10 Feb 2013

9 febbraio 2013 – Quinto giro di boa

Scritto da: Daniel Tarozzi

Ed eccoci giunti al quinto mesiversario! Ormai il traguardo comincia a scorgersi all’orizzonte e non so se aspettarlo o pregare […]

Ed eccoci giunti al quinto mesiversario! Ormai il traguardo comincia a scorgersi all’orizzonte e non so se aspettarlo o pregare che arrivi il più tardi possibile. Il viaggio, infatti, si rivela sempre nuovo ed arricchente, i compagni preziosi e impagabili, le regioni sempre diverse, ricche di esperienze entusiasmanti e di energie preziose per un presente ed un futuro sostenibile, gioioso e autentico.
IMG_5370
Luca è ripartito, dopo due settimane, per Berlino. E’ stata una gioia condividere questo tratto di viaggio, non solo esteriore, con lui. Ora sono con Paolo in un’area camper di Fano a progettare la prossime tappe marchigiane. L’Umbria ha confermato le mie aspettative. Centri per l’efficenza energetica, cultura, bioregionalismo, aziende agricole, sistemi scolastici innovativi e molto altro ancora. Una regione strana, abitata da molti “forestieri“, italiani e non. L’integrazione con i locali non è sempre facile. Riabitare un territorio non significa infatti colonizzarlo, bensì ascoltarlo, interiorizzarlo, viverlo. Lasciarsi pervadere dalla sua storia e dalle sue tradizioni, percepire i suoi fiumi, le sue colline, le sue città. Quando questo accade, il confine tra locale e “forestiero” viene meno e le relazioni, seppur tra persone aventi origini e contesti culturali diversi, diventano ricche e genuine. Ma è un percorso lungo e impegnativo che non si può sottovalutare se si decide di intraprendere una nuova vita in un territorio che non conosciamo.
Vi saluto proponendovi due gallerie di foto realizzate da Luca prima di partire: si riferiscono al 2 febbraio e all’8. Nella prima potete vedere “La terra del sorriso” (vicino ad Orvieto) e i suoi abitanti, impegnati anche nel progetto “Ridere per vivere” (clow-dottori)  e Luisa e Francesco, bioregionalisti di Città della Pieve che gestiscono un agriturismo.
Marche, Umbria -
Nella seconda galleria fotografica, relativa all’8 febbraio, si vede Roberto Manzone e il suo “Che Passo!” oltre ad una serie di fotografie scattate durante uno dei tanti meravigliosi imprevisti di viaggio. Buona visione!

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Viaggio tra gli eremiti d’Italia #6 – Sola con la fede
Viaggio tra gli eremiti d’Italia #6 – Sola con la fede

Il Chiostro Hostel and Hotel, il cicloturismo come strumento di inclusione e trasformazione culturale

“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”
“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti