27 Feb 2017

Cento alberi per il parco del Canto alla Rana

Scritto da: Daniela Bartolini

Arrivano dal Vivaio di Cerreta 106 nuove piante e 52 arbusti per ripopolare la riva dell'Arno dove la tempesta del 2015 aveva distrutto gran parte della vegetazione.

Dal Vivaio di Cerreta 106 nuove piante saranno immesse al parco del Canto alla Rana di Stia, e serviranno per ripopolare la zona verde lungo il corso dell’Arno.
“Durante questa settimana – scrive il sindaco di Pratovecchio Stia, Caleri – gli operai del Comune hanno avviato la piantumazione dei nuovi alberi nel parco del Canto alla Rana. A seguito della tempesta di vento del 5 marzo 2015, infatti, come responsabile della sicurezza dei luoghi pubblici, avevo dovuto far abbattere tutte quelle piante che avevano subito danni o che comunque risultassero pericolose, a seguito di apposita relazione tecnica. In quei momenti avevo promesso che alla fase di abbattimento sarebbe seguita una fase di ripopolamento, che adesso è stata avviata”.

Sulla base di un’ulteriore relazione tecnica stilata dal Dott. Gabellini, iscritto all’albo dei dottori agronomi e forestali, è stata avviata la piantumazione che prevede il reinserimento di 106 alberi e 52 arbusti. “Per evitare i problemi precedenti, dovuti alla presenza di specie non autoctone e non adatte a un parco come il nostro (douglasia e pino), si è deciso di mettere a dimora altre tipologie di piante, privilegiando le autoctone spoglianti. Gran parte delle specie proposte sono idonee a climi con inverni rigidi, buona piovosità e modesta aridità estiva”. Citando la relazione, “sono state proposte specie resistenti agli inquinanti e capaci di contenerne il carico nell’area, resistenti ai parassiti comuni e prive, al momento, di gravi e letali malattie specifiche e con pollini non o poco allergenizzanti. Piante e realizzazioni sono accomunate generalmente da bassi costi di manutenzione”.

Le piante sono state acquistate dal Comune presso il Vivaio di Cerreta, di proprietà dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, così da garantire il reinserimento di piante autoctone e sostenere questa eccellente realtà pubblica. “Un nuovo inizio per il nostro bellissimo parco, sempre più capace di attrarre cittadini e turisti”, conclude Caleri. Il parco del Canto alla Rana, polmone verde a due passi dal centro di Stia, è una delle zone più frequentate per attività sportive e ludiche in ogni stagione, soprattutto in estate quando è diventata nel tempo una vera e propria “spiaggia” per intere generazioni di abitanti del luogo.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità
Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità

Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi
Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi

La Xylella Fastidiosa, il Covid e l’Homo Sapiens
La Xylella Fastidiosa, il Covid e l’Homo Sapiens

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne