25 Ott 2021

Marta: donne e antiproibizionismo per il futuro della canapa italiana

La sua passione per la coltivazione delle piante si è trasformata in un lavoro quando ha incontrato la canapa. Da diversi anni Marta si occupa di ricerca, formazione, produzione e vendita, con due focus particolari: quello sulla presenza femminile nel settore e quello sugli aspetti legali.

Roma, Lazio - «Le donne non sono una piccolissima percentuale tra i grower, ma non ancora esattamente la metà del cielo», osserva Marta Lispi immaginando presente e futuro del mondo della canapa italiana. La sua storia personale e lavorativa è strettamente legata a questa coltura, poiché si occupa di produzione e rivendita di cannabis light, ma è anche consulente e formatrice.

«In questo campo – sottolinea – ho una particolare inclinazione verso la ricerca del ruolo delle donne in questa filiera industriale e anche i processi di legalizzazione. «Ho studiato molto, non solo a livello legislativo e scientifico, ma anche sociale».

marta canapa italiana 2

Per inquadrare la questione Marta cita l’esempio degli Stati Uniti, dove «l’analisi del mondo delle minoranze che lavorano nel mondo della cannabis testimonia come questa filiera agricola sia capace di assicurare un sostentamento anche a persone che devono operare un cambiamento nella loro vita o che hanno problemi di inclusione».

Come grower, accanto alla coltivazione di canapa, Marta ha avviato un’altra linea di floricoltura di erbe aromatiche (lavanda, melissa, calendula), utili anch’esse in molti preparati erboristici: «Ho avuto la fortuna di dedicarmi a questo mondo prima del 2016 e dell’avvento della Legge 242, avendo lavorato al primo Canapa Info Point (CIP): ho vissuto il cambiamento e posso dire che il mondo canapa prima della 242 era più vero e bello».

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il discorso prosegue sui binari paralleli degli aspetti di genere e di quelli legali: «Ho studiato le legalizzazioni che sono nate in certi paesi – prosegue Marta – e ho notato che ancora una volta protagoniste sono le minoranze, in particolare le donne. La canapa industriale italiana è un mondo friendly per le donne e molte si stanno rimettendo in gioco, incluse madri con tre lauree, trovando un lavoro adatto a conciliare tutte le loro esigenze, ma soprattutto le loro aspettative».

marta canapa italiana 1

Quello della canapa italiana è un mondo ad altissima competenza e la filiera produttiva è amplissima: «Le donne sono veramente affini alla natura e alla ricerca, non è quindi un mistero il fatto che esse eccellano. La terra, le piante, ti salvano la vita. Non sono nata in una famiglia di agricoltori, anche se mia nonna coltivava un orto convenzionale. Attenta a cosa mangiavo e cosa usavo, mi sono avvicinata per passione agli orti sinergici e al mondo delle coltivazioni biodinamiche. Era, appunto, solo una passione, che è diventata un lavoro solo quando ho conosciuto la canapa».

Come ricercatrice del mondo della canapa al femminile, Marta ha creato una sorta di vetrina online, MissJoint, su cui è stato pubblicato il manifesto delle donne nella canapa e dove altre donne possono raccontare e mettere in gioco le loro competenze in questo settore: non solo floricoltura e lavorazioni erboristiche, ma anche alta cucina, veterinaria e tanto altro.

«Avendo intervistato moltissimi esperti in tutti i paesi – conclude Marta – spesso condivido le raccolte del mio database per aiutare associazioni e altri enti che non hanno potuto dedicare lo stesso tempo ad approfondire una materia la cui complessità spesso penalizza un mercato legale di sicuro reddito. Sono ancora più convita di questo, avendo vissuto sia la versione “naif” di questo settore che quella caratterizzata da una filiera più strutturata».

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Lo Pan Ner, celebrare l’arte del pane e gli antichi saperi delle comunità
Lo Pan Ner, celebrare l’arte del pane e gli antichi saperi delle comunità

La storia di Sara, giovane birraia artigianale con la passione per l’agricoltura
La storia di Sara, giovane birraia artigianale con la passione per l’agricoltura

App digitali, droni e sensori in agricoltura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Super Green Pass, da oggi le nuove regole – #423

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora

|

Una comunità solidale che ridà speranza attraverso le buone pratiche. Utopia? Sì!

|

Il calendario della gentilezza: per il periodo di Natale fai anche tu una buona azione al giorno

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?