5 Dic 2016

Volontariato nel Parco… Verso il nuovo anno

Scritto da: Daniela Bartolini

Come passare il passaggio al nuovo anno? Con l'ultimo turno di volontariato nel Parco si può vivere un'esperienza unica nelle foreste casentinesi! Dal 29 dicembre al 5 gennaio. Un'esperienza di "immersione" nella vita dell'area protetta, tra pulizia dei sentieri, monitoraggio faunistico e socialità condivisa nelle foresterie del Parco al servizio della conservazione della Natura! 

Un’esperienza unica in un territorio straordinario, ammantato di foreste secolari, attraverso la quale ogni volontario potrà partecipare attivamente a progetti di promozione e conservazione della natura coordinati dal Parco Nazionale delle  Foreste Casentinesi

I partecipanti, ospitati nelle foresterie del Parco, collaboreranno con i tecnici del Parco e del Corpo Forestale dello Stato nell’assistenza ai visitatori, nella manutenzione di sentieri e piccole strutture dell’ente, nel controllo del territorio, in eventuali azioni di gestione della fauna e in varie altre mansioni.

Il turno di volontariato è coordinato dalla Cooperativa In Quiete per conto del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e in collaborazione con il Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Corpo Forestale dello Stato e prevede una quota di iscrizione di 50€ che comprende le spese per la copertura assicurativa dei volontari, parte delle spese per il mantenimento delle strutture che ospitano i partecipanti, delle attrezzature utilizzate e la presenza costante di un operatore qualificato che accompagna il gruppo.
Ogni attività è facoltativa e commisurata alle forze, capacità e sensibilità dei partecipanti.
Un progetto, quello dei turni di volontariato nel Parco, ideato per studenti, famiglie, appassionati, curiosi o persone che decidono di trascorrere un po’ di tempo a contatto con la natura, in modo “alternativo” e concreto

La scadenza per le domande d’iscrizione è 10 giorni prima dell’inizio del turno.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Previste attività con ciaspole in caso di neve!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5