12 Ott 2016

La Decrescita Felice di un Agente del Cambiamento

Scritto da: Paolo Cignini

Tornare nella propria terra, praticare la decrescita felice e diventare un Agente del Cambiamento. Cosa significa tutto questo? Ecco la testimonianza di Emilio Ruffolo.

Durante una delle tappe del Bike Tour della Decrescita, siamo stati ospiti di Emilio Ruffolo e della sua famiglia a Rende, in provincia di Cosenza. Emilio è uno dei membri del Circolo per la Decrescita Felice di Cosenza ed ha aderito alla campagna degli Agenti del Cambiamento promossa dalla nostra testata.

 

In questa chiacchierata, Emilio ci ha raccontato la sua esperienza “controcorrente”: ha studiato a Padova, laureandosi Psicologia Clinico Dinamica della Università di Padova, per poi tornare a Rende dove divide il suo tempo tra il lavoro con la Terra, il tirocinio e l’attivismo.

 

 

“Di solito la scelta naturale è emigrare da queste terre, molti miei amici e conoscenti lo hanno fatto. Io ho fatto la scelta contraria, in accordo con la mia ragazza, perché qui vediamo molte più opportunità e molte più sfide interessanti che sono coerenti con ciò che crediamo”.

 

Nella video-intervista ci racconta la sua storia e cosa significa per lui essere un agente del Cambiamento.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice
Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice

Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!
Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!

Demercificare e rilocalizzare: così la decrescita felice può diventare realtà
Demercificare e rilocalizzare: così la decrescita felice può diventare realtà

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”