispetto alla media globale, con conseguenze devastanti per il pianeta. Il WWF promuove la ricerca sugli impatti della crisi climatica su questa regione, con l’obiettivo di trovare soluzioni per affrontare il cambiamento. Fra le attività lo studio degli ecosistemi e dei loro abitanti e il sostegno ai progetti di ricerca sugli orsi polari, per capire meglio le loro necessità, indagare i problemi di sopravvivenza dei cuccioli, e costruire piani di gestione che ne consentano la salvaguardia.

crisi cilmatica

Coinvolgere nella lotta governi e istituzioni

Siamo le ultime generazioni che nei prossimi pochi anni possono ancora fermare gli effetti più devastanti del cambiamento climatico, ma ognuno di noi non può agire da solo. Per questo è necessario continuare con forza a coinvolgere ed esigere da governi, aziende e istituzioni che accelerino la riduzione delle emissioni, la dismissione dei combustibili fossili, l’impiego di energie rinnovabili, la disseminazione di buone pratiche. Il Climate Crisis Fund del WWF servirà anche a questo.

Gli appuntamenti dei leader globali sono alle porte, a cominciare dagli incontri di Milano della Youth COP e della Pre-COP di fine mese, per passare al G20 previsto a Roma ad ottobre, in vista della COP26 di novembre a Glasgow. Queste sono le occasioni in cui si dimostrerà la credibilità di istituzioni e leader e il loro reale impegno sulla tutela di un futuro di benessere per l’umanità. Solo se sapremo cogliere le sfide che il cambiamento climatico ci pone di fronte, potremo sperare di vivere in un mondo sano, equo e giusto: il futuro passa da tutti noi.

Per approfondire leggi la nostra Visione 2040 sul clima.

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar
Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica
“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico
Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra