9 Lug 2013

Nel Cilento c’è una scuola che funziona. Allora chiudiamola!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Campania - Oltre due mesi fa è terminato il mio viaggio nell’Italia che Cambia. Sulle pagine de Il Fatto Quotidiano ho potuto raccontare […]

Campania - scuola-cilentoOltre due mesi fa è terminato il mio viaggio nell’Italia che Cambia. Sulle pagine de Il Fatto Quotidiano ho potuto raccontare solo alcune tra le tante realtà visitate, ma conto di recuperare nei prossimi mesi.

Oggi, però, voglio parlarvi di una piccola scuola straordinaria situata nel Cilento che ora, forse proprio grazie alle sue peculiarità, rischia di chiudere.
Questa scuola primaria, diretta dalla Preside Maria De Biase, ha infatti il ‘difetto’ di funzionare: il corpo insegnanti è entusiasta, i bambini preparati e soddisfatti, le famiglie coinvolte. Inaccettabile!

Facciamo un passo indietro. Il 26 marzo, poco dopo l’ingresso dei bambini a scuola, abbiamo raggiunto l’istituto Teodoro Gaza dove Maria, di origine napoletana, ci ha accolto con un’esplosione di vita, colori, trasgressioni.
Quando è arrivata qui, sei anni fa, inizialmente ha deluso tutti. Le maestre, infatti, si sono dette: «Arriva una da Napoli che ci porta la modernità», e invece lei le ha messe a zappare l’orto. «Sono impazzite! Mi hanno detto: “Ma come? Ci abbiamo messo una vita a emanciparci e tu ci mandi a zappare?”. Poi hanno capito che la modernità consiste proprio nel reinserire agricoltura e responsabilità in contesti culturalmente rinnovati.»

Nel concreto, Maria è riuscita a far adottare in ambito scolastico i principi della sostenibilità: i pasti li cucinano i dipendenti della scuola con prodotti dell’orto sinergico o delle campagne circostanti, i piatti sono di coccio, e i bicchieri in vetro li portano i bambini da casa. Usa e getta eliminato. Ha anche vietato l’acqua in bottiglia di plastica. «Alcune mamme vogliono che le bottiglie in vetro siano riempite a casa, perché non si fidano dell’acqua della scuola, ma comunque il messaggio ai bambini arriva. Pensa che durante una manifestazione di Libera un bambino ha visto la madre buttare una cicca per terra ed è andato a sgridarla.»

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

[…]
Continua a leggere sul FattoQuotidiano.it

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Scuola+, la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella lancia un bando per la comunità educante
Scuola+, la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella lancia un bando per la comunità educante

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona
Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

Progettare gli spazi pubblici? Ce lo insegnano i bambini

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora