27 Apr 2022

La storia di Alessandra, da impiegata di banca a divulgatrice di gioia

Scritto da: Valentina D'Amora

Dopo una vita passata in banca, Alessandra ha deciso di lasciarsi tutto alle spalle per dedicarsi a ciò che le appassiona e la diverte. Raccontandoci la sua storia, ci ha spiegato che la sua missione è diffondere la gioia, che può essere sempre presente con noi ed è qualcosa a cui possiamo accedere con il nostro respiro e la nostra consapevolezza, abbassando le barriere e ricevendo.

Asti - Cos’è la gioia? Alessandra è una donna da sempre alla ricerca di ciò che la fa sentire viva, connessa col suo corpo, col suo essere e con il resto del mondo. Questo suo slancio l’ha spinta negli anni a farsi guidare dalla curiosità per sperimentare meditazione, danza, musica, yoga, abbracciando diverse filosofie e percorsi di crescita personale. E dopo aver lavorato venticinque anni in banca, il suo obiettivo oggi è proprio portare consapevolezza nella vita delle persone. Il suo progetto, non a caso, si chiama Pura Gioia.

LA STORIA

«Da bambina ero un pesce fuor d’acqua – racconta Alessandra – mi sentivo sempre diversa. Ero timida, chiusa, isolata e mi giudicavo molto. Non andavo alle gite scolastiche perché non mi trovavo bene con i miei compagni di scuola, invece allacciavo più facilmente relazioni con gli insegnanti».

Allo stesso tempo Alessandra è sempre stata molto dedita alla sua famiglia: «I miei volevano che la loro figlia fosse sistemata, con una famiglia e un buon posto di lavoro. E su questo li ho accontentati, mi sono diplomata in ragioneria, ho vinto il concorso in banca che mi ha permesso di avere un’indipendenza economica».

A 22 anni va a vivere con un’amica, viaggia in tutto il mondo e proprio con lo zaino in spalla ha modo di approcciarsi a tecniche legate alla crescita personale, come le costellazioni familiari, lo yoga e svariati percorsi di consapevolezza. Sempre molto curiosa ed eclettica, Alessandra si avvicina alle arti marziali e a tutte le discipline di danza, spinta dal desiderio costante di trovare qualcosa di nuovo da imparare.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Finché nel 2010 si ritrova ad affrontare un problema di acufeni: «Un fischio continuo all’orecchio mi tormentava, le avevo provate tutte ma niente riusciva a guarirmi. Tramite un’amica scopro una nuova tecnica di lavoro energetico, Access Bars™ e decido di provarla: in una sola sessione gli acufeni scompaiono».

Colpita dall’efficacia di questo metodo, decide approfondirlo e nel 2014 ne diventa facilitatrice. «Adesso quando facilito le persone nel creare i cambiamenti che stavano cercando il mio cuore ride. Amo i processi energetici sui corpi su cui faccio arrivare tutta la mia cura amorevole e credo che non ci sia niente di più bello che lavorare con i bambini e gli animali».

Cos’altro è possibile che non mi sono neanche immaginata?

Alessandra sottolinea che per ognuno di noi esiste lo strumento più idoneo per il cambiamento. E lei cerca continuamente di uscire dalle sue zone di comfort per sperimentare sempre un po’ più in là, oltre i confini. «Per questo in un certo senso, il distacco dalla banca è arrivato naturalmente», sorride. «Il giorno del mio compleanno, l’11 dicembre 2016, ho scritto la mia lettera di licenziamento e l’ho consegnata al direttore della banca. Dopo una lunga chiacchierata, conclusa con un abbraccio, ha compreso che questa era la mia strada. Quell’abbraccio è stato un modo gentile di salutarci, di lasciarmi andare».

LA NUOVA VITA NEL NOME DELLA GIOIA

Mentre prima la sua quotidianità era incasellata da incastri e orari da rispettare, da cinque anni Alessandra ha occasione di immergersi nella natura in modo completo e totalizzante a qualsiasi ora del giorno. «Alle 6:40 c’era la sveglia, passeggiavo in natura o avevo la mia sessione di yoga. Dopodiché mi preparavo, mi truccavo e mi vestivo, con un abito sempre diverso, perché l’apparenza in banca era importante». In ufficio, dalle finestre sprangate, cercava ogni giorno di scorgere dai piccoli spiragli di luce che filtrava sulla scrivania se quel giorno in cielo c’erano il sole o le nuvole.

Ora invece è tutto diverso: «Vivo ogni giorno il contatto con la terra, con i miei animali. Adesso, per esempio, sono appena tornata da una camminata sotto la pioggia ed è stato bellissimo». Alessandra ha lasciato Asti e vive a San Damiano, il suo luogo natale: «È stato come guarire tutte le mie ferite del passato. Qui ho tanti luoghi familiari, gli amici, ci sono i compagni di scuola. È stato come chiudere un cerchio».

Alessandra Ricossa cop
Alessandra

Divulgare la gioia è il suo nuovo mestiere, che declina da diverse prospettive: insegna yoga, meditazione, bodywork, è facilitatrice Access Bars, conduce sessioni di bagni di foresta, per lasciare andare la rabbia e la paura, ed è “un’artista spontanea”, che diffonde il kinstugi, la tecnica di riparare con l’oro gli oggetti rotti e tutte le cose che noi giudichiamo imperfette.

All’orizzonte c’è un ulteriore cambiamento nel cambiamento: «Il mio desiderio ora è avvicinarmi il più possibile al mare. O lascerò che la casa al mare mi trovi, perché d’altronde è così che succede, sono i luoghi a trovarti. Affitterò un camper alla ricerca di posti caldi e mi lascerò guidare dalle energie”. Ad Alessandra piace perdersi ed esplorare senza seguire il navigatore. «Anche per questo cerco di trasmettere alle persone l’importanza di selezionare le cose, di lasciare andare il superfluo, per avere più tempo per noi e poter ampliare le nostre capacità sensoriali».

La sua voce esprime riconoscenza, verso il suo passato, il suo vecchio lavoro e nei confronti di tutto il suo percorso di vita, perché le hanno permesso di unire i puntini e di arrivare dov’è adesso. «Sono grata per tutti i doni che mi sto permettendo di ricevere. Cos’altro è possibile che non mi sono neanche immaginata?».

Articoli simili
Escape Monday: il lunedì a Roma le storie di chi ha cambiato vita

#42 – Juri Chiotti, lo chef stellato che ha cambiato vita per la montagna
#42 – Juri Chiotti, lo chef stellato che ha cambiato vita per la montagna

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna
La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’India vieta l’esportazione di grano – #522

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale

|

Sabina Licursi: “La vita delle aree interne della Calabria è strettamente legata alla restanza dei giovani”

|

Viaggi digitali per alleviare la solitudine degli anziani ospiti delle RSA

|

Inaugurata la panchina della pace: un angolo dove sedersi a riflettere sul presente

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio