28 Ott 2021

Al Sud arriva il Seedball Festival, palline di semi per aiutare la Natura a rinascere

Scritto da: Ezio Maisto

Si moltiplicano le giornate di RiforestAzione della prima edizione del Seedball Festival, promosso dalla neonata RAN-Rete per l’Agricoltura Naturale allo scopo di diffondere il più possibile la semina di specie arboree autoctone attraverso il metodo delle palline di semi. Il 30 ottobre partirà una cinque giorni di eventi nel ragusano, mentre in Calabria sono in preparazione altri eventi simili con il supporto delle istituzioni locali.

Ragusa - Il periodo che va da settembre a novembre è il migliore per compensare le perdite di natura e biodiversità dovute agli incendi estivi. È per questo che si moltiplicano le giornate di RiforestAzione della prima edizione del Seedball Festival, promosso dalla neonata RAN-Rete per l’Agricoltura Naturale.

Il Seedball Festival è un evento diffuso a calendario dinamico (nel senso che le date si aggiungono man mano che vengono promosse le riforestazioni) che ha lo scopo di divulgare il più possibile la possibilità di seminare specie arboree autoctone attraverso il metodo, tanto efficace quanto economico, delle palline di argilla e semi: le “seedball”, per l’appunto (al singolare, come tutti i termini inglesi inseriti nelle lingue che non aggiungono la “s” per declinare il plurale).

Le seedball arrivano in Sicilia

Tra il 30 ottobre e il 2 novembre il Seedball Festival arriva in Sicilia, dove sono state organizzate – da promotori locali in collaborazione con la RAN – una serie di iniziative che si concluderanno con la preparazione e il lancio delle palline. Le RiforestAzioni siciliane sono promosse dal circuito Carato-Moneta Virtuosa, una rete di associazioni che si occupano di rigenerazione urbana, presidi in natura, battaglie per l’ambiente, cura del territorio e della persona. Si terranno a Ragusa per ben cinque giornate, ognuna a cura di una diversa associazione, saranno attuate in luoghi dal forte significato simbolico e accompagnate da iniziative culturali e sportive.

Seedball con germoglio

Si inizia venerdì 29 ottobre con la preparazione delle seedball a cura del Collettivo OCRA; si prosegue il giorno successivo con la semina presso lo spazio verde per bambini “Bimbosco” a cura di RimboschiAmo; si continua domenica 31 con una biciclettata a Ibla che si concluderà presso il Centro Commerciale Naturale, nei cui pressi sarà effettuata la semina; si approfitta della festa di Ognissanti per una passeggiata in natura con lancio delle seedball a cura di Kanimannira – associazione naturalistica; infine, si chiude martedì 2 novembre con alcuni racconti di agricoltura naturale e l’ultimo lancio delle palline presso la Masseria Ventosa – La natura di ieri.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Cos’è successo in Calabria?

Nello stesso weekend erano in programma eventi simili anche in Calabria, sulle pendici dei monti dell’Aspromonte, i cui boschi sono stati gravemente danneggiati dagli incendi della scorsa estate. Ma una frana caduta proprio dalla zona privata degli alberi a causa degli incendi ha reso complicato da raggiungere il Comune di Roccaforte del Greco, dove era si sarebbe dovuta svolgere la riforestazione e ha spinto i promotori dell’iniziativa – patrocinata anche dalle istituzioni locali – a rimandarla.

I dati ufficiali dell’European Forest Fire Information System (EFFIS), che fornisce alla Commissione Europea i numeri sugli incendi boschivi nell’UE, parlano di circa 8mila ettari di bosco andati in fumo nella sola provincia di Reggio Calabria l’ultima estate. «Un dato spaventoso, soprattutto alla luce dei fenomeni di desertificazione a cui le regioni del sud Italia sono particolarmente soggette a causa della crisi climatica», ha dichiarato Antony Rizzitano, ispettore del Ministero delle Politiche Agricole e fra i promotori dell’iniziativa in Aspromonte attraverso l’associazione Calabria Condivisa.

«Essere costretti da una frana a rimandare un evento teso a rimboschire le nostre montagne proprio per prevenire frane e smottamenti – continua Rizzitano – costituisce per noi una conferma della validità della nostra scelta e dell’urgenza di realizzarla. Ecco perché vediamo questo contrattempo come un’opportunità per coinvolgere ancor più le istituzioni e la popolazione locale attorno a questa iniziativa per attuarla, fra qualche tempo, persino più grande di come era stata pensata».

Frana Calabria seedball
Una frana nella zona in cui si sarebbe dovuto tenere il festival

L’eredità di Fukuoka

«Le RiforestAzioni non sono soltanto giornate di semina, ma anche di festa, di condivisione, per conoscersi e, tutti insieme, ripartire dalla natura», dichiara Kutluhan Odzemir, allievo indiretto di Masanobu Fukuoka da poco trasferitosi in Italia e attorno alla cui figura è nata, appena due mesi fa, la RAN-Rete per l’Agricoltura Naturale.

La RAN è una Rete dal basso ispirata ai principi dell’Agricoltura Naturale (o Agricoltura del Non Fare) con lo scopo di divulgare la visione e le metodologie studiate e descritte da Fukuoka nel suo celebre “La rivoluzione del filo di paglia”, collegare le realtà agricole che già le applicano e promuovere la riforestazione diffusa dei territori per il riequilibrio degli ecosistemi.

Questo metodo di coltivazione consiste nel lasciare che tutto vada secondo natura: niente arature, potature, concimazioni, irrigazioni, cure colturali, trattamenti fitosanitari, lotta antiparassitaria. Dopo alcuni anni di rigenerazione del terreno, il lavoro dell’agricoltore si limita alla semina, alla pacciamatura e al raccolto.

Per organizzare una RiforestAzione sul proprio territorio nell’ambito del Seedball Festival basta scrivere a ran.riforestazione@gmail.com e chiedere le Linee Guida redatte dalla RAN. Per ospitare uno dei Laboratori divulgativi gratuiti offerti da Kutluhan Odzemir, contestualmente o meno a una RiforestAzione del Seedball Festival, bisogna invece scrivere a ran.laboratori@gmail.com.

Articoli simili
Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?
Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?

Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia
Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia

I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico
I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gli Usa cancellano il diritto all’aborto: conseguenze e reazioni – #549

|

RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

|

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

|

Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

|

Ucciso un altro ciclista, ma chi sceglie di spostarsi in maniera sostenibile va protetto

|

La finanza, il Covid e il controllo sociale: a I(n)spira-Azioni arriva Fabio Vighi – #12

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali