7 Apr 2017

Vermogno Vive, organizza e accoglie

Scritto da: Roberto Vietti

Una delle finalità dell'associazione è quello di costruire una “comunità di paesaggio” attraverso un luogo di qualità in cui ci si possa identificare.

ZUBIENA (BI) – E’ di nuovo ora di risalire in sella. Vermonio ci attende sotto la pioggia.

Arriviamo belli inzuppati a Vermogno e lo scenario è sorprendente. Un borgo caratteristico, che per qualche strano motivo ci ha affascinato e allo stesso tempo fatto riflettere. Alex e Andrea ci attendono e ci accolgono nella sede dell’Associazione Vermogno Vive.

Andrea, di Roma, è un ottimo oratore, preparato e determinato e intelligente. E’ un piacere ascoltare le sue parole. Ci racconta della storia di Vermogno e della miniera romana abbandonata nel 70 A.C. In pochi minuti riesci a riassumerci con dovizia di dettaglio la storia millenaria di questo luogo incredibile. Tale miniera è funzionata per circa cento anni, dando lavoro a più di cinquemila persone. Le pietre venivano preso in mano e lavate dagli schiavi, secondo un criterio di estrazione industriale per arrivare al tanto desiderato oro puro. Le tribù presenti prima dell’arrivo dei romani lo facevano nel periodo antecedente in maniera più semplice.

CONTINUA LA LETTURA DELL’ARTICOLO COMPLETO DAL DIARIO DEL “BIELLESE CHE CAMBIA”

Vuoi viaggiare in maniera consapevole, attenta alla sostenibilità ambientale e alle culture e tradizioni dei luoghi che visiti?
Scegli fra i viaggi e gli operatori della nostra rete che ti proponiamo in questa pagina!

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
È tutto pronto per il Carnevale di Scampia, fra fermento sociale e ingiustizie burocratiche
È tutto pronto per il Carnevale di Scampia, fra fermento sociale e ingiustizie burocratiche

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile
Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

A Ventimiglia si fa scuola pratica di pace attraverso la solidarietà
A Ventimiglia si fa scuola pratica di pace attraverso la solidarietà

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Mouloud, la bottega tessile nata sulle isole Eolie tra tradizione e sostenibilità ambientale e sociale

|

Baskin, il basket più bello e più inclusivo in cui atleti disabili e non giocano insieme

|

Ashoka fellow: è aperta la chiamata per innovatori e innovatrici sociali da inserire nella rete

|

La scuola condivisa che esce dalle mura scolastiche: a Chieri un nuovo patto di collaborazione

|

È tutto pronto per il Carnevale di Scampia, fra fermento sociale e ingiustizie burocratiche

|

Capire l’India contemporanea

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43