7 Lug 2023

In Valle Arroscia nasce una cooperativa agricola per valorizzare il territorio

Borghi storici, monumenti secolari, un territorio unico da preservare. Sono queste le caratteristiche principali della Valle Arroscia un luogo magico che la Cooperativa Agricola Alta Valle Arroscia punta a valorizzare e salvaguardare. Nata nel 2020 questa cooperativa ha l'obiettivo di unire i produttori ad oggi presenti sul territorio, per minimizzare i costi e poter proporre e far conoscere i prodotti e le aziende agricole della valle.

Salva nei preferiti

Imperia - L’Arroscia è un torrente della Liguria di circa 36 chilometri che scorre nelle province di Savona e Imperia. Il territorio solcato da questo corso d’acqua prende il nome di Valle Arroscia, un paesaggio che da mediterraneo diventa alpino e che racchiude monumenti storici e borghi secolari, passando dal monte più alto della Liguria fino alle spiagge di Alassio. Ne possiamo parlare come di un vero e proprio anello di congiunzione tra Piemonte e la costa ligure.

La Valle Arroscia è una valle fortemente antropizzata, in cui il lavoro umano di cura e manutenzione del territorio ha avuto inizio ormai migliaia di anni fa e si è spinto fino a quote superiori ai 1500 metri di altitudine. Con tempo e fatica, i nostri avi hanno plasmato il paesaggio, dando vita a superfici coltivabili utili al loro sostentamento. Una convivenza non sempre facile con una natura impervia che ci ha lasciato in eredità un paesaggio unico dal forte valore storico.

Valle Arroscia 1024x681 1

La Cooperativa Agricola Alta Valle Arroscia (AVA) nasce in questo contesto ed è una realtà attiva in campo agricolo che come obiettivo si pone quello di valorizzare il territorio della Valle Arroscia. Passione, orgoglio, determinazione, solidarietà, crescita e scambio mutualistico: sono questi i principi su cui cerca di basarsi questa cooperativa di comunità.

«Il progetto è iniziato a fine 2020 – racconta Alberto Ferrari presidente di Valle Arroscia – e l’idea era quella di unire tutti i produttori presenti sul territorio e proporre al pubblico i prodotti attraverso un marchio unico e riconoscibile, per minimizzare gli sforzi di comunicazione, logistica e organizzazione. Siamo convinti che insieme sia più semplice: sappiamo che è un percorso e che è appena iniziato».

Valle Arroscia è una valle fortemente antropizzata, in cui il lavoro umano di cura, manutenzione e sfruttamento sostenibile del territorio ha avuto inizio ormai migliaia di anni fa

Ad oggi la cooperativa unisce circa sei realtà agricole, ma è in fase di sviluppo. Grazie infatti ai primi articoli usciti in occasione dell’inaugurazione del nuovo punto vendita sono arrivate le prime richieste da parte di nuove realtà territoriali che vorrebbero entrare a farne parte.

La Cooperativa Agricola Alta Valle Arroscia riunisce infatti un gruppo di piccole imprese agricole con lo scopo di sviluppare le eccellenze agroalimentari tipiche del luogo. Tutti i prodotti sono coltivati in modo naturale senza pesticidi e sostanze dannose all’ambiente o alla salute, nonostante non abbiano certificazioni biologiche: dall’olio extravergine di oliva, passando per le olive in salamoia e per l’aglio di Vessalico, i formaggi, il miele, lo zafferano, la lavanda, prodotti ortofrutticoli e il vino.

231057436 362038875312042 1246330114092689358 n

Fra qualche settimana i prodotti saranno venduti, oltre che attraverso le attività commerciali già esistenti sul territorio della valle, anche presso il nuovo punto vendita a Pieve di Teco: «Sarà un luogo con più funzioni: in primis quello di far conoscere i prodotti della cooperativa e permetterne una vetrina visibile a tutti, abitanti e turisti occasionali. Ma non solo: in un momento storico in cui molte attività nei paesi dell’entroterra stanno chiudendo, con questa nuova apertura vogliamo essere presidio di un territorio apparentemente frammentato e lanciare un messaggio di speranza e visione verso un futuro per chi vive questi luoghi».

Il negozio è stato chiamato Nostrano, termine che ha due significati: «Con questa definizione si sono sempre chiamati tutti quei prodotti locali e naturali, pertanto la cui bontà e salubrità sono garantiti da chi li produce. Ma può anche essere letto separato – no strano –, indicando che non produciamo cose strane, in quanto sono tutti prodotti conosciuti e diffusi, ma cerchiamo di farli al meglio che possiamo».

Oltre alla valorizzazione dei prodotti agroalimentari della Valle Arroscia, la Cooperativa punta anche al recupero di terreni abbandonati e a fornire supporto alle piccole realtà agricole dando loro servizi di élite e condizioni di acquisto valide. Salvaguardare questo territorio significa anche offrire un’ulteriore eccellenza turistica italiana in una zona geografica situata vicino alla Francia.

Valle Arroscia 2

La  Cooperativa Agricola Alta Valle Arroscia si sta piano piano espandendo e diverse sono le sue attese. Coinvolgere il maggior numero di persone nelle attività di sviluppo del cooperativismo in alta Valle Arroscia è uno degli obiettivi più importanti, così come creare opportunità di vantaggio competitivo nella gestione del territorio locale e sviluppare maggiormente le eccellenze agronomiche della valle. Tutto questo sempre nel rispetto e nella salvaguardia del territorio.

AVA è una delle varie cooperative che punteggiano la nostra penisola e che cercano di valorizzarla. Sempre più luoghi stupendi e pieni di storia e tradizione stanno subendo un costante spopolamento. È dunque di fondamentale importanza rivitalizzare queste zone, grazie a realtà e progetti che favoriscano lavoro e turismo, per non dimenticarci delle bellezze che l’Italia ha da offrire, con tutti i suoi prodotti alimentari di prima qualità.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Jepis Bottega, la bottega dove “si crea, si racconta e si ricrea”
Jepis Bottega, la bottega dove “si crea, si racconta e si ricrea”

Le nuove povertà e un modello di welfare che risponde alle sfide lanciate dal consumismo
Le nuove povertà e un modello di welfare che risponde alle sfide lanciate dal consumismo

Garden Sharing: giardini e cortili sono più belli quando sono condivisi
Garden Sharing: giardini e cortili sono più belli quando sono condivisi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Diritti animali, spiagge depredate e accessibilità – INMR Sardegna #38

|

Nasce un nuovo impianto fotovoltaico collettivo: servirà 75 famiglie

|

La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

|

Discarica di Lentini, tra chiusure e riaperture emerge la gestione dei rifiuti fallimentare in Sicilia

|

Consumi idrici: Italia ai primi posti in Europa per usi agricoli, industriali e domestici

|

Fotovoltaico in casa: è più ecologico vendere o accumulare l’energia in eccesso?

|

In Sardegna la rivolta degli ulivi contro il Tyrrhenian Link ma Todde rimarca: “L’opera è necessaria”

|

Empatia, vita itinerante, mal di denti e revisioni di camper

string(7) "liguria"