Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Apr 2017

Tessitura, India, scarti ed economia carceraria: si cercano collaboratori!

Scritto da: Roberto Vietti

Rilanciamo l’appello di Riccardo Torrini, agente del cambiamento, che cerca collaboratori per il suo progetto nel mondo del tessile.

Vi ricordate dell’annuncio che abbiamo pubblicato qualche tempo fa sul progetto agricolo di Andrea? In poche ore è stato contattato da tantissimi interessati. E allora perché non provare a fare lo stesso con l’appello giuntoci da parte di RiccardoAgente del Cambiamento  piemontese?

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

“Mi chiamo Riccardo Torrini, da più di 20 anni frequento l’India per fare prodotti per la distribuzione. Negli ultimi anni mi sono prevalentemente occupato di tessile ed in particolare di tappeti.

 

Soffro molto per i grandi quantitativi di ottimi materiali che vedo finire fra i rifiuti, in passato riuscii a fare un articolo per una prestigiosa azienda utilizzando scarti. Oggi vorrei riprovare mettendo in piedi questo progetto specifico: il telaio che si presta alla bisogna è senza dubbio il PUNJA LOOM verticale (su internet troverete immagini a volontà). Il PUNJA necessita di un normale ordito di filo continuo mentre in trama può accogliere titoli diversi di qualsiasi lunghezza, anche di pochi cm.

tessitura-india-scarti-economia-carceraria-cercano-collaboratori-1491919815
La tessitura a mano è un’attività formativa, tranquilla e pacificatrice, nobilmente manuale,continuamente progettuale, parca, bisognosa di modesti strumenti, di gesti antichi e concreti etc: in genere ritengo quanto mai opportuno proporla come lavoro in questi tempi squinternati.

 

Fermarsi, riflettere, accorgersi che abbiamo le mani e che le mani sono il miglior strumento disponibile, pensare prima di buttare, inventare cosa si può fare con lo “scarto”, progettare i limiti e coi limiti… Si tratta di un’attività positiva per tutti e comincerei a proporla ai carcerati, a chi cerca di uscire da una dipendenza, a persone con limitazioni fisiche.

 

Personalmente dispongo di un capannone nella zona industriale di Cavaglià presso il casello della A4. Cerco chi mi può affiancare in questa impresa: non ho difficoltà ad approvvigionare meravigliosi scarti, ad importare un paio di telai campione che poi sarà facile replicare qui, a far venire per periodi non superiori a 3 mesi uno o più tessitori che formino istruttori comunicando gli importantissimi particolari del mestiere.

 

Cerco chi può occuparsi del rapporto con gli enti, della comunicazione, dell’organizzazione, dell’amministrazione, del finanziamento, della commercializzazione dei prodotti”.

Per tutti gli interessati vi invitiamo a contattarlo via mail a rtorrini@gmail.com.

 

 

 

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune