29 Giu 2015

Contro lo spreco alimentare, ad Amsterdam arriva il ristorante che salva il cibo

Scritto da: Marco Fossi

Se passate da Amsterdam, o se vi vene voglia di farci un salto dopo aver letto quest’articolo, non potete non […]

Se passate da Amsterdam, o se vi vene voglia di farci un salto dopo aver letto quest’articolo, non potete non andare in un ristorante molto particolare, Instock.
Quello che lo caratterizza non è la cucina, che pure non è niente male, né il look, che pure è accogliente e minimalista, ma la filosofia di fondo, che si batte contro lo spreco alimentare.

 

instock


“Volevamo fare qualcosa per contrastare lo spreco di cibo” spiega Freke van Nimwegen, uno dei fondatori. Lui è un dipendente di una società della grande distribuzione locale, e proprio in quella veste ha potuto constatare quanto cibo ancora commestibile viene sprecato perché vicino alla scadenza, in confezioni danneggiate solo esteticamente o per altri motivi che non impattano sulla sicurezza alimentare.

 

Ecco allora che i fondatori hanno pensato ad un ristorante che preparasse piatti basati solo sul cibo recuperato. Il loro furgoncino azzurro (ovviamente elettrico) gira ogni giorno tra supermarket, mercati e punti vendita e recupera il cibo ancora utilizzabile, che viene utilizzato subito dopo come materia prima per ricette deliziose. L’unica incognita è il menù, che cambia ogni giorno sulla base delle disponibilità del momento.

 

furgone

 

Instock è un normale ristorante, e la sua normalità consiste anche nel fatto che i conti economici tornano perfettamente (e, tutto sommato, non si spende nemmeno tanto). Una ulteriore dimostrazione, se mai ce fosse bisogno, che la sostenibilità non è una vocazione etica in perdita, ma che può essere coniugata con l’efficienza economica. Buon appetito!

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città

Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico
Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico

Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare
Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Manovre a confronto: in Spagna si tassano le banche – #628

|

Democrazia in crisi: quali sono le alternative, ammesso che esistano?

|

Sostenere i ragazzi con disabilità intellettiva verso l’autonomia abitativa: un progetto che vale un sogno

|

Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente

|

Parlami dentro. Anche una lettera può alleviare la solitudine di chi è detenuto

|

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

|

GivingTuesday, oggi in oltre 80 paesi si celebra il “martedì del dare”

|

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi