29 Mar 2022

6 giorni per cambiare vita: un’esperienza immersiva alla Fattoria dell’Autosufficienza

Custodi della Terra è un progetto di comunità in cambiamento che ha già trasformato le vite di diverse persone. Perché allora non condividere il più possibile questa opportunità? Vi parliamo di un’esperienza formativa e ispirazionale dedicata a chi ha deciso di vivere una vita più consapevole all’insegna della bellezza, dell’etica, della sostenibilità e del Bene Comune che si svolgerà dall’8 al 13 maggio in Val di Savio alla scoperta di una comunità diffusa nel territorio.

Cesena, Emilia-Romagna - Autosufficienza. Bene Comune. Vita in armonia con la natura. Diventa il cambiamento che vuoi vedere nel mondo. Potrebbe essere il titolo di un film o di un libro, è invece l’esperienza pratica e diretta che si potrà vivere dall’8 al 13 maggio in Romagna alla scoperta del progetto di comunità diffusa chiamato Custodi della Terra. 

È nato tutto per caso: nel 2019 Tommaso Carmenati si recò per qualche giorno di vacanza presso la Fattoria dell’Autosufficienza di Francesco Rosso. È ritornato a giugno 2020 per tre mesi, poi a ottobre e poi a maggio del 2021 per restarci fino a tutto l’inverno dopo. Non pensava di trovare una realtà così valida e di ispirazione. Ha viaggiato molto per l’Italia, ma anche in Australia, sud-est asiatico e Africa per volontariato.

In Val Di Savio esiste, secondo Tommaso, una delle migliori proposte in assoluto di “nuovo mondo” da far conoscere a più persone possibile. La comunità Custodi della Terra che si è creata nell’area è nata nel 2020, si caratterizza per uno stile di vita in collaborazione con la natura piuttosto che in contrasto con essa. Coltivano e mangiano biologico, evitano la medicalizzazione della vita, hanno una visione per il bene comune e a sette generazioni, stanno cercando il modo di costruire un percorso scolastico utile per chi verrà, si incontrano ogni settimana per una veglia e festeggiano insieme per celebrare la natura.

Tommaso, ancora prima di conoscere questo “nuovo mondo”, aveva dato vita a un progetto, Una goccia nell’oceano, per condividere con gli altri tutto ciò che imparava, che lo guariva e lo faceva stare bene. 

tomma Fattoria dellAutosufficienza
Tommaso Carmenati
L’UNIONE FA LA FORZA

E così a maggio 2021, di ritorno presso la Fattoria dell’Autosufficienza, Tommaso ha deciso di conoscere e intervistare i volti che compongono la Comunità della Terra per il suo sito: Hubert Bösch e Lucilla Satanassi di Remedia; Stefano Berlini e Beatrice Pacchioni di Cambio di Marea; Francesco Rosso e Giulia Sama de La Fattoria dell’Autosufficienza; Fabio Cappelletti e Federica Grassi del forno Cappelletti Bongiovanni; Michele Rosetti e Alexandra Knes dell’azienda agricola Matura Bio; Igor Niego e Debora Stenta del progetto educativo Disimparando s’Impara; Alberto Bartolini del progetto rivolto alle energie rinnovabili Tecnologie Alternative; Massimo Corbara dell’azienda agricola Biopificio. 

Non bisogna mai indurre un cambiamento perché non è detto che siamo nel giusto; semplicemente arriva

Ma non bastava. Il documentario avrebbe raggiunto una moltitudine di persone, ma dal punto di vista dell’autore era necessario vivere quanto lui stesso avevo visto con i propri occhi. È nato così un tour, organizzato dalla Fattoria dell’Autosufficienza, che si svolgerà a maggio e poi verrà riproposto a luglio, agosto e ottobre. Cinque giorni intensi, accompagnati da una guida turistica e G.A.E. certificata, in cui scoprire, vivere e lasciarsi ispirare da nuovi modi di vivere. Aziende etiche che riescono a rendere tutto sostenibile e a misura d’uomo conseguendo al tempo stesso risultati economici ottimi che danno stabilità all’azienda stessa.

«”Esiste la possibilità di cambiare vita?” “Come faccio?” Il tour organizzato risponde proprio a queste domande. In passato il cambiamento era spinto da una motivazione più personale; adesso invece è un’esigenza. In tanti non sanno come attuarlo. Non conoscono l’esistenza di tante realtà che li hanno preceduti. Non agiscono perché non sanno. Uno dei problemi dei nostri tempi è l’immaginazione. Soprattutto il mondo occidentalizzato non riesce a immaginare», racconta Tommaso. 

Fattoria dellAutosufficienza 2
CAMBIARE SÍ, MA COME E QUANDO?

Gli ultimi due anni hanno messo in evidenza tutti i limiti dello stile di vita adottato nei paesi più occidentalizzati. L’obiettivo è stimolare le persone a scegliere strade alternative rispetto al pensiero unico. E per farlo bisogna conoscere altre vie e altri modi. Solo così possiamo cambiare noi stessi per poi realizzare qualcosa di più grande. E come sottolinea Tommaso non è detto che quel momento sia lo stesso per tutti: «Non bisogna mai indurre un cambiamento – spiega – perché non è detto che siamo nel giusto; semplicemente arriva».

«A me è successo. Facevo un lavoro, ero scontento e ho sentito il bisogno di non pensare solo a me stesso, alla mia vita, ma di farmi anche tante domande. Capire come mettermi a disposizione del mondo è diventata un po’ la mia missione. La cosa che mi riesce meglio da sempre è portare entusiasmo nelle cose che scopro e avere spirito critico». Non serve sacrificio per stare bene e cambiare, serve fare una scelta e applicarsi per realizzarla. L’osservazione, l’immaginazione e l’ispirazione possono essere grandi alleati. Buon cambiamento a tutti noi!

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Ntrizzi e cunti: in Sicilia Rossella e Claudio intrecciano cesti, legami e memorie
Ntrizzi e cunti: in Sicilia Rossella e Claudio intrecciano cesti, legami e memorie

Da libraia ad autrice di libri per l’infanzia, dalla città alle colline: la storia di Mariapaola
Da libraia ad autrice di libri per l’infanzia, dalla città alle colline: la storia di Mariapaola

La nuova vita di Ilaria, da erborista a travel coach in giro per il mondo
La nuova vita di Ilaria, da erborista a travel coach in giro per il mondo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Intelligenza artificiale è fra noi – #634

|

Dal porto di Genova stanno transitando sempre più armamenti: cosa sta succedendo?

|

Una Talent House per coltivare il capitale umano e riscrivere la narrazione delle aree interne – Io Faccio Così #349

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6