23 Mag 2015

Firmato l’accordo per un turismo nuovo e sostenibile in Casentino

Scritto da: Daniela Bartolini

Il 6 maggio a Raggiolo è stato firmato un protocollo d'intesa per avviare un percorso di sviluppo di un turismo sostenibile in Casentino.

La Regione Toscana , i Comuni di di Bibbiena, Pratovecchio-Stia, Poppi, Ortignano Raggiolo, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Talla, Castel Focognano, Castel San Niccolò, l’Unione dei Comuni Montani del Casentino e il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi hanno sottoscritto oggi a Raggiolo un protocollo d’intesa per avviare un percorso di sviluppo di un turismo sostenibile in Casentino.
L’accordo è strettamente connesso alla realizzazione della ciclopista dell’Arno, un percorso di circa 60 chilometri nel fondovalle del Casentino, partendo da Stia e seguendo il corso del fiume Arno. La ciclopista si andrà a congiungere con i percorsi turistici e ciclabili che i singoli comuni  hanno in programma di realizzare e al progetto più ampio che dal Casentino arriverà fino a Marina di Pisa, passando per Arezzo, Firenze. Circa 270 km di tracciato, la più grande ‘via ciclabile’ della Toscana.
Il protocollo prevede varie azioni: un accordo con il Gruppo Lfi per attrezzare al trasporto bici alcuni dei treni che fanno servizio lungo la linea ferroviaria Arezzo-Pratovecchio-Stia; la riorganizzazione di alcune stazioni in punti di accesso e informativi al territorio del Casentino, anche prevedendo l’attivazione di servizi aggiuntivi come bike sharing o bike rental; la promozione dell’uso del treno quale mezzo per la partecipazione ad eventi o per la fruizione delle emergenze culturali del territorio; accordi con organizzazioni pubbliche e private per lo sviluppo, la pianificazione e la promozione di percorsi per la mobilità alternativa, l’escursionismo e il turismo legato all’uso della bicicletta; la realizzazione del catasto RET; la costituzione di un Osservatorio turistico di destinazione (OTD) al fine di promuovere l’adozione, da parte dei Comuni firmatari, di un modello di gestione sostenibile delle destinazioni turistiche; la condivisione e armonizzazione degli strumenti promozionali sviluppati dal territorio con l’Agenzia A.P.ET. – Toscana Promozione e il portale di promozione; l’attivazione di un percorso di formazione per gli operatori turistici.
Il protocollo, che ha già l’adesione anche da parte del Gruppo Lfi e dell’associazione di imprenditori locali Prospettiva Casentino, avrà una durata di tre anni.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Articoli simili
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità
Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità

Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare
Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi