12 Apr 2017

Tessitura, India, scarti ed economia carceraria: si cercano collaboratori!

Scritto da: Roberto Vietti

Rilanciamo l'appello di Riccardo Torrini, agente del cambiamento, che cerca collaboratori per il suo progetto nel mondo del tessile.

Vi ricordate dell’annuncio che abbiamo pubblicato qualche tempo fa sul progetto agricolo di Andrea? In poche ore è stato contattato da tantissimi interessati. E allora perché non provare a fare lo stesso con l’appello giuntoci da parte di RiccardoAgente del Cambiamento  piemontese?

 

“Mi chiamo Riccardo Torrini, da più di 20 anni frequento l’India per fare prodotti per la distribuzione. Negli ultimi anni mi sono prevalentemente occupato di tessile ed in particolare di tappeti.

 

Soffro molto per i grandi quantitativi di ottimi materiali che vedo finire fra i rifiuti, in passato riuscii a fare un articolo per una prestigiosa azienda utilizzando scarti. Oggi vorrei riprovare mettendo in piedi questo progetto specifico: il telaio che si presta alla bisogna è senza dubbio il PUNJA LOOM verticale (su internet troverete immagini a volontà). Il PUNJA necessita di un normale ordito di filo continuo mentre in trama può accogliere titoli diversi di qualsiasi lunghezza, anche di pochi cm.

tessitura-india-scarti-economia-carceraria-cercano-collaboratori-1491919815
La tessitura a mano è un’attività formativa, tranquilla e pacificatrice, nobilmente manuale,continuamente progettuale, parca, bisognosa di modesti strumenti, di gesti antichi e concreti etc: in genere ritengo quanto mai opportuno proporla come lavoro in questi tempi squinternati.

 

Fermarsi, riflettere, accorgersi che abbiamo le mani e che le mani sono il miglior strumento disponibile, pensare prima di buttare, inventare cosa si può fare con lo “scarto”, progettare i limiti e coi limiti… Si tratta di un’attività positiva per tutti e comincerei a proporla ai carcerati, a chi cerca di uscire da una dipendenza, a persone con limitazioni fisiche.

 

Personalmente dispongo di un capannone nella zona industriale di Cavaglià presso il casello della A4. Cerco chi mi può affiancare in questa impresa: non ho difficoltà ad approvvigionare meravigliosi scarti, ad importare un paio di telai campione che poi sarà facile replicare qui, a far venire per periodi non superiori a 3 mesi uno o più tessitori che formino istruttori comunicando gli importantissimi particolari del mestiere.

 

Cerco chi può occuparsi del rapporto con gli enti, della comunicazione, dell’organizzazione, dell’amministrazione, del finanziamento, della commercializzazione dei prodotti”.

Per tutti gli interessati vi invitiamo a contattarlo via mail a rtorrini@gmail.com.

 

 

 

 

 

 

Articoli simili
Ben(i)tornati, ecco come l’Italia riprende vita grazie alla rigenerazione e al riuso
Ben(i)tornati, ecco come l’Italia riprende vita grazie alla rigenerazione e al riuso

Ricoeso e la seconda vita dei materiali inerti riciclati: da rifiuti ad arredi urbani
Ricoeso e la seconda vita dei materiali inerti riciclati: da rifiuti ad arredi urbani

Ecco come l’economia circolare trasforma i rifiuti in risorse – Un viaggio lungo dieci anni #7
Ecco come l’economia circolare trasforma i rifiuti in risorse – Un viaggio lungo dieci anni #7

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale