23 Mag 2015

Firmato l’accordo per un turismo nuovo e sostenibile in Casentino

Scritto da: Daniela Bartolini

Il 6 maggio a Raggiolo è stato firmato un protocollo d'intesa per avviare un percorso di sviluppo di un turismo sostenibile in Casentino.

La Regione Toscana , i Comuni di di Bibbiena, Pratovecchio-Stia, Poppi, Ortignano Raggiolo, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Talla, Castel Focognano, Castel San Niccolò, l’Unione dei Comuni Montani del Casentino e il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi hanno sottoscritto oggi a Raggiolo un protocollo d’intesa per avviare un percorso di sviluppo di un turismo sostenibile in Casentino.
L’accordo è strettamente connesso alla realizzazione della ciclopista dell’Arno, un percorso di circa 60 chilometri nel fondovalle del Casentino, partendo da Stia e seguendo il corso del fiume Arno. La ciclopista si andrà a congiungere con i percorsi turistici e ciclabili che i singoli comuni  hanno in programma di realizzare e al progetto più ampio che dal Casentino arriverà fino a Marina di Pisa, passando per Arezzo, Firenze. Circa 270 km di tracciato, la più grande ‘via ciclabile’ della Toscana.
Il protocollo prevede varie azioni: un accordo con il Gruppo Lfi per attrezzare al trasporto bici alcuni dei treni che fanno servizio lungo la linea ferroviaria Arezzo-Pratovecchio-Stia; la riorganizzazione di alcune stazioni in punti di accesso e informativi al territorio del Casentino, anche prevedendo l’attivazione di servizi aggiuntivi come bike sharing o bike rental; la promozione dell’uso del treno quale mezzo per la partecipazione ad eventi o per la fruizione delle emergenze culturali del territorio; accordi con organizzazioni pubbliche e private per lo sviluppo, la pianificazione e la promozione di percorsi per la mobilità alternativa, l’escursionismo e il turismo legato all’uso della bicicletta; la realizzazione del catasto RET; la costituzione di un Osservatorio turistico di destinazione (OTD) al fine di promuovere l’adozione, da parte dei Comuni firmatari, di un modello di gestione sostenibile delle destinazioni turistiche; la condivisione e armonizzazione degli strumenti promozionali sviluppati dal territorio con l’Agenzia A.P.ET. – Toscana Promozione e il portale di promozione; l’attivazione di un percorso di formazione per gli operatori turistici.
Il protocollo, che ha già l’adesione anche da parte del Gruppo Lfi e dell’associazione di imprenditori locali Prospettiva Casentino, avrà una durata di tre anni.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Articoli simili
Io faccio così in Tour #2 – Enrico De Luca: il turismo responsabile tra Viaggi e Miraggi

Il Parco Letterario “Emma Perodi”

La ciclopista dell’Archiano si estende fino a Partina
La ciclopista dell’Archiano si estende fino a Partina

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa