22 Mag 2015

Infanzia senza elettrosmog

Scritto da: Daniela Bartolini

Un comitato cittadino per riflettere ed informare sulla sovraesposizione a sorgenti elettromagnetiche e promuovere un “Casentino senza elettrosmog”!

Antenne, trasmettitori, , ripetitori, telefoni cellulari, apparati wireless ed anche forni a microonde, fornelli ad induzione e molti apparecchi di uso domestico, sono sorgenti di onde elettromagnetiche non ionizzanti.
Da molti anni si parla dell’inquinamento elettromagnetico e della relazione tra radiazioni elettromagnetiche e stato di salute.
A febbraio un gruppo di cittadine, donne e sopratutto mamme ha costituito in Casentino un comitato apolitico, sorto spontaneamente in seguito all’installazione di sei ripetitori per la telefonia cellulare sulla torre del Castello dei Conti Guidi, con lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza sui possibili effetti nocivi dell’esposizione a sorgenti elettromagnetiche sulla salute umana ed in particolare dei bambini.
In questi mesi il comitato si è aperto a tutti i cittadini per promuovere un Casentino senza elettrosmog, tra gli obiettivi c’è quello di avviare un percorso di riflessione su questo tema con le amministrazioni locali affinché si elaborino piani regolatori per l’istallazione che prevedano, ad esempio, di vietarne l’istallazione nei pressi di luoghi sensibili come scuole ed ospedali.
Il tema dell’inquinamento elettromagnetico è un tema tutt’ora controverso, nonostante i numerosi studi e la classificazione da parte dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro in categoria 2B (possibili cancerogeni per l’uomo) dei campi elettromagnetici in bassa ed alta frequenza, ma ciò che propone il comitato è di inserire il principio di precauzione, adottando una politica cautelativa senza attendere ulteriori riscontri scientifici.
Il tema apre a molte riflessioni: come coniugare evoluzione tecnologica e salute? Come utilizzare senza rischi le apparecchiature che fanno ormai parte delle nostre abitudini quotidiane?
Smartphone, tablet, sono diventati di uso comune anche tra i bambini ed un obiettovo importante del comitato è la promozione di un uso moderato e consapevole attraverso percorsi informativi ed educativi all’interno delle scuole del territorio.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Il 5G, la salute e la tecnologia che accelera
Il 5G, la salute e la tecnologia che accelera

Cellulari tra scienza e mercato: a Torino la prima sentenza sul cancro
Cellulari tra scienza e mercato: a Torino la prima sentenza sul cancro

“Il 5G è un rischio altissimo”. L’allarme della Rete Sostenibilità e Salute
“Il 5G è un rischio altissimo”. L’allarme della Rete Sostenibilità e Salute

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Intelligenza artificiale è fra noi – #634

|

Dal porto di Genova stanno transitando sempre più armamenti: cosa sta succedendo?

|

Una Talent House per coltivare il capitale umano e riscrivere la narrazione delle aree interne – Io Faccio Così #349

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6