5 Dic 2016

Volontariato nel Parco… Verso il nuovo anno

Scritto da: Daniela Bartolini

Come passare il passaggio al nuovo anno? Con l'ultimo turno di volontariato nel Parco si può vivere un'esperienza unica nelle foreste casentinesi! Dal 29 dicembre al 5 gennaio. Un'esperienza di "immersione" nella vita dell'area protetta, tra pulizia dei sentieri, monitoraggio faunistico e socialità condivisa nelle foresterie del Parco al servizio della conservazione della Natura! 

Un’esperienza unica in un territorio straordinario, ammantato di foreste secolari, attraverso la quale ogni volontario potrà partecipare attivamente a progetti di promozione e conservazione della natura coordinati dal Parco Nazionale delle  Foreste Casentinesi

I partecipanti, ospitati nelle foresterie del Parco, collaboreranno con i tecnici del Parco e del Corpo Forestale dello Stato nell’assistenza ai visitatori, nella manutenzione di sentieri e piccole strutture dell’ente, nel controllo del territorio, in eventuali azioni di gestione della fauna e in varie altre mansioni.

Il turno di volontariato è coordinato dalla Cooperativa In Quiete per conto del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e in collaborazione con il Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Corpo Forestale dello Stato e prevede una quota di iscrizione di 50€ che comprende le spese per la copertura assicurativa dei volontari, parte delle spese per il mantenimento delle strutture che ospitano i partecipanti, delle attrezzature utilizzate e la presenza costante di un operatore qualificato che accompagna il gruppo.
Ogni attività è facoltativa e commisurata alle forze, capacità e sensibilità dei partecipanti.
Un progetto, quello dei turni di volontariato nel Parco, ideato per studenti, famiglie, appassionati, curiosi o persone che decidono di trascorrere un po’ di tempo a contatto con la natura, in modo “alternativo” e concreto

La scadenza per le domande d’iscrizione è 10 giorni prima dell’inizio del turno.

Previste attività con ciaspole in caso di neve!

Articoli simili
Ecco le matite giganti che colorano la val Borbera realizzate da un girovago sognatore
Ecco le matite giganti che colorano la val Borbera realizzate da un girovago sognatore

La realtà è più avanti: emozioni dal palco che porta in scena l’Italia che cambia
La realtà è più avanti: emozioni dal palco che porta in scena l’Italia che cambia

La storia come strumento per ricostruire le comunità dilaniate dal terremoto
La storia come strumento per ricostruire le comunità dilaniate dal terremoto

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Decreto risparmi, tetto al prezzo del gas e taglio al greggio – #595

|

We Make Market, una piattaforma per supportare i piccoli artigiani e i loro saperi

|

Patataplà, la compagnia teatrale immaginaria dell’artista contadina che è andata a vivere in un borgo

|

Ecco le matite giganti che colorano la val Borbera realizzate da un girovago sognatore

|

Dalle separazioni agli stereotipi di genere, ecco il racconto di chi cerca di costruire una nuova genitorialità

|

La realtà è più avanti: emozioni dal palco che porta in scena l’Italia che cambia

|

Fiori Florensi, il progetto di educazione in natura che valorizza talenti ed emozioni

|

La storia come strumento per ricostruire le comunità dilaniate dal terremoto