Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Set 2015

Coppa Cobram: le buone notizie fanno anche ridere

Scritto da: Marco Fossi

La Coppa Cobram, la famosa gara ciclistica a cui partecipa Fantozzi, è una pietra miliare della cultura nazionalpopolare. L'associazione Pedali Lei la fa rivivere, testimoniando come le buone notizie spesso sono quelle più spiritose e fantasiose.

Alcune buone notizie hanno un imprintig assolutamente culturale. E in Italia, quale cultura è più radicata del mitico, inimitabile e intramontabile Fantozzi? In un paese di 60 milioni di Fantozzi, la gara in bici più bella dell’anno è senz’altro la Coppa Cobram. Proprio quella del famoso superdirettore galattico, il perfido Cobram, rifatta quest’anno per la seconda volta.

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

cobram1

 

Cosa ci piace della Coppa Cobram? Un mucchio di cose. La prima è che è una gara non competitiva: si gareggia per divertirsi, non per vincere. La seconda è che, come tutte le goliardate autentiche, è una cosa molto seria: hanno costituito una associazione “Pedali lei!” il cui statuto recita: “ Le finalità che si propone sono in particolare: a) promozione della cultura della bicicletta intesa come mezzo di locomozione ma anche come oggetto artistico; b) promozione del territorio conosciuto attraverso l’utilizzo appunto della bicicletta; c) promozione della cultura ecologica nel senso del recupero delle biciclette usate.” Non è meraviglioso?

 

cobram3

 

Ma la cosa che ci piace di più è che tutti i partecipanti si vestono come nel film di Fantozzi: un vero e proprio esercito di artisti della biciletta! Godetevi quindi le foto dell’edizione 2015…. E partecipate alla prossima, senza timore di essere originali!

 

cobram2

cobram4

cobram5

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ue vuole tassare di più le multinazionali? – Io Non Mi Rassegno #318

|

Segui i nostri aggiornamenti quotidiani dal camper di Italia Che Cambia!

|

“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”

|

L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”

|

Outdoor education: le sfide e le conquiste dell’educazione in natura

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura