Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
5 Dic 2016

Volontariato nel Parco… Verso il nuovo anno

Scritto da: Daniela Bartolini

Come passare il passaggio al nuovo anno? Con l’ultimo turno di volontariato nel Parco si può vivere un’esperienza unica nelle foreste casentinesi! Dal 29 dicembre al 5 gennaio. Un’esperienza di “immersione” nella vita dell’area protetta, tra pulizia dei sentieri, monitoraggio faunistico e socialità condivisa nelle foresterie del Parco al servizio della conservazione della Natura!

Un’esperienza unica in un territorio straordinario, ammantato di foreste secolari, attraverso la quale ogni volontario potrà partecipare attivamente a progetti di promozione e conservazione della natura coordinati dal Parco Nazionale delle  Foreste Casentinesi

I partecipanti, ospitati nelle foresterie del Parco, collaboreranno con i tecnici del Parco e del Corpo Forestale dello Stato nell’assistenza ai visitatori, nella manutenzione di sentieri e piccole strutture dell’ente, nel controllo del territorio, in eventuali azioni di gestione della fauna e in varie altre mansioni.

Il turno di volontariato è coordinato dalla Cooperativa In Quiete per conto del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e in collaborazione con il Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Corpo Forestale dello Stato e prevede una quota di iscrizione di 50€ che comprende le spese per la copertura assicurativa dei volontari, parte delle spese per il mantenimento delle strutture che ospitano i partecipanti, delle attrezzature utilizzate e la presenza costante di un operatore qualificato che accompagna il gruppo.
Ogni attività è facoltativa e commisurata alle forze, capacità e sensibilità dei partecipanti.
Un progetto, quello dei turni di volontariato nel Parco, ideato per studenti, famiglie, appassionati, curiosi o persone che decidono di trascorrere un po’ di tempo a contatto con la natura, in modo “alternativo” e concreto

La scadenza per le domande d’iscrizione è 10 giorni prima dell’inizio del turno.

Previste attività con ciaspole in caso di neve!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La rabbia afroamericana e Trump vs. Twitter – Io Non Mi Rassegno #148

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

|

I cinque studenti dell’isola di Alicudi e la resilienza delle piccole scuole

|

Il futuro di eventi e festival musicali? Ripartiamo dalla sostenibilità!