23 Mag 2015

Firmato l’accordo per un turismo nuovo e sostenibile in Casentino

Scritto da: Daniela Bartolini

Il 6 maggio a Raggiolo è stato firmato un protocollo d'intesa per avviare un percorso di sviluppo di un turismo sostenibile in Casentino.

La Regione Toscana , i Comuni di di Bibbiena, Pratovecchio-Stia, Poppi, Ortignano Raggiolo, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Talla, Castel Focognano, Castel San Niccolò, l’Unione dei Comuni Montani del Casentino e il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi hanno sottoscritto oggi a Raggiolo un protocollo d’intesa per avviare un percorso di sviluppo di un turismo sostenibile in Casentino.
L’accordo è strettamente connesso alla realizzazione della ciclopista dell’Arno, un percorso di circa 60 chilometri nel fondovalle del Casentino, partendo da Stia e seguendo il corso del fiume Arno. La ciclopista si andrà a congiungere con i percorsi turistici e ciclabili che i singoli comuni  hanno in programma di realizzare e al progetto più ampio che dal Casentino arriverà fino a Marina di Pisa, passando per Arezzo, Firenze. Circa 270 km di tracciato, la più grande ‘via ciclabile’ della Toscana.
Il protocollo prevede varie azioni: un accordo con il Gruppo Lfi per attrezzare al trasporto bici alcuni dei treni che fanno servizio lungo la linea ferroviaria Arezzo-Pratovecchio-Stia; la riorganizzazione di alcune stazioni in punti di accesso e informativi al territorio del Casentino, anche prevedendo l’attivazione di servizi aggiuntivi come bike sharing o bike rental; la promozione dell’uso del treno quale mezzo per la partecipazione ad eventi o per la fruizione delle emergenze culturali del territorio; accordi con organizzazioni pubbliche e private per lo sviluppo, la pianificazione e la promozione di percorsi per la mobilità alternativa, l’escursionismo e il turismo legato all’uso della bicicletta; la realizzazione del catasto RET; la costituzione di un Osservatorio turistico di destinazione (OTD) al fine di promuovere l’adozione, da parte dei Comuni firmatari, di un modello di gestione sostenibile delle destinazioni turistiche; la condivisione e armonizzazione degli strumenti promozionali sviluppati dal territorio con l’Agenzia A.P.ET. – Toscana Promozione e il portale di promozione; l’attivazione di un percorso di formazione per gli operatori turistici.
Il protocollo, che ha già l’adesione anche da parte del Gruppo Lfi e dell’associazione di imprenditori locali Prospettiva Casentino, avrà una durata di tre anni.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Dal giro del mondo all’ecoturismo in Sardegna: la nuova vita dei CycloLenti
Dal giro del mondo all’ecoturismo in Sardegna: la nuova vita dei CycloLenti

Un villaggio nella natura per ritrovare se stessi e la libertà
Un villaggio nella natura per ritrovare se stessi e la libertà

Viaggi a piedi? Chi inizia non smette più!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna