Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Ott 2014

Innovazione sociale, cultura contadina, nuovi stili di vita: la proposta di Destinazione Umana

Tre eventi per tre tematiche, ciascuna presentata da persone che “ce l’hanno fatta”. A fare cosa? A rivoluzionare la propria […]

Tre eventi per tre tematiche, ciascuna presentata da persone che “ce l’hanno fatta”. A fare cosa? A rivoluzionare la propria vita e, spesso, anche quella dei loro vicini. Si parlerà di ruralità, quindi di innovazione e promozione in campo agricolo, di riduzione degli sprechi, di cultura contadina e di sostenibilità. Si parlerà di cambiare vita, di autoproduzione, decrescita e, in generale, di come sfuggire al modello produttivistico a cui siamo assoggettati. Si parlerà infine di socialità e di turismo, nuovi modi e nuovi luoghi per esplorare culture e aggregare persone.

 

trekking

 

L’evento si chiama VIP – Very Interesting People ed è organizzato da Destinazione Umana, spin off di ViviSostenibile, un team di professionisti che si occupa di turismo slow ed eco-friendly. L’aspetto innovativo di questa iniziativa è che, come dice il nome stesso, il paradigma del viaggio viene ribaltato e il viaggiatore non parte più per visitare dei posti, ma per conoscere delle persone. Viene rimesso al centro dell’esperienza turistica l’aspetto relazionale e l’itinerario non è altro che un mezzo. Da un lato c’è il netto rifiuto del turismo predatorio, inquinante e superficiale, che da ormai decenni sta funestando molte aree del mondo e della stessa Italia, mercificando patrimoni naturalistici e culturali che andrebbero invece tutelati e valorizzati. Dall’altro lato, emerge la volontà di recuperare la socialità anche nel momento del viaggio. Non a caso ViviSostenibile, pur operando su tutto il territorio nazionale, ha la propria base nella provincia di Bologna, incubatore di incredibili e riuscitissimi esperimenti comunitari come il movimento delle Social Street e i Luoghi di Sosta Pedonale. Ed è ancora più indicativo il fatto che la vera culla del progetto sia la Valsamoggia, un’area pedecollinare fra Bologna e Modena che da pochi mesi è riunita nell’omonimo Comune, a cui appartiene anche Monteveglio, prima Città in Transizione d’Italia.

 

Il primo appuntamento del ciclo di tre incontri che Destinazione Umana ha organizzato sarà intitolato “Innovazione sociale nel mondo rurale”, si svolgerà a Bologna il 25 e 26 ottobre e vedrà come protagonisti Alex Giordano, Presidente e Direttore Scientifico di Rural Hub, e Andrea Segrè, Presidente del Centro Agroalimentare di Bologna e ideatore di Last Minute Market, un progetto che si batte contro lo spreco di cibo nella grande distribuzione.

Il secondo incontro, “Mollare tutto e cambiare vita”, si terrà il 22 e 23 novembre presso l’agriturismo Il Filo di Paglia di Carro (SP), struttura realizzata interamente con materiali ecologici come paglia e argilla. Ospite e relatore dell’evento sarà Stefania Rossini, casalinga, autoproduttrice, autrice del libro “Vivere in 5 con 5 euro al giorno” e curatrice del blog Natural-mente-Stefy.

Infine, il ciclo si concluderà il 13 e 14 dicembre a Matera con l’incontro “Come trasformare il tuo sogno in un lavoro” e vedrà l’intervento di Eliana Viggiani, Sergio Ladini – entrambi gestori di bed&breakfast nella città dei Sassi e impegnati nella pratica e promozione di un turismo sostenibile e consapevole – e Andrea Paoletti, uno dei fondatori di Casa Netural, innovativo progetto di co-working e co-living del capoluogo lucano.

 

Ciascuno degli ospiti avrà non solo un bagaglio di competenze da mettere a disposizione di chi interverrà, ma anche – soprattutto – una testimonianza da portare: la propria. Racconterà di come ha avviato, a volte affrontando difficoltà, imprevisti e fallimenti, il proprio progetto, aprendo la strada a un cambiamento reale.

 

Gli incontri saranno informali, non conferenze e convegni, ma chiacchierate amichevoli, in cui ospiti e partecipanti potranno confrontarsi sulle esperienze di ciascuno, farsi domande a vicenda e – perché no? – gettare le basi per nuovi progetti. Un momento di contaminazione reciproca, trasmettendo la positività e la voglia di cambiare attraverso il più efficace degli incoraggiamenti: l’esempio di chi ce l’ha già fatta.

 

Per informazioni e prenotazioni clicca qui.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Un po’ di aggiornamenti sul covid nel mondo – Io Non Mi Rassegno #175

|

Sei anni di energia rinnovabile, etica, sostenibile: ènostra festeggia con sconti e promozioni

|

Le erbe spontanee: una ricchezza da riscoprire e tutelare

|

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

|

Con Junker app i rifiuti si riconoscono (anche) grazie all’intelligenza artificiale

|

Può esistere una lobby buona?

|

Integrazione e solidarietà nel cuore di Ballarò

|

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova