12 Mag 2015

Scambio di cibo e altre strategie per una comunità senza sprechi

Scritto da: Redazione

Ogni famiglia italiana spreca in media 400 euro all’anno di spesa. Uno studio di un centro di ricerca milanese analizza questo […]

sharing-healthy-foodOgni famiglia italiana spreca in media 400 euro all’anno di spesa. Uno studio di un centro di ricerca milanese analizza questo dato e cerca soluzioni a livello istituzionale. Anche dal basso ci si muove contro gli sprechi: dalla realizzazione di piattaforme online di “scambio di cibo” a libri illustrati di denuncia.

 

Un’indagine sul sistema alimentare della città di Milano è la prima fase della costruzione di una “Food Policy”, uno strumento per gestire e migliorare lo stile di vita dei cittadini.

 

A portare avanti questo ambizioso progetto è il centro di ricerca “Economia e sostenibilità”, attivo sulle tematiche della sostenibilità economica, sociale e ambientale.

 

“Stiamo portando avanti un lavoro strutturato e complesso che ci terrà impegnati a lungo” spiega Andrea Calori, tra i responsabili del progetto “iniziando da un’analisi delle abitudini alimentari dei milanesi e del sistema di produzione, distribuzione e consumo. La nostra ricerca è terminata con l’individuazione di dieci questioni chiave su cui lavorare. L’obiettivo finale è quello di trovare strategie e politiche per migliorare i meccanismi sottesi a questo sistema e metterle a disposizione delle istituzioni”.

 

 

 

Tra i punti individuati da Economia e sostenibilità vi è quello relativo agli sprechi alimentari: secondo la ricerca gli italiani spendono circa 500 euro al mese per i prodotti alimentari e ogni anno ne sprecano 454. Nella direzione di contingentare gli sprechi alimentari va il progetto “I food share”, una piattaforma online che consente da un lato di donare il cibo e dall’altro di riceverlo gratuitamente.

 

Di sprechi e consumo si occupa il delizioso libretto illustrato “I due pappagalli pigliatutto” , edito da Terra Nuova Edizioni. Realizzato dall’autore colombiano Dipacho il lavoro è una allegoria per immagini sui pericoli del consumismo.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città

Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico
Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico

Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare
Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Capire l’India contemporanea

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

|

“Ci siamo trasferiti in montagna e ora cerchiamo persone per costituire una cooperativa di comunità”

|

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

|

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”