22 Mag 2015

Infanzia senza elettrosmog

Scritto da: Daniela Bartolini

Un comitato cittadino per riflettere ed informare sulla sovraesposizione a sorgenti elettromagnetiche e promuovere un “Casentino senza elettrosmog”!

Antenne, trasmettitori, , ripetitori, telefoni cellulari, apparati wireless ed anche forni a microonde, fornelli ad induzione e molti apparecchi di uso domestico, sono sorgenti di onde elettromagnetiche non ionizzanti.
Da molti anni si parla dell’inquinamento elettromagnetico e della relazione tra radiazioni elettromagnetiche e stato di salute.
A febbraio un gruppo di cittadine, donne e sopratutto mamme ha costituito in Casentino un comitato apolitico, sorto spontaneamente in seguito all’installazione di sei ripetitori per la telefonia cellulare sulla torre del Castello dei Conti Guidi, con lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza sui possibili effetti nocivi dell’esposizione a sorgenti elettromagnetiche sulla salute umana ed in particolare dei bambini.
In questi mesi il comitato si è aperto a tutti i cittadini per promuovere un Casentino senza elettrosmog, tra gli obiettivi c’è quello di avviare un percorso di riflessione su questo tema con le amministrazioni locali affinché si elaborino piani regolatori per l’istallazione che prevedano, ad esempio, di vietarne l’istallazione nei pressi di luoghi sensibili come scuole ed ospedali.
Il tema dell’inquinamento elettromagnetico è un tema tutt’ora controverso, nonostante i numerosi studi e la classificazione da parte dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro in categoria 2B (possibili cancerogeni per l’uomo) dei campi elettromagnetici in bassa ed alta frequenza, ma ciò che propone il comitato è di inserire il principio di precauzione, adottando una politica cautelativa senza attendere ulteriori riscontri scientifici.
Il tema apre a molte riflessioni: come coniugare evoluzione tecnologica e salute? Come utilizzare senza rischi le apparecchiature che fanno ormai parte delle nostre abitudini quotidiane?
Smartphone, tablet, sono diventati di uso comune anche tra i bambini ed un obiettovo importante del comitato è la promozione di un uso moderato e consapevole attraverso percorsi informativi ed educativi all’interno delle scuole del territorio.

Articoli simili
“Il 5G è un rischio altissimo”. L’allarme della Rete Sostenibilità e Salute
“Il 5G è un rischio altissimo”. L’allarme della Rete Sostenibilità e Salute

Infanzia senza elettrosmog e antenne a scuola
Infanzia senza elettrosmog e antenne a scuola

Il 5G è arrivato: allarme mondiale degli scienziati

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare