6 Lug 2022

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

Scritto da: Valentina D'Amora

Ieri, trent’anni dopo le stragi di Palermo, si è tornati in piazza. #maipiùstragi è stata la prima manifestazione nazionale contro la 'ndrangheta per sostenere Nicola Gratteri, il procuratore di Catanzaro, tutti i magistrati e coloro che ogni giorno mettono a rischio la vita lottando contro le mafie. “Quella stagione è finita, fa parte di altri tempi, l’Italia non tollererà che qualcuno la evochi di nuovo. Diversamente, la risposta della società civile sarà durissima". E le centinaia di persone presenti ieri sera lo hanno testimoniato.

Milano, Lombardia - “Stasera vado a Milano a una manifestazione, si chiama #maipiùstragi”, ho detto ieri pomeriggio alle maestre della scuola infanzia di mia figlia, annunciando a entrambe che sarebbe venuta anche lei. Loro mi hanno guardato per qualche secondo, tra lo sbigottito e l’ammirato. Sì, ho portato una bambina di nemmeno cinque anni a un evento enorme, gigantesco a quasi due ore di treno da casa perché tutti, anche i più piccoli, devono imparare a saper distinguere il bene dal male, a vederlo sia nel pulviscolo delle grandi cose che nelle pieghe di quelle piccole.

Perché nella vita i “cattivi” spesso non sono così riconoscibili come nei cartoni animati. Ieri in piazza Duca D’Aosta eravamo in tanti, insieme, compatti, per rompere il muro d’omertà. E Gaia non era l’unica bambina presente: erano sulle spalle dei papà, nei marsupi delle mamme, seduti uno vicino all’altro sui gradini.

gratteri1
LA SOCIETÀ CIVILE COME “SCORTA CIVICA”

Da cos’è nata #maipiùstragi? A inizio maggio il magistrato di Catanzaro, Nicola Gratteri, non è stato eletto procuratore nazionale antimafia dal Consiglio Superiore della Magistratura. Proprio in quei giorni sono arrivate delle segnalazioni piuttosto attendibili, riservate solo agli ambienti investigativi e istituzionali, provenienti dal sud America, dove si stava pianificando un attentato alla sua vita.

In risposta a questo il gruppo cooperativo GOEL (ve ne abbiamo parlato qui), che da anni combatte la ’ndrangheta in Calabria, ha deciso di mobilitarsi e, dopo un flashmob a Roma a fine maggio, ha organizzato questa grande manifestazione a Milano a cui abbiamo partecipato anche noi per dimostrare che tutta la cittadinanza può essere una scorta civica.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Perché a Milano e non a Catanzaro? «La provincia di Milano e la Lombardia sono il posto più infiltrato dalla ‘ndrangheta dopo la Calabria, dove sta facendo più soldi», sottolinea Vincenzo Linarello, presidente di Goel. «Noi vogliamo essere proprio nel posto dove la ‘ndrangheta sta investendo di più, dove fa i suoi business. Quindi è qui che la ‘ndrangheta deve essere combattuta».

LA MANIFESTAZIONE

Una serata sentita e partecipata, appoggiata da oltre 150 tra sindacati, enti e associazioni, che non è stata solo un calcio emotivo alla mafia, ma ha dato voce alla voglia di gridare che stavolta la società civile c’è e non lascerà Gratteri in pasto alla criminalità. Mentre dalla piazza si alzavano applausi e il coro “Fuori la mafia dallo stato”, tra occhi lucidi e teste che annuivano, sono salite sul palco personalità del mondo del volontariato, della cooperazione, del sindacato, dell’economia, del giornalismo e dello spettacolo.

gratteri2
Vincenzo Linarello di GOEL

Alessandra Dolci, procuratore aggiunto e coordinatrice Dda Milano, ha raccontato della perfetta sintonia e del comune sentire che condivide con Gratteri: «Milano è diventata simbolo della lotta alla ’ndrangheta. Perché se da un lato è la Lombardia stata colonizzata, dall’altro c’è un movimento antimafia che cresce sempre di più. E voi che siete qui ne siete testimonianza. Forza Nicola, siamo con te».

Molto significative anche le parole di Monica Forte, presidente commissione speciale antimafia anticorruzione trasparenza e legalità regione Lombardia: «Tutte le morti causate dalla mafia hanno segnato il volto della Repubblica e sono state caratterizzate dal grande isolamento nelle strutture di appartenenza e in generale nello Stato. Facciamo della nostra capacità di influenzare il dibattito pubblico lo strumento per porre finalmente nel dibattito pubblico il problema dell’esposizione dei singoli».

Ieri in piazza Duca D’Aosta eravamo in tanti, insieme, compatti, per rompere il muro d’omertà

«Chiediamo a pochi di delegare la lotta alle mafie – ha continuato Forte – e se qualcosa va storto allora allestiamo gli altari, intitoliamo le piazze e mettiamo a posto le coscienze nel ricordo. Quanto spazio stiamo dando, in questo momento, nel dibattito alla vicenda giudiziaria di Lamezia Terme? Quante figure apicali delle istituzioni stanno “prendendo sotto braccio” gli operatori della procura di Catanzaro? Ve lo dico io: nessuno».

«Non piangiamo dopo», ha dichiarato il direttore responsabile di Italia Che Cambia Daniel Tarozzi per rafforzare il concetto da Monica Forte e per stimolare un’attivazione tempestiva e consapevole da parte di tutta la società civile. «Gli eroi sono sempre giovani e belli ma sono anche morti. Amiamo gli eroi vivi, proteggiamoli e aiutiamoli ogni giorno».

Essere insieme per vincere le mafie.

La manifestazione ha ricevuto il patrocinio del Comune di Milano e di Fondazione Pubblicità Progresso, mentre la costellazione di promotori dell’evento ha contato circa 150 realtà, sociali e non.

Articoli simili
Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni
Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?
Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

Eirenefest: tre giorni per progettare un mondo di pace e nonviolenza
Eirenefest: tre giorni per progettare un mondo di pace e nonviolenza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi