4 Nov 2022

Luca Mercalli diventa un fumetto per raccontare il cambiamento climatico

Pochi giorni fa è stata presentata al Lucca Comics un'interessante novità che cerca di coniugare l'arte del fumetto con la divulgazione ambientale. Luca Mercalli, meteorologo e climatologo, diventa infatti protagonista di Il mio clima - Istruzioni per l'uso, un fumetto in cui dialogherà con la giovane Gaia affrontando le sfide climatiche del nostro tempo. Uno strumento per parlare in maniera leggera e diretta di argomenti fondamentali per il futuro della Terra e dei suoi abitanti.

Lucca, Toscana - Stiamo attraversando giorni cruciali per capire cosa ne sarà dell’ambiente e del clima – e quindi anche della vita – sul nostro pianeta nei prossimi anni. Alla COP27 i grandi del mondo sono riuniti per parlare di cambiamenti climatici. Il mondo giunge a questo appuntamento disilluso, con poca fiducia nei confronti dei rappresentanti politici e dell’esito dei lavori. Ma anche l’assenza di decisioni importanti sarà una risposta, un’indicazione per l’agire futuro.

A questo proposito diventa fondamentale il lavoro di divulgazione scientifica delle informazioni sui cambiamenti climatici, sulla crisi ambientale, sulle loro origini e sulle possibili conseguenze. In questo, è davvero apprezzabile il contributo del climatologo Luca Mercalli, che più volte abbiamo avuto il piacere di incontrare. «Ritengo che forse il 10% degli abitanti sia pronto per un grande cambiamento. Sono persone estremamente informate, che hanno voglia di uscire da un mondo che non le soddisfa più. Io credo in queste persone e lavoriamo ormai da tempo insieme», ci aveva detto ormai otto anni fa parlando delle prospettive future.

il tuo clima cover 1

Fra le varie iniziative portate avanti da e con Mercalli, ce n’è una che potrebbe aprire interessanti canali di comunicazione in una fetta di pubblico che è per ovvie ragioni cruciale raggiungere: i giovani. Il climatologo diventa infatti un fumetto per raccontare il cambiamento climatico, sfatare le teorie negazioniste e lanciare un grido di allarme rispetto all’emergenza in atto dando indicazioni concrete rispetto a ciò che possiamo fare per invertire la rotta.

Il titolo del fumetto – che uscirà a metà novembre ma è stato presentato pochi giorni fa in anteprima nazionale a Lucca Comics&Games – sarà Il mio clima – Istruzioni per l’uso. La versione cartoon di Mercalli dialogherà con la giovane Gaia – che nella mitologia greca era la dea primordiale della Terra – sui temi fondanti dell’azione a favore del clima e dell’ambiente. Il progetto, targato Tatai Lab, ha riunito Luca Mercalli con lo sceneggiatore Francesco Vacca, il disegnatore Davide Riboni e le coloriste Laura D’Addazio e Katia Ranalli, guidati dalla direzione artistica di Emanuele Tenderini.

Il tuo clima – Istruzioni per l’uso vuole rendere appetibili e accessibili temi complessi per accendere la scintilla

Come reagiremmo se, con l’innalzamento del livello del mare, il campanile di San Marco venisse sommerso dall’acqua? Uno scenario inquietante, ma purtroppo molto realistico se non viene subito posto rimedio. Come cambieranno le temperature della Terra? Cosa può fare ogni singola persona, nel quotidiano, per salvare il pianeta? Proprio queste saranno le sfide e le domande che affronteranno Mercalli e Gaia, che intraprenderanno insieme un viaggio in un futuro che non sembra essere neanche poi così lontano per lanciare un grido d’allarme e invertire quanto prima la rotta del cambiamento climatico.

Duplice l’obiettivo dell’iniziativa: da una parte accendere i riflettori sul riscaldamento globale – nell’autunno più caldo degli ultimi 250 anni, come ha denunciato Mercalli – e in generale sull’effetto a cui si va incontro quando non si interviene sulle produzioni e sullo stile di vita; dall’altra usare lo strumento del fumetto per arrivare a quante più persone possibili, unendo anche generazioni diverse.

«Il problema ecologico è estremamente complesso, non si risolve se ci si focalizza solo su un dettaglio», aveva osservato Mercalli tempo fa parlando delle mobilitazioni giovanili a favore del clima. «Questo potrebbe essere anche uno stimolo a fare molta più cultura a partire dalla scuola fino ai mezzi d’informazione, al fine di dare alle persone il senso di questa enorme sfida e complessità».

tatai
Sul palco del Lucca Comics

Con lo stile semplice e diretto del fumetto, Il tuo clima – Istruzioni per l’uso vuole andare proprio in questa direzione: rendere appetibili e accessibili temi complessi per accendere la scintilla, mettere la pulce nell’orecchio di una fetta di popolazione a cui vanno addossate ben poche colpe della situazione in cui versa oggi il pianeta che ci ospita, ma che possono fare tanto per raddrizzare il timone e fare vela verso un futuro sostenibile e responsabile.

La conclusione è affidata ancora alle parole di Luca Mercalli e suona come un’ultima chiamata e al tempo stesso un invito a non riporre troppe speranze in soluzioni calate dall’alto e a rimboccarsi le maniche: «Purtroppo la mancanza di una politica nazionale continua a lasciare in una posizione di marginalità queste esperienze e non le fa decollare come meriterebbero, perché sono l’unica garanzia di assicurazione su un futuro che vorremmo stabile e di benessere. Invece, in questi anni così critici, temo che il mantenere le condizioni del passato ci porterà alla rovina».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Ha senso continuare a organizzare conferenze sul clima?
Ha senso continuare a organizzare conferenze sul clima?

Si è conclusa la COP27: l’analisi e le considerazioni di chi c’era
Si è conclusa la COP27: l’analisi e le considerazioni di chi c’era

Cambiamento climatico? Il ghiacciaio del Gran Paradiso ha perso 210 metri in un anno
Cambiamento climatico? Il ghiacciaio del Gran Paradiso ha perso 210 metri in un anno

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”