Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Feb 2017

Sgombero di XM24: a rischio la casa di CampiAperti

Scritto da: Redazione

XM24, spazio sociale bolognese, sta per essere sgomberato. Facciamo il punto della situazione con il portavoce di CampiAperti, l'associazione che riunisce i piccoli agricoltori che si battono per la sovranità alimentare che da anni vengono ospitati e supportati da questo spazio.

Qualche mese fa abbiamo pubblicato la bella storia di Manuela, che ha coronato il suo sogno di tornare alla Terra, stare a contatto con la natura e promuovere uno stile di vita resiliente ed ecologico. Manuela si batte per i diritti dei piccoli agricoltori e, come avevamo sottolineato, si tratta di una battaglia dura e incessante. In questi giorni infatti, insieme a tutto il gruppo di CampiAperti, di trovare a combattere contro lo sgombero di XM24, lo spazio sociale che li ospita.

campiAperti2La vicenda è lunga e complessa da descrivere per chi non vive a Bologna e non ha seguito il susseguirsi degli eventi, soprattutto nell’ultimo periodo. Vi suggeriamo di leggere questo articolo per una ricostruzione puntuale dei fatti che hanno interessato non solo l’XM, ma tutta l’area urbana che lo circonda, “vittima” di un tentativo mal riuscito di edilizia partecipata che ha portato a un gigantesco cantiere – attualmente fermo per inadempienze – che avrebbe dovuto ridisegnare il volto del quartiere.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

 

Sabato scorso, i rappresentanti di CampiAperti si sono ritrovati per fare il punto sul da farsi e capire come affrontare l’emergenza che rischia di privarli di uno spazio che non solo li ospita fisicamente, ma che – sin dalla nascita del mercato – li ha supportati e incoraggiati. Ne abbiamo parlato con Domenico, portavoce del gruppo.  

 

Qual è il significato di questo sgombero?

 

Anche noi di CampiAperti, così come le altre realtà che compongono questo spazio sociale, avevamo bisogno di fare il punto, non solo in riferimento alla cronaca sull’XM 24, ma anche sugli altri spazi. C’è la necessità di riflettere su cosa comporteranno le azioni del Comune per noi e per la cittadinanza, in particolare rispetto al quadro che si sta delineando con il progetto di F.I.CO (la “cittadella del cibo” progettata da Eataly che verrà realizzata al posto dell’attuale Centro Agroalimentare, ndr) e alla modificazione strutturale e culturale della città. L’eventuale sgombero infatti comporterà una reazione a catena che assumerà un significato intrinseco: CampiAperti è nato col supporto e l’ospitalità di XM e per il futuro questo rimarrà fondamentale. Abbiamo deciso di stare al loro fianco perché questo spazio non venga spostato o cancellato, anche perché XM, sia come struttura che come progetto, è un baluardo contro la gentrificazione del quartiere.

campiaperti1

Qual è il vostro rapporto con l’amministrazione?

 

In passato c’è stato un dialogo: CampiAperti ha stipulato un patto di collaborazione incentrato sui beni comuni in base al quale i nostri mercati sono riconosciuti ed equiparati ad altri mercati come quelli di Slow Food e Coldiretti, usufruendo anche di agevolazioni fiscali. Tutto ciò è stato frutto di una trattativa durata quasi due anni. Recentemente c’è stato un nuovo incontro per tirare le somme dell’attività svolta sinora e verificare che avessimo le caratteristiche per il rinnovare il patto. Così è stato, ma noi abbiamo posto il problema della minaccia sgombero e loro hanno ribadito la posizione espressa.

 

Ci sono possibilità di dialogo?

 

Adesso bisogna aspettare gli sviluppi delle trattative tra amministrazione e XM. Noi chiederemo che si siedano tutti intorno a un tavolo, nel frattempo continuiamo la nostra attività. Non riusciamo a immaginarci senza questo spazio, l’obiettivo è rimanere lì. Se questo non dovese succedere, rifletteremo sul da farsi. Siamo in allerta, teniamo la guardia alta e seguiamo ogni sviluppo.

 

Quali sono i prossimi appuntamenti?

 

A partire dai prossimi giorni, tutti i banchetti dei mercati di CampiAperti distribuiranno materiale informativo per supportare XM. La prossima data per difesa dello spazio è il 4 marzo: faremo un mercato con tutti i nostri produttori, circa 100, in via Fioravanti (la strada dove si trova XM 24, ndr) per dimostrare la nostra solidarietà. Speriamo in una nutrita partecipazione da parte dei cittadini. Il prossimo fine settimana invece sarà il quindicesimo compleanno di XM e parteciperemo anche noi con un mercato straordinario.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Cosa succede in Nigeria? – Io Non Mi Rassegno #233

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio

|

La Giornata Mondiale della Metà della Terra si celebra nel Parco delle Foreste Casentinesi

|

Casa Balestra: ospitare il passato per seminare il futuro #2

|

Stop ai pesticidi in viticoltura: e se la soluzione venisse da un robot?

|

IT.A.CÀ Migranti e viaggiatori: le ultime tappe del festival dedicato al turismo responsabile

|

Rinascere, camminando: scoprire a piedi i territori dell’anima e d’Italia