25 Set 2017

Educare a essere umani, educare alla nonviolenza

Scritto da: Publiredazionale

Come superare le diverse forme di violenza quotidiana attraverso l'educazione. Questo il tema al centro del primo convegno pubblico della rete educativa ED.UMA.NA che si terrà a Milano il 2 ottobre prossimo, in occasione della Giornata internazionale della Nonviolenza.

Il 2 ottobre prossimo, in occasione della Giornata internazionale della Nonviolenza, esperti, associazioni, genitori e mondo della scuola si riuniscono a Milano per confrontarsi sul tema dell’educazione alla nonviolenza per prevenire la violenza in modo sistematico.

[av_button_big label=’PARTECIPA AL CONVEGNO!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://goo.gl/j1PtCS’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

“Umanizziamo la scuola: educare a essere umani, educare alla nonviolenza”: questo il titolo del primo convegno   pubblico di ED.UMA.NA, la rete educativa che afferma l’umano come valore centrale, superando le discriminazioni di ogni tipo e canalizzando gli sforzi di contrasto al cyberbullismo, al disagio giovanile e agli stereotipi di genere.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

“Abbiamo ritenuto necessario organizzare un dibattito pubblico tra territorio e comunità scolastica sul valore dell’educazione nella prevenzione alla violenza, con la prospettiva di costruire le basi per creare una rete reale tra studenti, insegnanti e genitori e lavorare per una vera alleanza a sostegno delle nuove generazioni”, spiegano gli organizzatori del convegno.

 

“L’incontro intende sottolineare l’urgenza e la necessità di un’educazione volta alla centralità dell’essere umano, ad uno stile di vita nonviolento per superare le discriminazioni di ogni genere e la sofferenza quotidiana, per sviluppare nei nostri bambini e bambine l’amore per se stessi, per gli altri e per l’ambiente che ci circonda”.

scuole_oranv_narcisi_virtù_2A_20151221_13_37_09_Pro

“Attualmente la scuola e la famiglia sono chiamate ad assumere un ruolo fondamentale per arginare la deriva violenta di una società in cui i valori umani sono sempre più in crisi. Pertanto pedagogisti, filosofi, neuroscienziati, dirigenti, docenti e associazioni si troveranno per lavorare al cambiamento e per proporre delle strategie che permettano di fronteggiare il malessere interno alla scuola e alle famiglie”.

 

Le finalità del convegno sono:
– Stimolare una riflessione sul superamento delle diverse forme di violenza presenti a diversi livelli (genitori, insegnanti, alunni)
– Diffondere alcune conoscenze delle neuroscienze in ambito scolastico in relazione all’origine della violenza e della nonviolenza negli essere umani
– Presentare ufficialmente la pratica Pratica di Educazione alla Nonviolenza Attiva ED.UMA.NA e alcune buone pratiche sul territorio
– Promuovere l’ampliamento della rete ED.UMA.NA che coinvolge scuole e territorio
– Promuovere e diffondere il 2 ottobre, Giornata Internazionale della Nonviolenza, promossa dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 15 giugno 2007.

 

Il convegno prevede una prima parte di conferenze in cui esperti di pedagogia, nonviolenza e di neuroscienze intervengono con l’obiettivo di mettere a fuoco il ruolo dell’educazione nella società attuale, dove la violenza si perpetua quotidianamente, nell’ottica di una possibile trasformazione della società stessa, sottolineando la potenzialità nonviolenta dell’essere umano per raggiungere un duraturo cambiamento.

 

testata_convegno 2 ottobre edumana

 

Nella seconda parte è prevista una rassegna delle “buone prassi” già sperimentate o in via di sperimentazione sul territorio, molte delle quali partite da iniziative individuali o da piccole reti. In conclusione si terranno due laboratori, di cui uno dedicato ai docenti e l’altro ai genitori per sperimentare subito alcuni punti chiave presenti nella pratica ED.UMA.NA.

.

 

Nelle pause e al termine del convegno, docenti, dirigenti scolastici e genitori avranno inoltre la possibilità di incontrare le associazioni di Milano e provincia che offrono programmi di educazione alla nonviolenza e/o di prevenzione alla violenza nello spazio Giardino d’inverno attiguo all’auditorium. “Abbiamo voluto convogliare tutte le associazioni che si occupano di prevenzione alla violenza e che lavorano nel campo educativo, con l’intenzione di diminuire la frammentazione delle informazioni e  dando la possibilità di presentare direttamente le proprie proposte alle scuole o ai genitori”.

scuole_ciessevi_lab_2015_4

ED.UMA.NA  è una pratica educativa e una rete che pone l’essere umano come valore centrale, per superare le differenti forme di violenza quotidiana e le discriminazioni di ogni tipo, canalizzando gli sforzi di contrasto al cyberbullismo, al disagio giovanile e agli stereotipi di genere.
ED.UMA.NA è stata progettata nell’ambito del Centro di Nonviolenza Attiva e del Tavolo di Educazione alla Nonviolenza di Milano, con la consulenza del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione – Università degli Studi di Milano-Bicocca. È promossa dalle associazioni Mondo Senza Guerre e Senza Violenza e La Comunità dello Sviluppo Umano.

 

L’ingresso al convegno è gratuito. Per la partecipazione è obbligatoria l’iscrizione a questo link.

 

Per scaricare il programma del convegno clicca qui

 

La pagina Facebook del convegno

 

Informazioni sul convegno
Titolo del convegno: “Educare a essere umani, educare alla nonviolenza – Come superare le diverse forme di violenza quotidiana attraverso l’educazione”.
Data: lunedì 2 ottobre 2017 (in occasione della Giornata Internazionale della Nonviolenza)
Orario: dalle 14.00 alle 19.30
Luogo: Auditorium e Giardino d’inverno dell’Acquario Civico di Milano, viale G. Gadio, 2, Milano
Destinatari: docenti, dirigenti scolastici, educatori e educatrici, assistenti sociali, counselor, pedagogisti, psicologi, associazioni, genitori
Ingresso: pubblico e gratuito

 

L’evento è promosso da “Mondo Senza Guerre e Senza Violenza” e “La Comunità per lo Sviluppo Umano Ahimsa” con il patrocinio del Comune di Milano e della Università di Milano-Bicocca e il contributo di Fondazione Cariplo.

 

Il convegno è sostenuto da:
Afol Metropolitana
Associazione CSTG – Centro Studi Terapia Gestalt
Associazione genitori SenzaZaino
CGD Coordinamento Genitori Democratici Lombardia
Centri di Aggregazione Giovanile di Lambrate e CAG Punto e Virgola
Istituto Comprensivo Cavalieri
Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua
Istituto Comprensivo Thouar-Gonzaga
Istituto Professionale Alberghiero “A. Vespucci”
Liceo Statale Virgilio

 

Contatti:
2ottobre@centrononviolenzattiva.org
www.centrononviolenzattiva.org

[av_button_big label=’PARTECIPA AL CONVEGNO!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://goo.gl/j1PtCS’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il mondo dice addio alla carne? – Io Non Mi Rassegno #362

|

Futuro Sospeso: riattivare le vecchie ferrovie per rilanciare le aree interne

|

Tassare l’economia del distanziamento, per un mondo d’incontri

|

Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!

|

Santa Rosalia: a Palermo un festino alternativo per animare le periferie

|

Healthy Company: un ambiente sano per stare bene e lavorare meglio

|

Icorpidicono: cosa pensa il tuo corpo del distanziamento sociale?

|

MiLLEGGI: libri in viaggio per seminare cultura e condivisione