28 Lug 2022

Al via la campagna di Moversi per creare la community di condivisione dell’auto privata

È in partenza la campagna di preadesione alla community di Moversi, l'app che mettendo in contatto guidatori e pedoni favorisce la condivisione dell'auto privata. I benefici? Diminuzione del traffico e dell'inquinamento, diffusione dei principi di sharing economy e vantaggi economici per tutti.

Individuare nuovi stili di vita che possano salvaguardare la sostenibilità ambientale e migliorare la qualità di vita di tutti non è più rinviabile. Si tratta ormai di un’urgenza. Serve inventare nuovi modi che permettano di contribuire a un cambio di visione. A tal proposito siete pronti a immaginare e modificare in modo rivoluzionario la vostra mobilità?

Ci ha pensato per noi Claudio Leonardi inventandosi Moversi, un’app che permette di combinare i percorsi di chi offre e chi cerca un passaggio avvisando in tempo reale della possibilità di condividere il tragitto. È possibile impostare anche la categoria di utenti con cui si desidera condividere il passaggio: Community (con tutti gli utenti iscritti alla community), Women (solo donne con donne), Tribù (solo con la propria cerchia di amici) e ci si potrà muovere senza bisogno di prenotazione, come avviene invece con le altre app di sharing mobility.

Con Moversi ogni punto della città, dai quartieri centrali alle periferie, diventerà una vera e propria fermata e l’auto una sorta di microbus a disposizione dei pedoni. Arrivati a destinazione l’app calcolerà in automatico la condivisione costi: da 0 a 10 chilometri = 1 €, da 11 a 20 chilometri = 2 €, sopra i 20 chilometri = 0,10 cent. Non ci sarà più bisogno di possedere, ma di condividere in modo essenziale

moversi2
Credit • @viktorvincze

Moversi è un progetto sociale e si è scelto di non accedere a finanziatori “tradizionali”; a tal proposito Claudio Leonardi ha messo in piedi una campagna sociale chiamata 10X100.000, che permette ai futuri utenti di preiscriversi alla community per validare e finanziare l’app sviluppata da GreenShare.

Al momento dell’iscrizione, del costo di 10 euro, si riceverà un codice personale che si potrà condividere con i propri contatti. Con la campagna di preadesione solo i primi 100.000 che si iscriveranno avranno il servizio gratis per sempre, mentre i futuri utenti pagheranno un canone annuo. Inoltre grazie alla partnership con Beleafing, per ogni utente iscritto sarà devoluto 1 euro alla creazione di boschi urbani nella regione di appartenenza dell’utente, utili alla riduzione di CO2.

Convertire il traffico delle auto in una rete di trasporto al servizio di tutti crea valore sociale e ambientale. Grazie a Moversi ci guadagnano tutti: l’automobilista, il pedone/passeggero e l’ambiente. Ad esempio, se l’ automobilista percorrerà 10.000 chilometri annui potrà risparmiare da 1000 fino a 3000 euro. Il passeggero potrà invece spostarsi facilmente e comodamente a un costo irrisorio. Meno auto in giro significa meno emissioni di CO2, meno occupazione di suolo pubblico e più spazi verdi per le persone. Anche l’ambiente ringrazia.

Convertire il traffico delle auto in una rete di trasporto al servizio di tutti crea valore sociale e ambientale

Il servizio sarà testato dagli utenti preiscritti inizialmente a Torino, Reggio Emilia e Trento, ma sarà fruibile in tutta Italia. Non possedere un’auto, anche qualora il trasporto pubblico non dovesse rivelarsi adatto alle esigenze dell’utente in quel dato momento, non sarà più un problema. Con Moversi è possibile convertire il traffico delle auto in una rete di trasporto al servizio di tutti

Sono già tanti gli utenti iscritti. Per entrare a far parte della community e diventare un Mover bisogna credere nel cambiamento e voler contribuire a un progetto responsabile e sostenibile. Clicca qui per partecipare alla campagna pre-lancio 10X100.000 e diventare un Movers.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Due Zaini e Un Camallo: ecco come andare alla scoperta della Liguria in modo lento
Due Zaini e Un Camallo: ecco come andare alla scoperta della Liguria in modo lento

Una ciclabile umana a Torino per proteggere i ciclisti e rivendicare strade più sicure
Una ciclabile umana a Torino per proteggere i ciclisti e rivendicare strade più sicure

Città 30 km/h: l’appello delle associazioni al ministro Salvini per abbassare i limiti di velocità
Città 30 km/h: l’appello delle associazioni al ministro Salvini per abbassare i limiti di velocità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa-Cina, che succede? – #664

|

Nuovi patti educativi di comunità: quando è la collettività a fare scuola

|

La giornalista Deborah Annolino: “Con AD Maiora raccontiamo storie di resilienza da emulare”

|

La Matrioska, il laboratorio che consente ai giovani migranti di riscattarsi attraverso il cucito

|

La storia di Reza, rifugiato iraniano: “Sono sopravvissuto al carcere e racconto cos’è l’Iran di oggi”

|

A Mascalucia, gli Amici del Bosco Ceraulo insieme per proteggere e restituire l’area verde alla città

|

R.A.M. Radici a Moncalieri: “Ritornare alla terra oggi vuol dire imparare a goderti ciò che questa ti dà”

|

Teatro Integrato dell’Emozione, il primo corso universitario realizzato per studenti con disabilità