Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
25 Feb 2017

Il camper si avvicina a Torino, passando da Alessandria, Asti e Venaria

Scritto da: Roberto Vietti

Tante e diverse le interessanti realtà che abbiamo avuto la possibilità di incontrare ad Alessandria con Alessia, agente del cambiamento. Il giorno seguente ci siamo mossi verso l’astigiano a Ca’ Mariuccia, dove Alberto Guggino ha presentato la rivista Picchio Verde.

Alessandria – Probabilmente c’è un problema. E’ dal 2012 che percorriamo l’intero stivale e non riusciamo ancora a stufarci e, allo stesso a non meravigliarci, delle splendide realtà e, ancor più, delle persone che le hanno rese vere e concrete.

Così, dopo le tante realtà incontrate nelle diverse province piemontesi, arriviamo ad Alessandria, dove Alessia, agente del cambiamento, ci ha accolto con il suo solito sorriso ed entusiasmo.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

Non avevamo molto tempo però per salutarci, in quanto era già ora di incontrare i responsabili della Comunità San Benedetto di Don Gallo nella Casa del Quartiere di Alessandria. Un luogo accogliente, moderno, insolito che fa dell’accoglienza, la condivisione, e la cittadinanza attiva le sue principali caratteristiche. Graziella ci accompagna tra la falagnameria, il fablab, la biblioteca multiculturale e le tante sale a disposizione della comunità nella casa del quartiere. Incontriamo così Fabio Scaltritti, che ci presenta le innumerevoli inziative e il processo con il quale si è giunti a realizzare questo interessante complesso.

A pranzo Alessia ci accompagna alla Ristorazione Sociale, che avrete già avuto modo di conoscere nell’intervista a loro realizzata lo scorso novembre. Nel pomeriggio abbiamo avuto modo di incontrare Anna Pagella di Social Domus, associazione di promozione sociale nata per realizzare importanti interventi di integrazione e supporto ai migranti.

In serata ci siamo mossi verso Castellazzo Bormida con Alessia e il marito Andrea, a casa dell’associazione Estacion Esperanza. Tante sono le realtà – eterogenee tra loro – che hanno partecipato all’incontro. E’ stata una serata ricca di spunti e riflessioni, che ci ha permesso di conoscere un già attivo e variegato territorio, fatto di associazioni e imprenditori locali lungimiranti.

Il risveglio ci ha poi portato a muoverci verso Asti, non dopo aver salutato Alessia e Andrea, ringraziandoli per la meravigliosa accoglienza. Ca’ Mariuccia è una delle realtà che abbiamo già avuto il piacere di incontrare, ed è stato così un piacere ritrovarsi e presentare il Piemonte Che Cambia assieme, tra gli altri, ad Alberto Guggino – storico agente piemontese – che ci ha anche presentato la rivista “Il Picchio Verde”.

Ci muoviamo così verso Venaria. Stanchi ma soddisfatti andiamo a dormire… Pronti per il bike Tour e la presentazione del portale regionale di domani nel centro di Torino. Bon-a neuit!

#IoNonMiRassegno 23/1/2020

|

Così le compagnie fossili denunciano gli Stati per bloccare la transizione ecologica

|

Vazapp, l’hub che insegna ai contadini a coltivare… le relazioni! – Io faccio così #276

|

Un chilometro al giorno: la passeggiata che diventa lezione nelle scuole

|

Costituita a Roma la RIES, Rete Italiana per l’Economia Solidale

|

Blocco del traffico contro lo smog? Servono misure a lungo termine

|

Alessia d’Epiro: “Aiuto le donne a diventare imprenditrici… e ad essere felici!”

|

Il Piano rom nella città di Roma, tra diritti violati e marginalità sociale

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.