25 Mag 2016

Un murales lungo 664 chilometri: è il Tunnel del Mediterraneo per i migranti

Scritto da: Roberto Vietti

“Il tunnel del Mediterraneo”. Si chiama così il murales realizzato dallo street artist francese MTO. L'opera, che inizia a Malta e finisce a Sapri, simboleggia il viaggio dei migranti, in fuga da guerre e povertà, verso le coste italiane in cerca di pace.

Malta, la prima parte del murales di Mto "Il tunnel del Mediterraneo"

Malta, la prima parte del murales di Mto “Il tunnel del Mediterraneo”


E’ il mio terzo giorno di viaggio nella piccola isola al centro del Mediterraneo. Dopo due dì meravigliosamente trascorsi nella parte più selvaggia e meno conosciuta di Malta, decido di visitare la capitale La Valletta.

 

Appena arrivato in città, tuttavia, sento subito la mancanza di quei paesaggi incredibili e unici che hanno contraddistinto la prima parte del mio viaggio. Non demordo, e cerco di scoprire quel che la parte più turistica ha da offrirmi.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Dopo ore di cammino, giungo difronte ad un murales nel quartiere di Sliema che mi colpisce. Inizio ad osservarlo attentamente. Un uomo in ciabatte e pantaloncini rossi sembra voler entrare all’interno del muro. Dove vorrà andare? Rimango per molto tempo ad osservarlo, cercando di trovar risposta al quesito.

 

Dopo varie ricerche scopro che il murales è stato realizzato dall’artista MTO, e che a Sapri, in provincia di Salerno, si trova la seconda parte della stessa opera. In questa composizione si osserva lo stesso uomo di prima che, con fatica, esce dal buco in cui si trovava. Ecco svelato dove si stava muovendo: è un migrante in viaggio verso le coste italiane, in ricerca di pace e serenità.

 

“Malta prende i morti e spedisce i vivi in Italia”, così descrive MTO la sua opera “Il Tunnel del Mediterraneo” dai suoi profili social. Si riferisce alle difficili relazioni tra Malta e Italia sulla questione relativa al soccorso dei migranti. In particolare l’artista francese allude al fatto che il porto della Valletta si rifiutò di accogliere un gommone in avaria con più di cento migranti a bordo mentre il governo italiano, allora presieduto da Letta, diede il consenso per lo sbarco a Siracusa.

 

Ancora una volta trovo conferma che la libertà di un artista porta con sé una grande responsabilità e che, come dice Michelangelo Pistoletto, “l’arte dovrebbe connettersi con tutti gli ambiti della vita sociale e diventare motore della trasformazione. MTO lo ha fatto: con il suo murales è riuscito a farci riflettere ancora una volta sulle enormi difficoltà di chi deve lasciare la propria terra, le proprie radici, per viaggiare in cerca di fortuna in terra straniera e a quanto la politica dovrebbe essere uno strumento in grado di facilitare tale percorso, e non ostacolarlo.

 

Sapri, la seconda parte dell'opera di Mto "Il tunnel del Mediterraneo"

Sapri, la seconda parte dell’opera di Mto “Il tunnel del Mediterraneo”


 

Tanti anni fa eravamo noi italiani a cercare fortuna in America. Non era forse la stessa situazione? L’unica differenza è uno zero. Il nostro viaggio era lungo 6640 km, anziché 664 Km.

 

Articoli simili
Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione
Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

Dal Burundi alle Marche: Eddy insegue il suo sogno che profuma di caffè
Dal Burundi alle Marche: Eddy insegue il suo sogno che profuma di caffè

“Camminiamo come i bruchi, che si trasformano in farfalle”
“Camminiamo come i bruchi, che si trasformano in farfalle”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi